EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

  • Il Decamerone degli RPG – Quarta giornata

Il Decamerone degli RPG – Quarta giornata

Se The Elder Scrolls III: Morrowind, che vi abbiamo raccomandato la scorsa giornata non fosse di vostro gradimento, non vi giudichiamo (non è vero, lo facciamo tantissimo ma non ve lo diciamo in faccia), e anzi, vi diamo alternative relative ai due capitoli di The Elder Scrolls più recenti: Oblivon Skyrim.

Invece di consigliarvi i giochi in sé, che non hanno certo bisogno di presentazioni, vi esortiamo a provare due total conversion, realizzate entrambe dallo stesso gruppo di modder tedeschi, i SureAI. Trattasi di Nehrim per Oblivion, ed Enderal per Skyrim. Si tratti in entrambi i casi di RPG completi di altissima qualità e completamente gratuiti, che necessitano solo di OblivionSkyrim per essere installati, e ne cambiano completamente giocabilità, storia ed ambientazione.

Per il più vetusto Nehrim vi consigliamo di seguire la nostra guida su come aggiornarne la grafica ed installare la traduzione italiana di Chantalion.

Enderal, essendo più recente, necessita di meno lavoro per essere installato, tanto che lo trovate non solo già bello e pronto su Steam, ma anche con la meravigliosa traduzione in italiano ad opera dei nostri Chantalion, alfx, MOB2, Puxxup, ag1963 e yan dhoorgan.

Nehrim ed Enderal fanno parte dello stesso universo, e le due storie sono vagamente legate, ma essendo stati rilasciati a distanza di molto tempo l’uno dall’altro e per due giochi diversi, sono fatti per essere giocati singolarmente, e se decideste di iniziare da Enderal non vi perdereste nulla della trama o del lore.

COMMENTA NEL FORUM

2020-03-26T00:11:26+02:00

Autore:

Gabriele Aroni
Giocatore sin dai tempi in cui a stupire era la grafica di Alone in the Dark, tra un videogioco e l’altro si occupa delle recensioni su RPG Italia. Quando non gioca per piacere trova il modo di farlo per lavoro, insegnando storia del design con Assassin’s Creed II e cercando scuse accademiche per usare videogiochi un po’ ovunque, dagli ospedali alle università.