EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Uomo Misterioso 2016-11-27T11:24:35+02:00

Al vertice di

Cerberus si trova l’Uomo Misterioso, la mente che definisce gli obiettivi e mobilita le risorse dell’intera organizzazione.
La sua influenza si estende su numerosi fronti e i progetti che segue sono i più vari: ma tutti rispondono allo scopo comune di avvantaggiare l’umanità – e offrirle la supremazia sulle altre specie della galassia. Per raggiungere questo obiettivo, l’Uomo Misterioso non si pone limiti morali nè verso gli esseri umani nè tanto meno verso i membri di altre specie.

La sua articolatissima rete di informatori e la sua capacità di volgere le circostanze a proprio vantaggio hanno permesso a Cerberus di accumulare risorse ingenti e di realizzare progetti che nessun altro avrebbe tentato, come il Progetto Lazarus.

L’Uomo Misterioso comunica con i propri agenti da una base segreta, coordinando diverse unità operative prive di contatto diretto l’una con l’altra; questo accentra completamente il controllo nelle sue mani e insieme garantisce che tutta l’organizzazione segua compatta gli stessi fini. Gli agenti di Cerberus non incontrano quasi mai l’Uomo Misterioso di persona; le comunicazioni avvengono a distanza tramite ologramma.

Ben poco si sa di questo personaggio, che appare come un uomo di mezza età, ben vestito e caratterizzato da impianti oculari che ne rendono lo sguardo particolarmente penetrante.
Del resto i suoi modi sono sempre attentamente controllati e diplomatici. Maestro della manipolazione, non dice mai più di quanto gli è necessario e si può star certi che anche ciò che sceglie di rivelare è mirato a ottenere un effetto preciso.

Prima di fondare Cerberus e diventare l’Uomo Misterioso il suo nome era Jack Harper. Il nome con cui ora è conosciuto gli venne dato in seguito dall’

Alleanza, che definì il manifesto dell’organizzazione da lui fondata come “retorica separatista di un uomo misterioso”.

Psicologia
Pur predicando una moralità in scala di grigi, l’Uomo Misterioso ha dimostrato più volte di pretendere fedeltà assoluta da parte dei suoi sottoposti, arrivando anche a eliminare sistematicamente alcuni suoi collaboratori pur di mantenere segreti i suoi propositi più oscuri.
Inutile dire che il tradimento viene severamente punito all’interno della sua organizzazione.
Con gli anni la sua xenofobia è aumentata, sfociando in vero e proprio razzismo quando condusse esperimenti su Alieni di vario genere per ottenere le informazioni di cui aveva bisogno.
Nonostante il suo fine ultimo sia quello di preservare l’umanità, non si è fatto scrupoli quando, per poter potenziare la sua organizzazione, condusse esperimenti e uccise centinaia di profughi durante la guerra contro i

Razziatori.

Mass Effect: Evolution
TIM ME EvolutionNel 2157 Jack Harper era un mercenario che prese parte alla

Guerra del Primo Contatto in un gruppo speciale dell’Alleanza guidato dal Generale Williams.
Non appena la guerra finì, la sua unità si trovò invischiata in un complotto atto a sterminare i capi della gerarchia
Turian tramite l’utilizzo di un manufatto alieno di origine sconosciuta.
Accidentalmente Jack entrò in contatto diretto con il manufatto, e oltre a ricevere alcuni mutamenti fisici (come ad esempio gli occhi luminescenti) Jack ricevette delle visioni sull’estinzione dei
Prothean e sull’imminente ritorno dei
Razziatori.
Una volta sventato il complotto messo in atto dal generale Turian traditore Desolas Arterius con l’aiuto di suo fratello Saren e seppellito i suoi amici Ben Hislop (impazzito a seguito dell’esposizione al manufatto) e Eva Corè (amante di Jack) caduti durante lo scontro finale su
Palaven, Jack uscì dalla scena Galattica per agire nell’ombra.
Prendendo atto delle sue visioni, diffuse un manifesto mirato a creare un’organizzazione che preservasse l’umanità dalla minaccia aliena imminente, un’organizzazione chiamata Cerberus.[/spoiler]

Mass Effect: Redemption
TIM ME2Dopo la morte di Shepard per mano dei Collettori nel 2183, l’Uomo misterioso incaricò Miranda Lawson di recuperare e riportare in vita il corpo del comandante.
Per portare a termine il suo incarico, Miranda si servì dell’aiuto dell’ex compagna d’armi di Shepard Liara T’Soni e dell’agente dell’ombra traditore Feron, che tuttavia tradì Cerberus e la dottoressa T’Soni rivelandosi un triplogiochista (in quanto fece finta di tradire l’Ombra già una volta).
Una volta scoperti i veri piani dell’Ombra, che intendeva vendere il corpo del Comandante direttamente ai Collettori, Feron si sacrificò per permettere all’Asari di portare Shepard al sicuro tra le braccia di Miranda e del suo Progetto Lazarus, che due anni dopo riuscì a riportarlo in vita.[/spoiler]

Mass Effect 2
L’Uomo Misterioso investì enormi risorse per recuperare e ripristinare il corpo del Comandante, ricostruire la Normandy e ricostituire per quanto possibile l’equipaggio con cui Shepard ha realizzato la propria vittoria contro la

Sovereign.
L’obiettivo era non solo quello di restituire all’umanità un leader e un simbolo, capace di trascinare la specie umana oltre la crisi dell’invasione dei Razziatori e di rafforzarne il ruolo sulla scena galattica ma anche di servirsi dell’abilità e del carisma del comandante per impadronirsi dei segreti delle tecnologie dei
Collettori.
La riuscita di questo suo obiettivo ultimo è dettata esclusivamente dalle scelte di Shepard, e quindi del giocatore, che si ritroverà a dover scegliere se distruggere la base sovraccaricandone il nucleo o semplicemente ucciderne gli occupanti con un dispositivo radioattivo, consegnando di fatto a Cerberus e all’Uomo Misterioso le chiavi di una delle strutture più potenti e meglio difese della Galassia.

Mass Effect: Invasion
Per poter avere libero accesso alle risorse oltre il portale di Omega-4 l’Uomo misterioso pianeficò attentamente l’invasione della vicina stazione spaziale Omega, mettendo a capo dell’esercito di occupazione il generale Oleg Petrovsky.
Tramite la minaccia degli

Adjutants (mostri multispecie creati con le tecnologie ritrovate nei resti della stazione spaziale dei Collettori) Cerberus riuscì ad allontanare e catturare la carismatica leader di
Omega, Aria T’Loack, e presero in breve tempo il controllo della stazione.
Nonostante la fuga di Aria dalla nave di Cerberus e gli eroici tentativi di resistenza da parte degli abitanti di Omega, Petrovsky e l’Uomo Misterioso riuscirono a conquistare la stazione, costringendo Aria all’esilio minacciando di distruggere Omega e tutti i suoi abitanti tramite un attacco su vasta scala da parte della flotta di Cerberus.

Mass Effect 3
La collaborazione fra Shepard e l’Uomo Misterioso, fin dall’inizio retta su un fragile equilibrio, è definitivamente compromessa dai fatti che seguono la detenzione del Comandante e l’invasione della

Terra.

Il desiderio di favorire l’umanità non ha mai impedito all’Uomo Misterioso di interessarsi alle altre specie, in cerca di esempi e buone pratiche da imitare; ad esempio la versatilità del popolo

Quarian, in grado di sopravvivere grazie alle proprie competenze ingegneristiche.
Ma questo interesse si estese via via a campi ben più inquietanti.
L’inesorabile desiderio di affermazione della supremazia umana ha spinto l’Uomo Misterioso verso metodi sempre più estremi e a una trasformazione della propria posizione nei confronti dei Razziatori: dalla volontà di distruggerli a quella di assoggettarli per sfruttarne la potenza.
Pur di offrire all’umanità un vantaggio Cerberus accettò pesanti contaminazioni con la tecnologia dei Razziatori, scontri diretti con le altre specie e con l’Alleanza, arrivando persino a tentare di sostituire il
Consiglio della Cittadella con il suo alleato Udina tramite un colpo di stato (fortunatamente fallito) nel bel mezzo delle ostilità contro i Razziatori in cui persero la vita moltissimi civili.

TIM ME 3L’indottrinamento e i suoi meccanismi finirono per diventare un’ossessione per l’Uomo Misterioso; egli stesso arrivò a farsi impiantare elementi della tecnologia dei Razziatori per potenziarsi.
Grazie a questi potenziamenti fu in grado per breve tempo di controllare le menti delle sue vittime tramite dei poteri biotici artificiali.
Non è chiaro fino a che punto e per quanto sia stato indottrinato, ma l’Uomo Misterioso terminò la propria esistenza controllato dalla potenza di cui ambiva a conquistare il controllo, in uno scontro contro il Comandante Shepard e Anderson durante l’assalto finale alla terra che pose fine alla guerra contro i Razziatori.