EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Bekenstein 2016-11-27T11:24:52+01:00

Pianeta giardino situato nella nebulosa Serpent, nel sistema Boltzmann. Non possiede satelliti, e ha un periodo orbitale che corrisponde a circa 2.4 anni terrestri.

È stato colonizzato dagli

Umani da 2158 e la sua capitale è la città di Milgrom.
La popolazione sul pianeta è di circa 5.425.000 persone.

Probabilmente il pianeta è stato nominato così in onore di Jacob Bekenstein, il fisico teorico che ha contribuito alla fondazione della termodinamica dei buchi neri e altri aspetti della connessione tra informazione e gravitazione.

Bekenstein fu il recipiente della prima ondata colonialistica Umana, ma i fondatori della colonia avevano mire molto meno agrarie rispetto ad

Eden Prime.

La missione della prima colonia di Bekenstein era di diventare una base manifatturiera al di fuori della

Terra, ingraziandosi l’Umanità nel panorama galattico producendo beni di prima necessità.
La prima generazione di coloni ebbe un successo altalenante, ma Bekenstein scavalcò la concorrenza producendo beni di lusso di alta qualità che venivano spediti direttamente ai mercati attraverso la
Cittadella.
Ad oggi Bekenstain è conosciuto come “la
Illium Umana”, un luogo dove i nuovi magnati del denaro ostentano la propria ricchezza, mentre i meno abbienti rimangono anonimi.

“Più scintillante dei diamanti, più costoso della chirurgia”, questa è la frase con cui gli agenti di viaggio descrivono il pianeta a porte chiuse.

Quando all’Alleanza venne data l’opportunità di colonizzare pianeti dopo la

Guerra del Primo Contatto, Bekenstein venne scelto per essere la rampa di lancio dell’industria Umana nel panorama galattico, producendo beni da vendere nella vicina Cittadella.
I primi prodotti umani vendettero solo grazie alla novità, ma una volta finita la richiesta, l’economia di Beneinstain venne colpita duramente.

Solo nella seconda generazione di coloni la produzione trovò la sua nicchia economica ideale nei prodotti d’intrattenimento di alta qualità e nei prodotti di lusso.
Una volta affermatosi il marchio, gli esponenti delle varie razze aliene accorsero nei numerosi spazioporti del pianeta.
Bekenstein oggi conta il più alto tasso di milionari di tutte le colonie Umane.

Anche se il crimine tende ad essere più una faccenda da “colletti bianchi “ e non violento, il pianeta possiede comunque un lato oscuro.
Sia il tasso di suicidi che di inflazione sono estremamente alti, se comparati con quelli di altri mondi.
La disoccupazione è artificiosamente bassa perché poche persone che immigrano su questo lussuoso pianeta senza avere un lavoro ben remunerato e sicuro, e il costo della vita è così alto che i lavoratori disoccupati di solito lasciano il pianeta dopo pochi mesi.

Coloro che riescono a restare, si vedono più duri, acuti, e capaci del resto della gente, inoltre si sentono capaci di ottenere rispetto e un’occupazione in qualunque altro pianeta meno lussuoso.
Una canzone popolare dice: “se ce la fai su Bek, li hai presi per il collo”.

Mass Effect 3 

Durante l’attacco dei Razziatori Diana Allers menziona che Bekenstain è stato attaccato e distrutto dalle forze dei Razziatori a causa delle sue infrastrutture industriali, anche se tali fabbriche producevano solo oggetti commerciali come binocoli.
Sul pianeta i Razziatori non lanciarono le forze di terra per mietere la popolazione organica, come negli altri mondi ma si limitarono a bombardare il pianeta dall’orbita.

 

Avatar
Videogiocatore dalla tenera età di 5 anni, golgoth ha creato RPG Italia mentre studiava medicina. Finiti i tempi da studente continua ancora a seguire con passione la propria creatura, divertendosi, da buon nostalgico dei tempi che furono, a rigiocare periodicamente vecchie glorie del passato quali Monkey Island o Magic Carpet, senza disdegnare i titoli più recenti (soprattutto RPG, ovviamente).