EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Bruti 2016-11-27T11:24:49+02:00

I Bruti sono abomini creati dai

Razziatori unendo arti e organi
Krogan e
Turian alla loro straordinaria quanto orripilante tecnologia.

Ciò che ne risulta è una potenza tanto forte quanto relativamente intelligente, infatti il loro intelletto gli permette di analizzare il campo di battaglia e di usare la loro tremenda forza in modi diversi a seconda della situazione, per esempio scoperchiando un trasporto blindato per attaccare le truppe che sono all’interno.

La loro intelligenza è superiore a quella dei

Cannibali potenziati e sarebbe pari a quella dei
Predatori, se solo non fossero in perenne stato iracondo dovuto alla parte di cervello Krogan: ciò li rende inadatti a governare le truppe sul campo, come fanno i loro “cugini” Turian.

 

Fisiologia

Come i Krogan, da cui in parte derivano, sono in grado di entrare in una sorta di “ira sanguinaria”, i tessuti Turian impediscono la rigenerazione che normalmente caratterizza i Krogan, tuttavia rimane l’aumento di adrenalina, e questo influisce sul Bruto rendendolo più aggressivo e più forte, illuminando di rosso i suoi occhi.

Esistono due varianti di Bruti: corazzati e non.

Quelli corazzati sono più difficili da abbattere a causa della mancanza di punti deboli che non siano i glutei o la spina dorsale, mentre quelli non corazzati hanno più parti organiche esposte che forniscono un vantaggio impressionante a un esperto tiratore dotato di fucile di precisione.

Le parti organiche tra una specie destro-amino come i Turian e una specie levo-amino come i Krogan vengono mantenute nello stesso corpo grazie a numerose valvole che regolano lo scambio di sostanze nutritive e minerali utili ad entrambe le fisiologie e trattengono le sostanze che potrebbero destabilizzare o causare il rigetto delle varie parti Turian, Krogan e sintetiche.

Esempio di Bruto:

Bruto corazzato

Bruto non corazzato

 

Avatar
Videogiocatore dalla tenera età di 5 anni, golgoth ha creato RPG Italia mentre studiava medicina. Finiti i tempi da studente continua ancora a seguire con passione la propria creatura, divertendosi, da buon nostalgico dei tempi che furono, a rigiocare periodicamente vecchie glorie del passato quali Monkey Island o Magic Carpet, senza disdegnare i titoli più recenti (soprattutto RPG, ovviamente).