• Morrowind Rebirth: la traduzione in italiano

Morrowind Rebirth: la traduzione in italiano

Malgrado la sua senilità, il terzo Elder Scroll resta, a giudizio universale, il miglior titolo della serie e lectio magistralis su come dovrebbero essere concepiti gli open world. Già, in questo articolo, vi avevamo parlato di Rebirth, l’immensa mod che non solo aggiorna il comparto grafico del gioco ma aggiunge creature, magie, items, tracce sonore e musicali. Inoltre corregge una marea di bug e introduce una profonda revisione del bilanciamento e altro.
Oggi più che mai, vale veramente la pena di reinstallare il capolavoro “rivisitato” visto che il nostro [email protected] si è assunto l’onere di aggiornare la leggendaria traduzione degli ITP per renderla compatibile con questa nuova versione del gioco.
Naturalmente sarà necessario possedere il gioco nell’edizione Goty, ossia comprensivo delle splendide espansioni, facilmente acquistabile sia su Steam che su GOG.
La mod si trova sia su MODDB che su Morrowind Nexus. Dopo di ché si potranno applicare i files di traduzione recuperabili a questo indirizzo.
L’impegno di [email protected] è stato assai più severo di quanto appaia nella descrizione, infatti, oltre alla traduzione delle nuove stringhe, è stata compiuta una meticolosa revisione dei testi esistenti con correzione di refusi, errori e frasi mai tradotte.
Se avete apprezzato Oblivion e Skyrim vi innamorerete immediatamente del più grande open world di tutti i tempi, soprattutto se amate le sfide visto che il gioco presenta una difficoltà d’altri tempi.
Concludendo, se volete farvi una pallida idea del trionfo visionario e dell’incredibile varietà degli ambienti di gioco, qui sotto potete visionarne una “vetrina”:

COMMENTA NEL FORUM

2017-03-14T17:52:43+00:00

Autore:

Dopo la metà del cammin di sua vita si è reso conto di avere più passato che futuro, per cui si è messo a videogiocare come se non ci fosse un domani. Fan sfegatato di Black Isle e Bethesda, adora gli RPG di ogni tempo e tipo, le Avventure Grafiche e indulge anche in qualche Action e/o Survival. Ha studiato forsennatamente il Lore dei TES fino ad autoconvincersi, da perfetto incosciente, di saperne qualcosa. Detesta i chackponts, i giochi in prima persona e i simulatori di ogni tipo.