EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

  • L’Accademia della Crusca pubblica una guida al gergo degli RPG

L’Accademia della Crusca pubblica una guida al gergo degli RPG

L’Accademia della Crusca, massima autorità sulla lingua italiana, nonché la più antica accademia linguistica del mondo, non rimane ancorata al passato dall’alto dei suoi quattro e passa secoli di storia, ma si tiene sempre aggiornata.

Proprio ieri è stato pubblicato sul loro sito un interessante vademecum sulla terminologia di RPG e MMORPG, a seguito delle numerose domande ricevute dagli utenti, dove possiamo leggere l’etimologia di termini come mob o skillare.

Se siete interessati all’argomento, l’autrice Lucia Francalanci ha scritto un altro interessante articolo al riguardo che potete leggere sempre sul sito dell’Accademia della Crusca.

2018-01-10T20:50:36+00:00

Autore:

Giocatore sin dai tempi in cui a stupire era la grafica di Alone in the Dark, tra un videogioco e l’altro si occupa delle recensioni su RPG Italia. Quando non gioca per piacere trova il modo di farlo per lavoro, insegnando storia del design con Assassin’s Creed II e cercando scuse accademiche per usare videogiochi un po’ ovunque, dagli ospedali alle università.

5 Commenti

  1. golgoth 11 gennaio 2018, 9:55

    A leggere quei post presi dal forum di WoW mi rendo conto di quanto noi videogiocatori a volte siamo proprio fuori dal mondo, eppure per chi è nel “settore” messaggi del genere appaiono del tutto normali e perfettamente decifrabili 🙂

  2. Darth Vader 11 gennaio 2018, 10:54

    Ricordo ancora la prima volta che mi sono imbattuto in un MMORPG… un disastro! Non capivo nulla di quello che scrivevano in chat (non sembrava nemmeno lontanamente italiano :emoji_joy:).

    Poi per fortuna col tempo ho iniziato ad apprendere quella lingua strana, quindi capisco perfettamente chi si cimenta per la prima volta e non capisce assolutamente niente.

  3. ManuBAD 11 gennaio 2018, 11:05

    Bella notizia, ogni tanto qualcuno parla positivamente del mondo videoludico 🙂
    Alla faccia di quelli che dicono che i videogiocatori sono solo quelli che "non hanno nulla da fare", "associali" etc etc .. :emoji_guardsman:

  4. Mesenzio 11 gennaio 2018, 17:37

    Per fortuna questo atteggiamento in accademia è scomparso da tempo, anzi, l'Italia è molto avanzata al riguardo.

  5. f5f9 12 gennaio 2018, 16:39

    in effetti la criminalizzazione dei vg pare attenuarsi progressivamente, d'altra parte è un medium nuovo, è normale
    comunque: grazie dei link, roba veramente interessante

Commenta

This site uses XenWord.
Vai alla barra degli strumenti