Ora che abbiamo il lasciapassare di Carlos possiamo recarci verso il monastero senza incorrere nelle ire dei combattenti dell’Ordine, nel caso opposto, avessimo scelto i banditi, avremmo dovuto prima andare dal Don per ufficializzare la questione e per avere da lui il lasciapassare.

Superiamo il novizio a guardia del tempio e proseguiamo verso la salita, un altro campo dei novizi e un capo, Severin, proprio questi ci darà una piccola missione, scacciare alcuni gnomi poco più a nord dell’accampamento “furto agli gnomi” sono sei e ce ne sbarazziamo, troveremo addosso a questi anche due sacchetti degli attrezzi per Walter, Torniamo da Severin ma questi ci dirà di parlare con Ruben per la ricompensa, e sarà un bel mucchio di monete.

Continuiamo poi a salire fino a incontrare Bryn, il quale cerca “Una birra per Bryn” poiché è spaventato da alcuni mostri “i pericolosi mostri di Bryn” i quali si riveleranno però tre gnomi scaltri, che troviamo poco sotto a Bryn.

Giunti infine all’ingresso Pallas ci farà subito delle domande, se siamo volontari oppure no, alla nostra risposta affermativa ci chiederà che indirizzo scegliere, se magia o combattimento, affidandoci subito “la prova dei maestri“, che consiste nello svolgere tutte le missioni di tutti i maestri li presenti.

Io ho scelto la magia.

Quindi Pallas ci indirizza verso Taylor, a destra (altrimenti a sinistra da Kalib), Taylor vorrà mostrarci la nostra camera per cui “Seguiamo Taylor“, nel cortile però Aric ci ferma dicendoci subito di “trovare un bastone da combattimento” per “L’addestramento di base” quindi torniamo da Taylor il quale si ferma davanti a quella che sarà la nostra stanza, e quando gli chiediamo come poter uscire dal monastero partirà anche la missione “L’ingresso della fortezza” che vedremo dopo. Nella stanza ci sta già aspettando l’Inquisitore che ci dirà di “trovare l’assassino di Hemlar“, un novizio che è stato appunto assassinato nella nostra camera.

Questa è pressapoco l’accoglienza che avremo, quindi iniziamo con?

L’addestramento di base da Aric:

Se non abbiamo già con noi un bastone potremo andare dal Fabbro, Karles, li vicino ad Aric, ce ne darà uno lui, andiamo dunque da Aric che ci dirà con chi combattere: Tucker, William, Kato. Quindi andiamo da Tuker, al di la del fabbro, verso l’arena da combattimento, e proponiamogli di battersi “Battiti con Tucker“, poi da William, al quale parleremo di sua madre, Tilda, (così ci rimane da trovare solo Leon) e proporremo anche a lui il combattimento, se abbiamo fatto questo percorso fin qui indicato dovremmo essere a livello 10 circa quindi lo scontro non sarà impegnativo. Andiamo poi da kato il quale invece è un po’ arrogante e ci impegnerà subito nel cortile “nella lezione di Kato” ma rimarrà deluso e ci sfiderà subito nell’arena “batti Kato“, il livello inizia a salire ma non più di tanto. Una volta sconfitto torniamo da lui nel cortile il quale ci proporrà di batterci con Aric. Aric è disponibile “batti Aric“, ma è un incontro piuttosto impegnativo per due motivi: uno; ha molta più salute di noi, due; non è impulsivo, attacca con un colpo solo ed è sempre in difesa. Per quanto noi giriamo a destra e sinistra per prenderlo in fallo sarà difficile, e un suo solo colpo ci dimezza la nostra salute, in sostanza: è impegnativo perché lungo, ma suppongo che ne uscirete vittoriosi, magari con l’ausilio del tasto F9.

C’è da dire che se a Aric non lo chiameremo “Maestro” questo per punizione ci dirà di “spazzare le stanze” e raccogliere dei sacchetti di polvere, 10 in totale; una scopa la troviamo in fondo alla nostra stanza, nella stanza da bagno, e ben 8 mucchi di polvere li troviamo proprio nelle stanze della nostra zona, gli altri due mancanti nella zona di Vitus, dove sta anche il cuoco.

Così termina l’addestramento di base, ora Aric ci dice di parlare con Vitus così da avere il permesso per salire al piano superiore, che Vitus, sopra gli scalini del cortile, ci darà dandoci anche la sua personale missione: “la prova del Maestro Vitus” che vedremo tra poco dopo aver trovato l’assassino, intanto possiamo chiedergli qualcosa sul novizio morto, e lui ci dirà di chiedere a Caspar e di farci aiutare da lui.

Caspar, che sta spazzando il corridoio esterno della nostra stanza ci dirà di “esaminare il luogo del delitto” quindi nella nostra camera troveremo un coltello da cucina sul corpo di Hemlar, un pacchetto d’erba vicino alla libreria, e un borsellino vicino al letto. Con questi indizi torniamo da Caspar, mostriamoglieli tutti e per ognuno ci dirà qualcosa: “Di cosa è al corrente Harlok” il cuoco, dato che è suo il coltello, “chi è il compagno di Hemlar“. Poiché si è stabilito che deve essere qualcuno cui è consentito entrare ed uscire a piacimento dal monastero Casper ci manda da Pallas per avere una lista “il cerchio dei sospetti“. Questi ce la darà solo se abbiamo già portato a termine l’addestramento di base. Ora che abbiamo la lista potremo parlare con tutti quelli lì indicati. Il fabbro ci dirà che riconosce il coltello poiché lo ha fatto lui, e infine Harlok dovrà confessare, ci dirà che lo stava proteggendo, che non è lui l’assassino e che Hemlar era solito vedersi con qualcuno al cimitero.

Quindi andiamo al cimitero dove Yoki è li di guardia e non ci lascerà entrare “Accesso al cimitero“, se siamo già stati dal cuoco sarà sufficiente dargli lo spezzatino ricevuto per concludere questa missione.
Yoki sarà sulla difensiva riguardo a Hemlar e dovremo necessariamente minacciarlo, quindi avremo ulteriori informazioni che ci riporteranno ai soli novizi ma non da Enzo, rimangono solo Ash e Taylor ed è quest’ultimo a condurci da Ash, il quale stavolta si arrabbierà “la via della verità” e dovremo combatterlo “battiti con lui“. Una volta sconfitto collaborerà e ci consegnerà “10 spinelli da distribuire al monastero” così da far uscire allo scoperto il vero colpevole. Gli spinelli potremo venderli a: Kato, Caspar, Karles il fabbro, a Taylor potremo estorcere 100 monete, Harlock il cuoco, Dalman il custode dei Porci, Kalib, Tucker, Yoki. Andiamo poi a riferire a Caspar il quale ci dirà di aspettare l’assassino nel bagno; qui dovremo infilarci dentro un vasca e attendere l’assassino. Arriverà Aric e dovremo combattere: questa volta Aric è molto più potente che non nell’arena, la si difendeva qui attacca spesso con due, e a volte anche con tre colpi consecutivi, quindi attenzione, se riuscite ad incastrarlo al muro avrete l’occasione di rifilare più colpi consecutivi. Alla fine andate da Vitus, il quale sa già tutto e vi ricompneserà con una pozione a scelta tra + 5 alla forza o + 5 al mana.

Il posto di addestratore ora è vacante, ma c’è William che si presterebbe “Un nuovo posto per William“, parlategli e poi andate da Vitus per proporlo e poi ancora da Williams per concludere

Se abbiamo avuto l’accesso al cimitero (vedi sopra: alla ricerca dell’assassino) potremo ora proseguire con la missione di Vitus: “la prova del maestro Vitus” il quale con una frase criptica ci dice che dobbiamo cercare qualcosa. Quindi al cimitero e poi all’interno del tempio, fino a trovare un volume “combattere con saggezza“. Ora manca la seconda parte della frase che ha a che fare con la fiducia. Se abbiamo già parlato con Dalman abbiamo già l’indizio, altrimenti andateci a parlare, prestatevi a cercare qualcuno che lo sostituisca al lavoro, un altro novizio, e questi vi dirà che ha fiducia in voi, se infatti andrete a riferire a Vitus di Dalman questi vi dirà di non deluderlo. Dalman ci darà anche un vino speciale. Cerchiamo quindi un novizio che si presti, lo troveremo infine in Taylor (che era il più debole lo abbiamo capito quando gli abbiamo spillato 100 monete per lo spinello), si presterà ma solo a patto che gli procuriamo 10 mele. Nel caso in cui non fossero già nel vostro inventario Caspar le ha in vendita. (a Dalman potremo rubare la chiave della cantina).
Ora possiamo tornare da Vitus il quale ci dirà che una volta letto il libro possiamo trovare qualcuno a cui darlo, la sua missione è comunque conlcusa.

Mentre andavamo al piano di sopra il Maestro Ignatius ci ha fermato dandoci la sua personale missione: “La prova del maestro Ignatius” ovvero leggere tutti i libri della biblioteca in cui ci ha condotto. Nella stanza ce ne sono tre, uno lo sta leggendo Rufus per cui gentilmente gli chiederemo se ce lo fa leggere. Scopriamo così che Rufus sta cercando il libro che possediamo “combattere con saggezza è l’obiettivo di Rufus“, diamoglielo per concludere. Ora penseremmo di aver letto anche tutti i libri della biblioteca, ma così non è; in fondo alla stanza c’è quella che sembra una porta con due anelli al muro, tiriamo quello di destra e la porta si aprirà. La prima porta a sinistra che troviamo è chiusa con serratura facile, all’interno c’è un altro libro, più un mazzo di chiavi sul tavolo. Per gli altri libri regolatevi con la mappa allegata. Per arrivare fino in fondo alla biblioteca vi serviranno anche due pergamene nautilus, una la trovate su di uno scaffale e dovrete usare la telecinesi per arrivarci, magia prelevabile da una palla verde in una stanza. In fondo alla libreria, dal lato opposto, troveremo il maestro Abrax con la sua missione che tratteremo dopo.

Fortezza Vulcanica

Fortezza Vulcanica

Nella mappa allegata: i pallini blu sono libri accessibili, i pallini verdi sono libri siti in un altro livello della biblioteca, raggiungibili con incantesimi nautilus e levitazione, il pallino rosso è una pietra magica.

Trovati tutti i libri torniamo da Ignatius che ci chiuderà la quest aprendone un’altra: “Il cristallo del fuoco“. Questa missione prevede che cerchiamo un novizio, Nathan, fuori dal monastero, quindi dovremo aver concluso “L’ingresso della fortezza” presa all’inizio, e per farlo è sufficiente chiedere a Ignatius il permesso, quindi recarci da Pallas dicendo che abbiamo il benestare di Ignatius e ci aprirà il portone, rechiamoci dunque al luogo segnalato sulla mappa di viaggio, troveremo ad accoglierci un insetto da guerra, piuttosto duro a morire, che sta proteggendo l’ingresso di un tempio. All’interno due gnomi, sconfitti i quali due corridoi con trappole, a sinistra una trappola a aghi, a destra una trappola dall’alto, in quello di destra però si intravede una leva che possiamo sollevare solo con una pergamena di telecinesi. al di la un altro gnomo e il cadavere di Nathan. Prendiamo il cristallo e torniamo da Ignatius per concludere.
Ora, prima che Ignatius ci dia altri incarichi dobbiamo terminare le prove di tutti gli altri maestri.

Abrax “la prova del maestro Abrax” ci chiede di trovare Sirius e Krayban e di riportargli le erbe che questi dovevano raccogliere, una metà delle quali ve le consegnerà Sirius, Krayban lo troverete cadavere, insieme a due gnomi a sorvegliarlo, all’interno della foresta al di la di Sirius. Torniamo da Abrax a riferire e chiudere.

Cyrus “la prova del maestro Cyrus” pretende che andiamo da Severin per recuperare il “manufatto di Severin” e le “Casse per la fortezza vulcanica” e di fare presto.
Qui Severin ci consegnerà i manufatti e provvederà a far partire le casse. Dobbiamo tornare da Cyrus per conlcudere.

Fattorie del Monastero

Fattorie del Monastero

Vicino a Severin ci sono dei novizi, tra cui anche Derry che ci chiederà di liberarlo da alcune “falene delle tombe in volo” , le troviamo alle sue spalle, riusciamo a intravederle, seguiamo le falene fino a trovare quelle denominate *in volo*

E’ arrivato il momento di Illumar, che troviamo nella stanza difronte a Cyrus, se non abbiamo già rubato la penna d’oca a Enzo Illumar come primo compito ci dirà di “procurarcene una“, insieme ad una pergamena vergine (acquistabile da Enzo stesso); poi è il turno di “le basi per scrivere le pergamene” quindi leggere tutti i libri nella stanza, a seguire “Teoria per la scrittura delle pergamene“, missione più articolata. Se siamo già stati nella biblioteca per la missione di Ignatius allora un paio di incantesimi li conosciamo già, ovvero: Illusione e telecinesi; Jervis, nella stanza, ci da quella di luce e anche una sua missione “Aiuto reciproco“, ovvero cerca due pergamene vergini e una di illusione che potremo dargli in cambio di addestramenti sulla caccia e altro; queste pergamene se non le abbiamo possiamo comperarle da Caspar. Erlan, sempre nella stanza, ci chiederà qualcosa in cambio per aiutarci, “trovargli un tacchino” che, ovviamente, andremo a comperare dal cuoco per 200 monete ricavandone così le basi dell’incantesimo barzelletta. Erlan cerca anche gli ingredienti corretti per l’incantesimo nautilus che stiamo cercando anche noi “Erlan non sa cosa fare“. Enzo “Enzo sta cercando ingredienti per la pergamena illusione“, che noi possediamo, quindi facciamo uno scambio equo e lui ci darà quella per il Nautilus che consegneremo anche a Erlan. Rufus ci darà volentieri quella mancante di guarigione. Torniamo vittoriosi da illumar il quale, finalmente, ci dirà di scrivere una pergamena da soli “la prova del maestro illumar” consegnandoci la ricetta della pergamena di luce. Andiamo quindi allo scrittoio e scriviamola concludendo anche quest’ultima missione.

Ora siamo pronti per “Una degna arma” che ci chiederà Ignatius di prelevare dal fabbro, dopodiché siamo pronti per “L’iniziazione“.
Verremo condotti alla fiamma sacra dove l’Inquisitore ci chiederà se siamo pronti e facendoci tutta una serie di domande le quali prevedono due opzioni di risposta, avvicinando il mouse ad ognuna di queste capiremo se la ricompensa che ne trarremo sarà per la forza, per il mana, o per la salute, a seconda dei casi, e noi dovremo scegliere. Quindi termina così la nostra iniziazione ricevendo anche la tunica da mago e un talento per ognuna delle tre magie disponibili, fuoco, ghiaccio, e proiettili magici. Mendoza ci chiederà di seguirlo e ci condurrà all’ingresso del Vulcano, ma qui siamo già al secondo capitolo.
Nel caso in cui avessimo scelto la fazione dei banditi tutte le missioni di cui sopra ovviamente non ci sarebbero state, fatto salvo per alcune minori tipo: “Accesso al cimitero” e “procurati una penna d’oca” con la missione di Illumar poiché ci sarebbe servita per imparare a farci le pergamene, tutte le altre sono esclusive dei maghi/combattenti. il Don ci avrebbe invece commissionato “Negoziato alla fortezza del vulcano” e avremo potuto portare a termine anche “Parla con il maestro Illumar” che, se anche l’abbiamo presa da Cormac, e poi ci siamo aggregati ai maghi, questa missione sarà annullata anche se continua a comparire sul diario. Il negoziato invece prevede che andiamo a parlare con Mendoza. Una volta fatto la missione è conclusa e ci ritroviamo nel secondo capitolo come da copione a seguito.

Autore:

Videogiocatrice cronica, completista ossessivo-compulsiva, full-immersion-addict. Nel tempo libero mi diletto a scrivere di soluzioni sui videogames che mi sono piaciuti e tra una pausa e l'altra mi piace giocare con Photoshop. Mi piacciono le serie tv, che guardo molto; prese soprattutto in singole dosi: nel primo mattino come caffè e in tarda sera come camomilla.