EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Horizon 2016-11-27T11:24:51+01:00

Descrizione


Horizon
è una colonia

Umana situata nei
Sistemi Terminus, più precisamente nel sistema Iera situato nell’ammasso “Mare delle Ombre”. Horizon è tenuto in piedi da un’economia agricola molto fiorente che produce cibo anche per le specie con destro-amminoacidi come i
Turian e i
Quarian. I Turian infatti sono diventati dei clienti fissi della colonia,  un significativo punto di rifornimento per le navi che vi fanno scalo.

HorizonIl pianeta è stato scoperto nel 2167, un anno dopo è stata fondata la capitale Discovery che ai tempi era un semplice villaggio creato per fornire vitto e alloggio ai piloti dell’area. Otto anni dopo (cioè nel 2176) è ufficialmente diventato una colonia Umana a tutti gli effetti.

Horizon non possiede attrazioni turistiche artificiali o edifici degni di nota, la maggior attrazione di questo pianeta è di fatto la sua natura incontaminata. La flora presenta foreste verdeggianti e grandi praterie, oltre a un terreno mediamente molto fertile che permette un’attività agricola caratterizzata da un elevato grado di produttività.

La quantità di ossigeno dell’atmosfera è mantenuta grazie  alle abbondante flora indigena fotosintetica, che però non è adatta all’alimentazione umana. Le piante che vengono coltivate sono tutte di importazione e potrebbero entrare in conflitto con le specie indigene, motivo per cui i coloni devono fare moltissima attenzione a non causare un disastro biologico che rovinerebbe l’ecosistema.

La fauna di Horizon corrisponde a quella terrestre verso la fine del periodo “Cambriano”, composta da meduse, spugne, altri organismi marini  e pochi insetti sulla terraferma. Tuttavia questi insetti, sfruttando l’atmosfera più densa di quella terrestre e una gravità ridotta, sono cresciuti a dismisura finendo per costituire un pericolo per i coloni.

La vita microbica del pianeta non sembra essere aggressiva tranne in rari casi: per visitare il pianeta è necessario vaccinarsi soltanto per le forme più violente di malattie trasmesse dal terreno.

Il pianeta è abitato da dissidenti in cerca di un luogo lontano dalla giurisdizione del Consiglio e dell’Alleanza (nonostante quest’ultima eserciti ancora un certo grado di autorità sul pianeta) ed è relativamente più sicuro degli altri pianeti colonizzati nei Sistemi Terminus.

Nel 2185 la colonia ha fatto parte del programma di armamento dei pianeti dell’Alleanza in territorio “di confine” che prevedeva l’istallazione di alcune torrette GUARDIAN negli insediamenti più importanti. Per supervisionare i lavori fu scelto e stanziato sul pianeta un ex membro dell’equipaggio della Normady SR1, che sopravvisse alla missione su Virmire nel 2183.

 

Mass Effect 2

Poco prima del collaudo delle torrette il pianeta è stato però attaccato dai

Collettori che in quel periodo rapivano intere colonie umane situate nelle regioni più periferiche della colonizzazione umana. I Collettori non portarono via tutta la popolazione solo grazie all’intervento di una task force di
Cerberus guidata dal Comandante Shepard, il quale riuscì ad attivare e calibrare le torrette costringendo i Collettori alla ritirata.

 

Mass Effect 3

Sanctuary, uno dei rifugi principali durante la Guerra contro i

Razziatori del 2186, si dimostrò essere in realtà un’enclave di Cerberus che usava i rifugiati per i suoi esperimenti sul controllo a distanza dei
Mutanti da parte dei Razziatori. A capo della struttura c’era Henry Lawson, ricco uomo d’affari al servizio di Cerberus.

La struttura venne abbandonata da Cerberus sempre nel 2186, quando le ricerche sul controllo si conclusero in un successo, attirando tuttavia l’attenzione dei razziatori che attaccarono Sanctaury. La vera natura di Sanctuary fu scoperta grazie al coraggio e all’eroismo delle figlie di Henry Lawson, che rischiarono la vita per diffondere via radio la verità sui folli esperimenti del padre e di Cerberus.

Avatar
Videogiocatore dalla tenera età di 5 anni, golgoth ha creato RPG Italia mentre studiava medicina. Finiti i tempi da studente continua ancora a seguire con passione la propria creatura, divertendosi, da buon nostalgico dei tempi che furono, a rigiocare periodicamente vecchie glorie del passato quali Monkey Island o Magic Carpet, senza disdegnare i titoli più recenti (soprattutto RPG, ovviamente).