EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Comunicatori Relazionali Quantici 2016-11-27T11:24:35+02:00

Comunicatori relazionali quantici“Quando una coppia di particelle legate quanticamente viene separata, il cambiamento di stato di una particella influirà istantaneamente sull’altra, ovunque essa si trovi nell’universo.”

E questo è l’effetto alla base del funzionamento dei Comunicatori Relazionali Quantici (CRQ) che lo sfruttano per trasmettere dati binari a qualsiasi distanza.
Per tale trasmissione e la ricezione sono necessarie due coppie di particelle legate.
Sebbene la tecnologia dei CRQ sia estremamente costosa e difficile da produrre, offre due enormi vantaggi: innanzitutto, permette la comunicazione istantanea a qualsiasi distanza, senza affidarsi a una rete di boe ricetrasmittenti, limitata dal mastodontico volume dello spazio.

Inoltre la distruzione delle boe può limitare l’Intelligence Militare del nemico e, pertanto le boe sono il primo bersaglio degli incursori in guerra.
Le comunicazioni quantiche tra una fonte e una destinazione non possono essere intercettate, impedendo qualsiasi fuga di notizie.
Sfortunatamente i CRQ non possono sostituire le infrastrutture di comunicazione civile della galassia: possiedono una larghezza di banda estremamente limitata (una particella può trasmettere soltanto un singolo bit quantico di dati per volta) inoltre la natura “punto-a-punto” del sistema preclude qualsiasi rete peer-to-peer e, pertanto, la diffusione dei dati attraverso la rete galattica extranet.

L’applicazione strategicamente più appropriata dei CRQ avviene in campo militare: ogni colonia dell’Alleanza mantiene un CRQ nel proprio quartier generale così come ogni flotta ne ha in dotazione uno nella sala tattica dell’ammiraglia. Tutte le particelle legate a tali CRQ sono conservate in una struttura centrale sulla Stazione Arcturus.
Durante un attacco basta inviare il segnale ad Arcturus perché questa diffonda l’informazione alle altre flotte o colonie.
Tuttavia la distruzione del centro comunicazioni su Arcturus farebbe crollare l’intera rete dei CRQ e quindi collassare il sistema comunicativo dell’Alleanza.