EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Flotta Migrante 2016-11-27T11:24:51+01:00

Descrizione

Conosciuta anche come “flottiglia”, questo raggruppamento di oltre 50.000 navi (il più grande della galassia) ospita l’intera razza dei

Quarian, che conta su circa 17 milioni di individui . Fu creata dopo l’esilio dei Quarian da
Rannoch per mano dei
Geth. In genere questa accozzaglia di navi mal ridotte (di cui alcune risalenti alla fuga da Rannoch, perciò vecchie almeno di 300 anni) sono malviste, proprio come la razza che le popola ed i vari sistemi galattici fanno quanti più sforzi possibili per tenerli lontani dai propri pianeti.

QuarianNella flottiglia esistono diversi clan, tutti sparsi per le popolatissime navi, che possono ospitare quasi 10 volte la popolazione per cui erano state progettate; se si conta che poi queste navi sono quasi sempre in pessime condizioni, si può capire a quanto lavoro siano soggetti gli ingegneri e i meccanici Quarian. Quando tuttavia una nave diventa davvero inservibile, l’intera flotta può mettere insieme dei crediti con cui saranno comprate nuove navi (non certo di ultima generazione).

I Quarian sono costretti a vivere in spazi ridotti, poiché la loro popolazione è difficilmente sostenibile persino per l’enorme numero di navi messo a disposizione dalla Flotta Migrante. Nonostante ci siano piani per contrastare la sovrappopolazione, i capitani spesso incentivano la riproduzione, in quanto più abitanti sono presenti su una nave più essa sarà prestigiosa; nonostante ciò, la navi piccole non vengono denigrate ma, anzi, gli abitanti vengono visti come privilegiati, siccome si sono potuti permettere un “vascello privato”.

Non tutti gli abitanti della Flotta lavorano, infatti è compito del governo fornire cibo e cure mediche a tutti i Quarian. Le cure mediche sono fornite grazie ad ampie scorte, costantemente reintegrate durante le diverse tappe prestabilite dall’Ammiragliato. Diversamente, il cibo è prodotto dalle navi-serra (gioielli di tecnologia agricolo-spaziale) che riescono a sfamare 17 milioni di Quarian con i loro prodotti. Queste navi tuttavia sono estremamente fragili (nonché di importanza vitale per la Flotta) e la distruzione o il grave danneggiamento di una sola di queste potrebbe condannare alla morte migliaia di Quarian. Anche per questo sono posizionate proprio in mezzo alla Flotta, in modo che siano protette da qualunque pericolo e che le riparazioni in caso di guasto possano arrivare prima che il problema diventi grave.

Pochi sono gli esseri non appartenenti alla specie Quarian che hanno avuto la possibilità di mettere piede su una delle tante navi della flottiglia: il debole sistema immunitario dei Quarian induce alla prudenza per timore di agevolare la diffusione di malattie pericolose per la popolazione.

 

Suddivisione delle flotte

  • Flotta Civile: Consiste nelle navi civili e nelle navi-serra. È capitanata dall’ammiraglio Zaal’Koris e costituisce il grosso della flottiglia.
  • Flotta di pattuglia: Si occupa della navigazione, sicurezza interna e dei crimini nella Flottiglia. Le navi di questa flotta, in gran parte fregate e caccia, si trovano sotto il comando dell’ammiraglio Shala’Raan.
  • Flotta pesante: È la potenza militare della Flottiglia, capitanata dall’ammiraglio Han’Gerrel.
  • Progetti speciali: Sono un insieme di navi da ricerca poste sotto il comando dell’ammiraglio Daro’Xen.

 

Storia

La Flotta Migrante nacque verso la fine del 19° secolo, al termine della guerra degli albori, la quale vide i Geth vincitori. Da lì in poi la Flotta si espanse dalle poche navi iniziali fino al numero che oggi conosciamo. Durante il suo peregrinare, la flotta Quarian fu costretta a difendersi da diverse aggressioni da parte di pirati e persino una condotta dall’organizzazione terroristica pro-

umani
Cerberus”.

 

Mass Effect 2

[spoiler effect=”blind” show=”Mostra spoiler”]Nel 2186 una nave di ricerca, dal nome “Alarei”, fu conquistata dai Geth che uccisero tutti gli scienziati e gli ingegneri Quarian presenti a bordo. Solo grazie al tempestivo aiuto del Comandante Shepard si riuscì a riprendere il controllo della nave.[/spoiler]

Poco prima della guerra avvenuta contro i

Razziatori, i Quarian si prepararono in vista di un’offensiva a sorpresa contro i Geth. Il piano d’attacco fu deciso dopo che l’ammiraglio Daro’Xen, grande esperta di tecnologia IA, creò un particolare congegno che immetteva enormi quantità di dati spazzatura nel consenso Geth, in modo che questi non potessero comunicare tra loro, rimanendo dunque confusi e spaesati. Per il voto di 3 ammiragli su 5 fu decisa l’apertura delle ostilità e i Quarian iniziarono a raccogliere materiali per armare ogni nave possibile, persino le navi-serra.

 

Mass Effect 3

I Quarian attaccarono nel momento nel quale i Geth erano più vulnerabili, ovvero proprio alla fine della costruzione di una mega-struttura nella quale si erano già inseriti numerosi programmi geth. Non è chiaro come abbiano potuto ottenere questa informazione. Comunque, dopo la distruzione della mega-struttura, i Geth andarono nel panico più totale, tanto da chiedere aiuto ai Razziatori, che li aggiornarono sia in capacità di calcolo sia in potenzialità belliche, rendendo inutili lo contromisure create da Xen. La situazione andò quindi degenerando per i Quarian, sovrastati dai nuovi Geth più forti e intelligenti.

Il comandante Shepard, in cerca di aiuti per la battaglia contro i Razziatori, riuscì tuttavia a fare la differenza: innanzitutto distrusse con l’aiuto di Tali’Zorah il Dreadnought Geth, un’immensa quanto potente nave che fungeva da amplificatore del segnale dei Razziatori. Questa vittoria tuttavia fu quasi inutile, siccome i razziatori avevano un altro trasmettitore su Rannoch. Qui, sempre con l’aiuto di Tali’Zorah e di Legion (liberato sul Dreadnought) il trasmettitore, che si scopre essere un vero e proprio Razziatore, fu infine distrutto.

Avatar
Videogiocatore dalla tenera età di 5 anni, golgoth ha creato RPG Italia mentre studiava medicina. Finiti i tempi da studente continua ancora a seguire con passione la propria creatura, divertendosi, da buon nostalgico dei tempi che furono, a rigiocare periodicamente vecchie glorie del passato quali Monkey Island o Magic Carpet, senza disdegnare i titoli più recenti (soprattutto RPG, ovviamente).