EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

  • THE ELDER SCROLLS 6 - TITOLO

    The Elder Scrolls VI e Starfield – nuove voci su ambientazione e data di uscita

The Elder Scrolls VI e Starfield – nuove voci su ambientazione e data di uscita

Un post su Reddit da una autoproclamata fonte “vicina a Bethesda Game Studios” porte nuove informazioni, che per quanto ne sappiamo potrebbero rivelarsi completamente false, riguardo i due prossimi RPG di Bethesda, il misterioso Starfield e l’atteso The Elder Scrolls VI.

  • Per quanto riguarda The Elder Scrolls VI, sembra che quanto trapelato finora sia corretto riguardo all’ambientazione: High Rock e Hammerfell. Pare tuttavia che quanto si sia visto nell’immagine sia Yokuda, l’arcipelago di ciò che resta del continente sprofondato. L’aspetto di High Rock sarà ispirato alle illustrazioni di Mark Jones per Battlespire, piuttosto che un tipico high fantasy.
  • La quest principale riguarderà la Torre Direnni ed i Thalmor con le loro macchinazioni, ed la situazione politica fra Hammerfell e High Rock.
  • Lo scenario non sarà generato proceduralmente, ma alcune delle quest sì, con un sistema che sarà una versione potenziata delle radiant quests viste in Skyrim. Ce lo promettono dai tempi di Oblivion, e anche stavolta sembra che la “radiant AI” sarà più sofisticata, con ogni personaggio che ha una propria situzione economica e sociale che delinea le sua azioni e può cambiare con il tempo. Inoltre, non ci saranno caricamenti per entrare nelle città, ma solo per i dungeons, la casa del giocatore ed il viaggio rapido.
  • Il sistema magico sarà potenziato, prendendo ispirazione da mods come Phendrix, per rendere scuole come Illusione o Alterazione più utili. Potremo convincere PNG che siamo qualcun’altro ad esempio, o modificare il terreno intorno a noi. Recupero sarà la categoria che vedrà i maggiori cambiamenti, ispirandosi a Dark Souls, potremo usare incantesimi curativi contro i non morti e non solo per curarsi.
  • Il crafting sarà simile a quello di Fallout 4Le armi potranno essere modificate, anche nelle loro proprietà fisiche, come allungare od accorciare spade, od aggiungere spunzoni e corna ad un elmo.
  • Le Gilde saranno migliorate ed espanseVedremo di novo la Confraternita dei Ladri, così come la Confraternita Oscura, così come ovviamente la Gilda dei Guerrieri. Non ci sarà invece la Gilda dei Maghi, che i maghi di corte delle varie città stanno tentando di ricostituire in una sorta di accademia ad High Rock. Ci saranno gilde di vampiri, che funzioneranno in maniera simile alle casate di Morrowind, ognuna con le sue peculiarità.
  • La data di uscita è sconosciuta, ma potrebbe essere intorno a Novembre 2025.

Per quanto riguarda Starfield invece sappiamo molto meno, in quanto pare che Bethesda tenga particolarmente a questo gioco e non voglia che nessuna informazione trapeli.

A quanto pare guideremo un gruppo di personaggi invece di uno solo, e potremo reclutare compagni in base anche alla loro affiliazione alle varie fazioni presenti nel gioco. Com’è lecito aspettarsi ci saranno diverse razze di alieni, e particolare attenzione sarà posta alle quests. Sembra inoltre che la build del personaggio rivestirà un’importanza maggiore rispetto agli altri titoli Bethesda.

Dobbiamo aspettarci un teaser prima del prossimo E3, quindi la data di uscita di Starfield dovrebbe essere più prossima di quella di The Elder Scrolls VI.

Sarà solo una matassa di fesserie? Ai posteri l’ardua sentenza. Se ci fossero smetite o conferme ufficialli da parte di Bethesda non mancheremo di informarvi.

 

2020-03-06T23:51:36+02:00

Autore:

Gabriele Aroni
Giocatore sin dai tempi in cui a stupire era la grafica di Alone in the Dark, tra un videogioco e l’altro si occupa delle recensioni su RPG Italia. Quando non gioca per piacere trova il modo di farlo per lavoro, insegnando storia del design con Assassin’s Creed II e cercando scuse accademiche per usare videogiochi un po’ ovunque, dagli ospedali alle università.