EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Deus Ex Human Revolution: Cina 2016-11-27T11:24:00+00:00
  • 137972
    Deus Ex Human Revolution

    Deus Ex Human Revolution: Cina

Cina Manovre nell’ombra

Inviato a Highland Park per controllare un segnale, Jensen ha scoperto molto più del previsto: una struttura segreta della FEMA, occupata da un gruppo di mercenari. Gli stessi che, sei mesi prima, lo avevano ridotto in fin di vita. Costretto a combattere contro un soldato di nome Barrett, Jensen ha vinto, uccidendo il suo nemico e scoprendo una nuova traccia: il nome di un complesso di appartamenti in Cina, gli Hengsha Court Gardens…

Hengsha Court Gardens

Deus Ex Human RevolutionDopo aver parlato con Sarif ci vedremo catapultare in Cina, ultimo indirizzo utile che ci ha rivelato Barrett prima di morire:  Hengsha Court Gardens, nell’attico. Malik ci farà atterrare sul terrazzo di un hotel. Passando per l’Hotel Hung Hua, potremo rimediare alcune cose utili: un pass per un locale che ci servirà in seguito, un badget per un altro luogo, nonché due missioni secondarie.
Il pass lo troviamo al terzo piano nella prima stanza di fronte, aperta, il budget al quarto piano nell’ultima stanza chiusa con password di livello 3 (ma potremmo passare dal balcone delle stanze adiacenti), all’interno, ai piedi del letto, c’è il badget, ma entrate cauti poiché ci sarà una guardia non propriamente amichevole dentro il bagno, quindi attenti ai rumori.
Le missioni secondarie le prendiamo al quarto piano nella prima stanza, entrando e parlando con la donna all’interno le attiveremo. Al piano terra oltre alla hall c’è una porta che da in uno sgabuzzino, vi troveremo un venditore e acquirente di armi. L’attico si trova nel quartiere, ancora  oscurato nella mappa, di Youzhao, noi ci troviamo nel quartiere di Kuaigan.
Dato che l’ingresso principale per l’attico sarà precluso per via di un blocco, abbiamo altri due modi per entrarvi: voltiamoci da dove ci troviamo e prendiamo per le scale che conducono al tetto, scavalchiamo qualche condizionatore e saliamo nell’ultima scala, ora qui c’è l’apertura per il tetto, con due militari all’interno che parleranno appena saremo nei pressi (a meno che non siate già passati di qua e allora saranno già sparpargliati di ronda), dopodiché si separeranno.

Deus Ex Human RevolutionOra possiamo passare per il tetto, oppure hackerare la porta li a fianco e prendere per il condotto che si trova all’interno: Questo condotto ci porterà nella struttuta interna dove passano gli ascensori, dal punto in cui sbucheremo ci conviene prima di tutto scendere fino in fondo, a terra troveremo un punto praxis, e poi risalire di nuovo le scale fino all’ultimo livello (in realtà c’è anche un altro livello più in alto, ma avremmo bisogno del potenziamento per saltare, e comunque ci porterebbe sul tetto, cosa che avremmo potuto fare senza bisogno di passare di qua), infilarci in questo condotto e ci ritroveremo proprio nella zona che ci interessa. Voltando immediatamente a destra dall’uscita del condotto, troveremo a destra l’ascensore e alla nostra sinistra due distributori automatici, dietro uno di questi c’è ancora un condotto che ci porterà, se prendiamo poi la biforcazione di destra appena all’interno, proprio davanti al punto x. Qui ci sono tre militari, ma due sono sempre girati di spalle, un terzo va avanti e indietro, ma noi siamo abbastanza tranquilli, seguiamo il suo triangolino grigio sulla mappa e quando è voltato dall’altro lato  facciamo qualche passo in avanti e infiliamoci in quel buco sulla parete di destra. Qui troveremo, oltre ai tre worm stop nella stanza, la risoluzione al mistero appena avremo letto il contenuto del pc. A questo punto Malik ci darà indicazioni per proseguire e a noi non resta che uscire.

(In questo stabile non c’è molto, anzi, nulla da vedere, tranne forse un peluche che si trova proprio fuori dal buco del muro, e che apre una parete nascosta, l’ingresso vero della zona computer se non ci fosse stato il buco.)  A meno di non voler ingaggiare una battaglia violenta con tutti i soldati di guardia all’ingresso, ma non è molto salutare, possiamo anche andarcene.
Ora dovremo recarci all’ Hive club, e come dicevamo il pass per entrarvi è all’hotel da cui siamo arrivati, in alternativa passare per il condotto.

Hive Club

Una volta qui il segnalatore ci indica il barista come primo contatto, parliamo dunque con Bobby per chiedere di Tong, questi ci manderà al piano superiore. Qui un altro barista al quale chiedere informazioni, ma questo pretende da noi delle risposte per assicurasi di chi siamo e che cosa vogliamo veramente, si innescherà quindi un dialogo che dovremo beccare, per convincerlo dovremo: Circoscriverlo per due volte e infine consigliarlo, in questo modo ci dirà dove trovare Tong. Andiamo quindi ai piani di sotto fino a ritrovare lo stesso barista stavolta in veste di Tong, ci rivelerà il nascondiglio di Van Bruggen, l’hacker, e ci consiglierà di non ammazzarlo, per il nostro bene. (prima di andarcene parliamo di nuovo con il barista, Bobby, recupereremo una missione secondaria)

Alice Garden

Deus Ex Human RevolutionAl nostro arrivo all’Alice Garden, dormitorio economico e stracolmo di gente e capsule letto, incontreremo Malik, la quale sta investigando su una sua amica aprendo così una missione secondaria, un tassello di questa missione lo affrontiamo qui all’AG.
Prima di partire per il nostro obiettivo sarebbe opportuno guardarsi bene intorno, ispezionare ogni anfratto, prendere tutto ciò che si può prendere, vendere o comprare da un mercante li all’interno e, non ultimo, farci una idea chiara di dove ci troviamo e di come è strutturato l’edificio.

Deus Ex Human RevolutionAl primo piano troviamo la reception e gli uffici (che potremmo eventualmente saccheggiare, i palmari con i codici li troviamo dentro le capsule del terzo piano)  troviamo poi un guardiano, che sta spazzando a terra,  prima di salire la scalinata che ci porta al centro dell’edificio, al secondo piano, al centro dell’edificio troviamo tavoli, bar, cuochi, e roba varia, niente di importante, ma anche la scala principale per salire. Al terzo piano troviamo i dormitori, le capsule, palmari utili con codici, vari ebook, cose varie e la capsula 009 di Malik e la sua missione, e, sempre al terzo piano, anche un condotto.
Questo condotto ci riporta di filato al primo piano, nella zona del guardiano che spazza, posizionato  di fronte ad un cancello sbarrato, memorizzate questa posizione, potrebbe tornarvi comodo. Infine c’è il quarto piano, dove sta il nostro obiettivo.
Una volta trovato, Van Bruggen ci svelerà parecchie cose interessanti, tra cui il vero colpevole, che dovremo ricercare nei laboratori del Tay Yon Medical, per entrarvi è necessario un badge, e se avete letto l’inizio di questa guida ora dovreste già avere il badge, in alternativa tornate su e leggete proprio ad inizio pagina. Consegnate il badget a Van Bruggen che lo modificherà, consegnandovi anche login e password per poter accedere poi alla navetta.

 

Il mercato nero

Pare che Jensen non sia il solo a interessarsi all’appartamento di Hengsha: al suo arrivo ha scoperto che era in corso una perquisizione da parte della Belltower Associates, una società di sicurezza privata che lavora per il governo cinese. Jensen ha scoperto che Arie Van Bruggen, l’hacker che viveva nell’appartamento, stava cercando di darsi alla fuga. E a chi rivolgersi per sfuggire alla giustizia, se non alla Triade? Per avere conferma dei suoi sospetti, Jensen si è recato prima al nightclub Hive, e poi all’hotel Alice Gardens…

Penetrare nella Tai Yong Medical

Sembrava tutto a posto, Van Bruggen ci aveva consegnato il badget modificato e le credenziali di accesso per il server nel quale aveva nascosto le prove, alla Tai Yon Medical, ma all’improvviso ci troviamo nel bel mezzo di un’incursione della Belltower, agenti privati pagati dalla TYM per far fuori definitivamente Bruggen, a questo punto Bruggen ci chiederà aiuto, un’arma sarebbe sufficiente, e direi che in inventario non dovrebbero mancarvi; in alternativa, come dicevo più sopra, c’è un venditore di armi da basso, solo che eventualmente l’arma deve già essere nel vostro inventario. Bruggen scapperà e voi dovrete fare altrettanto, i militari hanno compiuto un massacro uccidendo tutti i presenti, tutti i civili, e benché non siamo noi il loro target non esiteranno a farci fuori. Ora abbiamo due possibilità, filarcela senza farci scorgere da nessuno, o sbarazzarci di ognuno di loro silenziosamente.
Se ce la filiamo il condotto visto prima a questo punto è il metodo più rapido e più sicuro, se li affrontiamo silenziosamente invece sarà divertente e remunerativo.
Se li affrontate tenete presente quanto segue: al quarto piano dove vi trovate avrete 4 soldati, due per ogni dormitorio del piano e tutti hanno un loro corridoio, quindi molto facile. Al terzo piano i militari sono ancora 4, o forse 6, dipende da alcune cose anche se non ho capito da cosa, solo che questi non sono rintanati nei dormitori, ma fanno la ronda anche ai due corridoi centrali che si incrociano. Potreste però, con il fucile stordente, liberarvi inizialmente di questi due, e poi affrontare i 4 nei dormitori come nel piano di sopra. Al secondo piano abbiamo il capo insieme ad altri due corazzati con fucili pesanti. Personalmente li ho stesi con il fucile stordente dal terzo piano, velocemente tutti e tre prima che si risvegliassero a vicenda, ma il mio fucile è potenziato per il caricamento veloce. L’alternativa è duretta in quanto sono sempre molto vicini, e dovrete necessariamente scendere nel piano.
Il primo piano è chiuso, sbarrato, quindi ora dobbiamo prendere per la cancellata, ora aperta, dove stava il guardiano. Qui attenzione, avremo una telecamera puntata fissa sul soldato di guardia, se la facciamo scattare ne arriveranno velocemente altri due, e non c’è modo di colpirlo senza che questo dia l’allarme, quindi potremmo evitare almeno per il momento; andiamo oltre e qui ci troveremo altri due soldati protetti, nientemeno che da una torretta, quindi impensabile farlo di nascosto, potremmo filarcela via a questo punto e passare per il corridoio a fianco, camminando, in quanto ci sono mine, oppure potremmo passare per un condotto direttamente dietro alla torretta, il condotto lo troviamo nei bagni, dietro ad una cassa. Da dietro la torretta vediamo che c’è un terminale, e potremmo provare ad hackerarlo, ma con tutta probabilità ci scopriranno, se ci riuscite, e avete hacker per le torrette, potreste far si che elimini i nemici al posto vostro, anche il terzo che stava di la accorrerà agli spari e verso la sua fine. (In questo modo non inficerete l’eventuale achievement previsto per terminare la partita senza uccidere nessuno per mano vostra.). Oppure ancora potreste agire di fino: sollevare la torretta (non vi vedranno) e spostarla in modo che non provochi danni e non vi veda, vicino all’uscita del condotto è il posto più sicuro, poi stenderli entrambi con il potenziamento per colpirne due con una sola cella di energia.
Io, non avendo pensato preventivamente a questa possibilità, ho optato per un metodo più grezzo: vicino al terminale c’è un cestino dei rifiuti, l’ho portato nei pressi della parete di sinistra in fondo, ci sono salita sopra e con il fucile stordente ne ho stodito uno, poi velocemente sono scesa e di soppiatto mi sono messa vicino al terminale, accucciata, e prima che questi potesse risvegliare il compagno ho steso anche questo, e così il terzo. Poi ho hackerato il terminale anche se ormai non serviva più a niente se non a prendere esperienza, con tutto che la password di questo terminale era in possesso del capitano degli agenti.
Procedendo oltre ora ci troveremo in un corridoio bagnato e elettrificato, con l’aiuto delle casse li vicno creiamoci il passaggio. Ora è il turno della lavanderia, qui appena entriamo ci conviene nasconderci subito dietro alle lavatrici al centro,  e senza esitare stordire prima quello di sinistra appena si volta, è l’unico momento in cui si ferma più a lungo, poi è il turno dell’altro.

Deus Ex Human RevolutionOra il finale

Ci ritroveremo così, come nella foto, qui serve coordinazione, vediamo che c’è una saracinesca sollevata dove potremmo infilarci, quindi appena gli altri due lo permetteranno stordiamo il primo e nascondiamolo li dentro, da qui possiamo arrivare in fondo tranquillamente, e occuparci di quello armato pesante, e infine dell’altro. In questo modo li abbiamo abbattuti tutti senza farci né vedere né sentire. Sbucheremo infine qui:Deus Ex Human Revolution

Vedremo dei soldati e ce li segnala ancora come nemici, e lo sono se proviamo ad entrare nel loro raggio d’azione, altrimenti sono innocui. Ora dovremo proprio andare alla Tai Yong Medical e prendere la navetta.

 

Guerra fra corporazioni

Arie Van Bruggen non ha esitato ad ammettere il suo coinvolgimento nell’attacco alle Industrie Sarif, arrivando a rivelare a Jensen il nome della donna che l’ha assunto: Zhao Yun Ru, presidente della Tai Yong Medical. Sembra che la TYM sia intenzionata a monopolizzare l’industria dei potenziamenti e che abbia assoldato dei mercenari per colpire i concorrenti. Per dimostrarlo, però, Jensen deve infiltrarsi nella sede della compagnia, per trovare delle registrazioni compromettenti

Ricerca di prove

All’ingresso della fabbrica dove ci condurrà la metro, troveremo subito un lavoratore che ci implora di aiutarlo, è infatti scoppiato qualche contenitore facendo fuoriuscire del gas velenoso, per aiutarlo dovremo hackerare la porta a livello tre.
Per questo livello il potenziamento a tre è necessario, altri, come quello che ci protegge dalle cadute, o colpire due uomini in un colpo, è consigliato ma non indispensabile.
Apriamo quindi la porta e salviamo l’uomo agendo sulla valvola li presente, questo per ringraziarci ci fornirà le informazioni necessarie per procedere anche senza pass ulteriori, almeno fino al prossimo ingresso. Più avanti una guardia infatti ci ferma, ma ci lascerà passare.
Qui ci sono due scienziati che non baderanno a noi e a tutto quello che faremo ai terminali vari, quindi possiamo come prima cosa hackerare il terminale e poi il comando per il pulsante al centro (5720), il quale muove il ballatoio in alto, rendendo accessibili, di volta in volta (ad ogni pressione del pulsante) i due ingressi li presenti.

Deus Ex Human RevolutionSpostiamo quindi il ballatoio nel secondo ingresso, usciamo nella porta di sinistra e saliamo la scaletta fino a raggiungere il ballatoio, qui dovremo avere il potenziamento per poter cadere da grandi altezze senza arrecarci danno, l’alternativa è quella di passare di sotto, fare attenzione alle telecamere e al soldato di ronda, fino ad arrivare all’ascensore di fianco all’ufficio grande posizionato a sinistra guardando dalla terrazza del pulsante. Se invece propendiamo per saltare troveremo qui sotto un condotto che ci porterà direttamente dentro l’ufficio, oltra a un potenziamento di “capienza munizioni” per armi. Qui ci sono due soldati, uno alla scrivania che ci darà le spalle, e uno appoggiato dietro di questi, che ci vedrà se ci avviciniamo per colpirlo. Se non vogliamo far scattare gli allarmi il modo migliore è di colpire quello in piedi con il fucile tranquillante e nasconderci immediatamente dopo nel riparo in cui ci troviamo, l’altro, prima ancora di soccorrere l’amico, tenterà l’uscita per dare l’allarme che si trova all’esterno, a questo punto dopo esserci passato accanto lo colpiremo. Ora, facendo attenzione al soldato di ronda, che fa però un giro molto lungo, potremo disattivare tutte le telecamere dal terminale presente nell’ufficio e ispezionare così tranquillamente tutto il luogo dopo aver stordito, naturalmente, anche l’ultimo rimasto. Da qui prendiamo l’ascensore a salire (attenzione all’unico soldato di ronda che vi troveremo una volta salite le scale).
Hackeriamo le varie porte chiuse che troviamo e proseguiamo fino a trovare due gabbie e una porta aperta dove si intravedono delle scintille a terra. In una gabbia chiusa, livello 4 di hack, si intravede l’interruttore per togliere la tensione, potremo hackerarlo o aggirarlo, dall’altra parte, infatti, stando attenti a non pestare sull’acqua, dietro una cassa rossa c’è un condotto che conduce all’interno della gabbia (se guardiamo in alto vedremo anche un uomo a terra), togliamo la corrente e torniamo di la, ora possiamo salire sul ripiano pieno di casse, e guardando di fronte a noi vediamo che sopra il condotto che abbiamo utilizzato c’è una scala.

Deus Ex Human RevolutionDeus Ex Human RevolutionDeus Ex Human Revolution

 

Con l’aiuto delle casse li presenti saliamo sulla piattaforma per raggiungere la scala. Ci ritroveremo in una stanza con un ascensore, ma dietro alcune casse alte, non movibili, c’è un condotto alto, se non arriviamo a salirci troveremo una cassa bassa da utilizzare dietro ad una alta movibile che sta chiudendo un passaggio.
Salendo in questo condotto potremo, saltando (e anche qui serve il potenziamento contro le cadute), recuperare un pass, utile, dal cadavere visto prima, insieme ad altre cose tra cui un potenziamento di “velocità di ricarica” per armi e un prezioso ebook. Ora prendiamo l’ascensore e saliremo verso i laboratori. Pritchard ci dirà che il primo livello è aperto ai civili, quindi anche a noi a prescindere dal pass.
Il pass, scopriremo, serve per poter accedere all’interno della porta sorvegliata da una telecamera e da un soldato, nel cuore dei laboratori. Con questo pass potremo praticamente saltare tutti i settori e arrivare indisturbati fino all’ultimo piano, dove, però, un ulteriore blocco ci fermerà.
Inutile dire che potreste comunque preferire la via dello stordimento di tutti, e ovviamente non sarà molto complicato perché sono tutti sparpagliati tranne i due nella stanza della sicurezza, che potremmo dover stordire, preferibilmente, con il potenziamento per stordirli entrambi. Poi nei vari uffici troveremo condotti che ci portano all’interno e terminali per disattivare la telecamera.
Qui fate un po’ di attenzione, poiché, se non avete il pass (che potrete recuperare anche nella stanza della security, quella vuota, dopo esservi liberati dei soldati di ronda), anche i civili potrebbero diventare un problema, quindi se tramortite fate in modo poi che i corpi non siano visti neppure dai civili in quanto si lanceranno sugli allarmi.
Sulla passerella in alto al salone degli scienziati c’è ancora un soldato, e poi ancora un altro fuori, che sta parlando con un civile, attendete che si lascino per stenderlo. E siamo nel livello di blocco. A sbarrarci la via c’è un unico soldato posizionato al di sotto di una telecamera fissa, di fianco a questo un ufficio a vetri con soldati all’interno ben visibili, e poi oltre una barriera laser.

Deus Ex Human RevolutionDeus Ex Human RevolutionDeus Ex Human Revolution

 

 

Deus Ex Human RevolutionSembra arduo attraversare questo punto, in realtà se ci appiattiamo al muro possiamo passare alle spalle del soldato, dietro la telecamera stessa, quindi strisciargli dietro e passare oltre, verso  la barriera a laser che vediamo di fronte con annesso sistema per disattivarla. Una volta disattivata liberiamoci dell’unico soldato, attraversiamo tutto il corridoio e poi l’altro fino in fondo, in questo secondo corridoio ci sono due soldati, uno, pesantemente armato, fa la ronda avanti e indietro per questo corridoio, l’altro sbuca fuori di tanto in tanto dal corridoio laterale. Occupiamoci di quello pesantemente armato in fondo al corridoio e poi infiliamoci nella stanza a sinistra, ci ritroveremo nella stanza della security, appiattiamoci al muro e attendiamo che i due terminino di parlare e si separino. In questo modo potremo colpirli entrambi senza che nessuno dei due se ne accorga ( a questo punto se vogliamo possiamo anche occuparci dell’unico rimasto fuori).

Ora avviamoci verso il punto obiettivo e ci ritroveremo in una grande stanza piena zeppa di raggi laser in movimento, osserviamo bene il tutto, almeno la parte visibile, e procediamo con calma. Intanto notiamo che qualunque cosa si frapponga ai raggi questi non riescono ad oltrepassarli, ma non provate a metterci voi qualcosa ad interrompere il flusso altrimenti scatterà l’allarme. Qui serve necessariamente il potenziamento al salto, e per arrivare indenni dall’altra parte, dove vediamo un ufficio con dei soldati all’interno, il modo più pulito è quello di passare a destra, all’altezza del condotto che vediamo sopra una cassa appoggiata alla parete.

Deus Ex Human Revolution Deus Ex Human Revolution Deus Ex Human Revolution

Il condotto di per se non ci porta da nessuna parte, non questo almeno, qui saltiamo e passiamo oltre. Ora dovremo saltare di nuovo i due raggi davanti a noi e nasconderci subito, accovacciati, dietro il tabellone di vetro, davanti un ingresso aperto protetto sempre dai raggi rossi. Guardiamo bene questi raggi e vediamo che l’ultimo in basso va a intermittenza, ogni tre si spegne per un attimo, approfittiamone e passiamoci attraverso. Qui all’interno troveremo un condotto che ci portera nell’ufficio di tre soldati. Il primo, a noi più vicino, possiamo stordirlo con facilità, per gli altri due non potremo usare il potenziamento che ne colpisce due in quanto uno è seduto, per farlo dovremo fare in modo che uno si alzi e se si alza è perché con tutta probabilità ci ha visto e lo spettro (500 PE aggiuntivi) andrà a farsi benedire.  L’alternativa è colpire quello seduto con il fucile per tramortire, quando questo cadrà addormentato l’altro vorrà dare l’allarme, è allora che dovremo correre e colpirlo prima che esca dalla stanza.
Da questo terminale possiamo disattivare la telecamera che sta subito fuori alla porta, tutte le altre misure di sicurezza andranno invece disattivate dall’interruttore (con password) posto dietro la colonna vicino all’ascensore.  L’ascensore ci porterà dritti nella torre, dove potremo prendere e visionare la registrazione di Van Bruggen. Appena vi mettermo piede partirà la sequenza dove vedremo Zhao parlare con colui che ci ha quasi fatto la pelle, e verremo a conoscenza che tanto Megan che gli altri scienziati forse sono ancora vivi e in mano loro. Salvate. E ci vediamo nella Tana del Drago.

Rumore bianco

Le prove recuperate dai server TYM hanno rivelato un piano più complesso del previsto: la squadra di ricerche delle Industrie Sarif non è stata sterminata mesi fa. L’attacco era solo una copertura per il loro rapimento! Intenzionato ad andare a fondo della cosa, Jensen si prepara ad affrontare il presidente della della TYM nel suo attico: nella Tana del Drago

Tana del Drago

Usciamo dalla stanza server  e proseguiamo in cerca di Zhao. Passato il primo corridoio, messo li più per coreografia che altro, ci ritroveremo in  tutta una serie di uffici la maggior parte dei quali ha muri a vetro.  Nell’ufficio di fronte a noi, al di la del corridoio, c’è il terminale per spegnere la telecamera in fondo. I soldati in questi uffici sono tre, due di ronda e uno a sorvegliare un ufficio dall’interno, il quale non si muoverà a meno che non siamo noi ad andarlo a stanare, ed è sufficiente aprire la sua porta per metterlo in allarme e farlo uscire allo scoperto. Se non ci interessa dello spettro possiamo sempre sfondare il muro di vetro e poi colpirlo. Superato questo tratto ci troveremo in un’altra zona simile, proprio di fronte a noi intravediamo l’ufficio della security, e per arrivarci potremmo passare da un condotto che si trova dietro una cassa alta all’interno della prima stanza alla nostra destra.
Proseguiamo fino ad arrivare in una stanza con una telecamera proprio di fonte, un terminale, una porta aperta dietro la telecamera e una porta chiusa alla nostra sinistra. Noi dovremo passare a sinistra, e non c’è modo di disattivare la telecamera. Quindi possiamo fare in due modi: procedere oltre la telecamera e sfondare la parete fragile che si trova al di la, oppure utilizzare una granata EMP sulla telecamera, in alternativa, che non abbiate né la bomba né il potenziamento per sfondare, utilizzare velocemente la password sulla porta di sinistra (6906) scritta nel terminale, prima che la telecamera vi individui. Oltrepassare la porta e dirigerci verso l’ascensore personale per l’appartamento di Zhao.

Deus Ex Human Revolution Sull’ascensore farà la sua comparsa, nell’infolink, Van Bruggen (se gli abbiamo dato un’arma all’Alice Garden in modo che potesse scappare), e ringraziandoci ci farà dono di 2000 crediti. Usciti dall’ascensore ci troveremo in un grande appartamento, vuoto. Guardiamo e cerchiamo dappertutto prima di entrare nella grande porta sopra le scale, dove invece partirà il filmato. Zhao, vistasi scoperta, tenterà la carta della seduzione per imbrogliarci e scappare, ovviamente ci riesce e noi saremo imbrigliati nell’ennesima trappola. Scatteranno tutti gli allarmi e una marea di soldati inizieranno a pattugliare l’attico. Diciamo subito che non è facilissimo uscire di qui senza essere visti, ma ce la possiamo fare. Nascondiamoci subito dietro le scale e osserviamo il movimento di quelli che riusciamo a vedere, per il momento sono solo quattro, due sopra e due sotto, dove sta la cassaforte e le tv. Questi non ci daranno problemi. Nel piano delle tv c’è anche un condotto, che sbuca di sotto, ma proprio all’uscita del condotto ci sono due armati pesanti che non ci lasceranno uscire indisturbati. Quindi cerchiamo un’altra via. Dal punto più alto, dove eravamo prima, riusciremo a stordirne uno con il fucile tranquillante, precisamente quello che fa la ronda dietro i divani di sinistra, abbiate solo cura di prenderlo quando è in fondo, così che quando cadrà ci saranno i divani a ripararne il corpo.

 

Deus Ex Human Revolution Deus Ex Human RevolutionPoi è la volta di quello che sale e scende le scale più basse, osserviamone i movimenti e poi, quando si trova proprio al centro, stordirlo, il muro dritto ci riparerà (attenzione a scendere ai lati, ci vedranno). Ne sono rimasti 4, i più tosti, nessuno di loro ha un riparo naturale nel suo percorso, qualunque manovra facciamo saranno sempre allo scoperto e gli altri accoreranno. Pensare di stordirli tutti e quattro con il fucile tranquillante da lontano è ardua, perché almeno uno si metterà alla nostra ricerca, e se noi siamo impegnati a far si che non si risveglino l’uno con l’altro il quarto ci stanerà. La cosa migliore da fare sarebbe eluderli tutti e quattro e andarcene. Se optiamo per questa via  possiamo farlo saltando verso i divani di sinistra, dove abbiamo steso il soldato, da sopra le scale, se il salto riesce la via è ormai libera. Se invece volete liberarvi di tutti e quattro senza che vi vedano, buon divertimento, assicurato.

Deus Ex Human RevolutionDa qui prendere l’ascensore che ci porterà verso l’hangar, appena vi entreremo ci saranno gli allarmi in funzione e due robot si animeranno, non potremo aprire le porte dell’hangar fintanto che i robot saranno vivi. Spero tanto per voi che abbiate due granate EMP, in questo modo, se nella parte precedente non vi hanno visto, riuscirete a prendere anche lo spettro, in alternativa dovrete sparargli con, spero, il fucile pesante, e il rischio che vi vedano è alto. Una volta tolti di mezzo ispezionate tutto il luogo ed aprite le porte dell’hangar, Malik è pronta a riportarci a Detroit, ma noi non siamo li diretti, bensì faremo tappa alla Picus, a Montreal.

 

Autore:

Mi piace fare quello che mi pare e piace

This site uses XenWord.
Vai alla barra degli strumenti