EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

  • Sonor Village

    Sonor Village: sonorità nei giochi di ruolo

Sonor Village: sonorità nei giochi di ruolo

Quest’oggi Antonio Affrunti, direttore della Sonor Village, team che si occupa di sonorizzazioni e colonne sonore, è qui per presentare il suo lavoro nel campo dei Giochi di Ruolo.

Oltre a lui, che compone e supervisiona tutti i lavori, la Sonor Village è formata anche da Daniele Siscaro, che compone ed aiuta nelle relazioni con le case editrici, e Gianluca Siscaro. Con il contributo di tutti, nello studio sono stati in grado di produrre e realizzare diversi lavori.

Sonor Village

La loro attività, nata nel 2015 a Roma, si rivolge allo sviluppo di colonne sonore, oltre che ai media classici: film, corti, animazione e videogiochi. Anche per quei prodotti che normalmente non la integrano come i libri, i fumetti o, in questo caso, i giochi da tavolo e di ruolo.

Negli ultimi anni, proprio il mondo dei GDR, ha destato la sua curiosità ed ha scoperto una realtà fatta di prodotti, che per qualità di progettazione e realizzazione niente hanno da invidiare ad altri media, come ad esempio i videogiochi, e soprattutto fatta di persone fantastiche con le quali collaborare artisticamente, dal momento che risulta particolarmente stimolante.

Consolidato questo concetto, la filosofia che mirano a portare avanti è quella in cui la giusta sonorizzazione è in grado di regalare ad un gioco una marcia in più, accorciando le distanze da altri prodotti di intrattenimento basati sulla multimedialità (come i videogiochi) e rendendo l’esperienza di gioco ancora più vivida ed emozionante. Nello specifico dei GDR, la Sonor Village sviluppa sonorizzazioni che si integrano perfettamente con i diversi momenti/scene di gioco. Ad esempio: se nel gioco c’è una situazione di paura/pericolo, loro scrivono un brano adatto ad enfatizzare quell’atmosfera, così come, allo stesso tempo, scrivono un brano che “inciti ed infiammi” il giocatore in un momento di battaglia.

Non ci sono limiti di genere (Horror, Fantasy, Sci-fi, ecc…), il loro lavoro consiste nel creare veramente un mondo sonoro originale che identifichi il gioco al primo ascolto.

Normalmente, prima di sviluppare una colonna sonora di qualsiasi prodotto, entrano in contatto con editori ed autori cercando di comprendere l’atmosfera generale del gioco e di come esso si sviluppa nelle varie fasi.

Dopo aver letto approfonditamente il manuale poi, cominciano a comporre, sviluppando dei provini che sottopongono al vaglio delle persone coinvolte e che, una volta approvati, portano ad una rifinitura finale (missaggio e mastering). Tecnicamente, sviluppano tutto mediante dei software di composizione musicale e mescolano strumenti virtuali a strumenti reali, ripresi nel loro studio di registrazione, in modo da avere il massimo della qualità (cosa alla quale tengono particolarmente).

Nell’ultimo anno, hanno collaborato ai seguenti GDR:

  • “Le notti di Nibiru” ed “Augusta Universalis” per la casa editrice Acchiappasogni.
  • “Rockopolis” per la Minos Game.

A proposito dello sviluppo delle sonorizzazioni di questi giochi: per “Le notti di Nibiru”, ad esempio, leggere il manuale è stato per loro una  grande fonte d’ispirazione. Le immagini erano particolarmente evocative e, fin da subito, gli hanno suggerito alcune idee per sonorizzare il gioco, mescolando suoni sci-fi e fantasy a melodie evocative. In Augusta Universalis, l’idea stessa di una “Roma Imperiale”, inverata nel futuro, è stata di grande ispirazione, così hanno mescolato sonorità, anche qui vagamente sci-fi/fantasy, con voci e canti in latino proprio per dare l’idea della solennità della “Roma Imperiale”.

Per “Rockopolis”, gioco basato sulla vita di una rock band, è stato più facile, visto che si gioca in un ambiente che, come musicisti, hanno vissuto e vivono quotidianamente. Quindi, hanno mescolato del sano rock di vario tipo (largo spazio a chitarre, bassi e batterie) con atmosfere dark e dissonanti ogni qual volta entravano in gioco le muse (di qui in poi, meglio non spoilerare). Poi, la creatività ed il mestiere fanno il resto dando vita musicalmente al suono che da subito hanno immaginato.

Dai feedback ricevuti da autori e giocatori, possono dire con piacere che le colonne sonore sono state accolte molto bene. Durante lo sviluppo delle sonorizzazioni, fra l’altro, sono stati fatti anche dei test dalle case editrici con i loro provini, per testarne l’efficacia, ed i risultati sono sempre stati assolutamente positivi.

D’altronde, fin dalla fase di progettazione, sia loro che gli autori, spinti da un grande entusiasmo e avendo l’obiettivo di creare un prodotto innovativo, hanno impiegato tutte le loro energie a disposizione.  Questo ha permesso loro di creare per ‘Augusta Universalis’, ‘Le notti di Nibiru’ e ‘Rockopolis’ prodotti di cui sono particolarmente fieri.

Inoltre, pubblicizzare la colonna sonora ai possibili “backers” ha dato a questi giochi una bella “mano” durante il finanziamento tramite Kickstarter, rivelandosi un investimento utile anche sotto questo punto di vista.

Nel loro futuro prossimo, ci sono già nuovi progetti importanti nel campo dei GDR che stanno per partire con nuove case editrici. Tuttavia, al momento non sono consentiti gli spoiler, ma possono già dire di non vedere l’ora di iniziare a lavorarci! Nel frattempo, oltre a portare a termine altre colonne sonore per altre realtà, si stanno impegnando per far conoscere il loro lavoro e la loro realtà anche tramite dei video promozionali che stanno divulgando su vari forum e gruppi Facebook.

Qui di seguito, potrete prendere visione del loro promo specifico sui GDR:

“Nella nostra comunicazione ai possibili fruitori del nostro lavoro, vogliamo far capire che l’investimento economico su una colonna sonora, che fra l’altro vendiamo a costi assolutamente accessibili a tutti, scritta e sviluppata ad hoc sul proprio gioco e le sue caratteristiche, ha un valore sulla resa di gioco enormemente maggiore di brani generici scaricati gratuitamente da molti siti e, di conseguenza, una resa a livello di immagine nettamente superiore e innovativa. Provate i suddetti giochi e ne avrete una prova!”.

Questo articolo è stato offerto da RPG Italia, sito che Sonor Village ringrazia gentilmente per la concessione di questo pezzo. Sonor Village, inoltre, coglie l’occasione per ringraziare tutti gli autori e gli editori di Acchiappasogni e Minos Game, in quanto collaborare con loro è stato davvero entusiasmante!

Per ulteriori contatti:

Sonor Village
Via Aurelio Cotta 36, Roma (RM) 00175
Antonio Affrunti (Responsabile) tel. 3383366374
Daniele Siscaro tel. 3925502514
E-mail: sonorvillage[chiocciola]gmail[punto]com
Facebook
SoundCloud
YouTube

2019-02-08T20:33:54+01:00

Autore:

Avatar
Videogiocatore sin dalla tenera età, ho sviluppato un interesse particolare per gli RPG. Sono sempre alla ricerca di nuove avventure da vivere e di enormi boss da affrontare. Adoro tantissimo esplorare i mondi di gioco, in particolar modo ho avuto la premura di esplorare a fondo ogni angolo sperduto di Skyrim (capolavoro a mio avviso) che è solo uno dei tanti giochi che compongono una serie stupenda, la serie The Elder Scrolls!

3 Commenti

  1. Mesenzio
    Mesenzio 8 Febbraio 2019, 19:33

    Molto interessante, ricordo che quando giocavo a Magic mettevamo talvolta qualche musica di sottofondo, spesso di videogiochi. Ma come funziona all'atto pratico? Insieme al GdR vengono fornite una serie di tracce che il DM fa partire al momento opportuno?

  2. Avatar
    Sonor Village 9 Febbraio 2019, 10:34

    Esatto con il gioco vengono fornite apposite tracce per ogni scena di gioco che il DM gestisce e fa partire. Le tracce poi, a seconda della durata della scena di gioco, vengono messe in loop.

  3. Avatar
    f5f9 14 Febbraio 2019, 22:51

    fantastico!
    e poi io mi inchino sempre davanti a chi ha a che fare coi vg in un ambiente ostile come il nostro

Commenta