EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

  • The Ballad Singer: una visual novel con elementi RPG tutta italiana

The Ballad Singer: una visual novel con elementi RPG tutta italiana

The Ballad Singer è un interessante progetto recentemente approdato su Kickstarter. Realizzato dagli italianissimi Curtel Games, è un’ispirata commistione di visual novel, RPG e librogame che offre un’avventura fantasy completamente plasmata dalle scelte del giocatore.

Il punto focale di The Ballad Singer è proprio la massima libertà concessa al giocatore: la storia è tutta da scrivere, perché il mondo reagisce e cambia in base alle sue azioni. Sarà infatti possibile dare vita a ben 1700 storie e 40 finali diversi. Ogni possibile sviluppo e subplot sarà completamente narrato e illustrato. Ma attenzione: la morte è definitiva e non sarà possibile tornare indietro per correggere i propri errori.

Questa incredibile varietà è garantita dal Domino System, ispirato alla Teoria del Caos e alle reti neurali. Ogni decisione presa andrà a influire non solo sul personaggio che si sta utilizzando in quel momento, ma anche su quelli successivi. La morte di un protagonista, per esempio, farà sì che il giocatore debba interpretare un altro personaggio, che si muoverà nel mondo plasmato dalle scelte di quello precedente.

Nel corso dell’avventura, ambientata nel mondo di Hesperia, sarà possibile interpretare quattro avventurieri: il bardo guerriero Daragast, la silfide ranger Ancoran, il vendicativo mago Leon e l’assassino elfo Ancalimo. Il background dei protagonisti e il loro passato avranno un notevole impatto sulle loro decisioni: compiere scelte senza tenerne conto potrebbe avere conseguenze spiacevoli.

L’uso della magia va di pari passo con quello della scienza e tutti i nemici sono diversi tra loro, così come è diverso l’approccio richiesto per affrontarli. Ogni scontro è potenzialmente mortale ed è perciò essenziale affrontarlo con cautela e attenzione. Il gioco possiede anche una modalità coop, dal nome Cooperative Battles, che permette di unire due personaggi combinando le loro abilità.

Mancano 10 giorni alla fine della campagna di raccolta fondi e The Ballad Singer ha per ora raccolto 16.000 dei 25.000€ richiesti. Se la campagna avrà successo, il gioco sarà rilasciato per PC e Mac con una completa localizzazione in italiano e inglese. In seguito, attraverso gli stretch goal, gli sviluppatori vorrebbero portare il titolo su altre piattaforme e aggiungere la traduzione in altre lingue. Se siete interessati, tutte le informazioni sul gioco sono disponibili in italiano a questo indirizzo.

Cosa ne pensate? Sosterrete questo ambizioso progetto?

2017-12-06T22:25:14+00:00

Autore:

Lettrice incallita, serie TV-dipendente e videogiocatrice instancabile, è appassionata di fantasy e fantascienza sin da quando era solo una piccola padawan inesperta. Amante di Action-Adventure e soprattutto di RPG, predilige giocare su PC ma ha ceduto all’acquisto di una PS4 perché adora le esclusive Sony. Tra i suoi RPG preferiti: Dragon Age, Mass Effect e The Witcher.

12 Commenti

  1. Maurras 7 dicembre 2017, 11:27

    Sicuramente molto interessante, mi ha ricordato alcuni libri (cartacei) che giravano negli anni '90 😉
    Mi lascia tuttavia perplessa che si possa scegliere uno e uno soltanto come personaggio femminile… 😛
    Speriamo ne aggiungano qualcun'altra durante il completamento dei lavori ^_^

  2. agg4361 7 dicembre 2017, 13:50

    Beh, cosa dire a riguardo… Capolavoro!! 🙂
    E poi cè chi ancora dice che noi italiani non siamo in grado di dare vita a tali progetti. Questo titolo dovrebbe fargli cambiare idea. 😉

  3. Darth Vader 7 dicembre 2017, 14:35
    agg4361

    E poi cè chi ancora dice che noi italiani non siamo in grado di dare vita a tali progetti. Questo titolo dovrebbe fargli cambiare idea. 😉

    Non è questione di saper fare o meno, è che l'industria italiana dei videogiochi deve praticamente nascere ancora, servono incentivi per sviluppare nella nostra bella Italia 🙂

    Comunque, per quanto riguarda il titolo, promette bene. Se c'è una cosa che mi piace particolarmente è che siamo noi giocatori a scegliere come interagire 😀

  4. agg4361 7 dicembre 2017, 17:50
    Darth Vader

    Non è questione di saper fare o meno, è che l'industria italiana dei videogiochi deve praticamente nascere ancora, servono incentivi per sviluppare nella nostra bella Italia 🙂

    Già, purtroppo come al solito siamo sempre gli ultimi in tutto. :emoji_cry:

  5. Argenti 7 dicembre 2017, 18:14

    Visivamente non mi piace per niente , direzione artistica stereotipata.
    Cattiva realizzazione dei disegni con difetti prospettici.
    Non mi convince affatto

  6. f5f9 7 dicembre 2017, 20:39
    Myriamel

    Ma attenzione: la morte è definitiva e non sarà possibile tornare indietro per correggere i propri errori.

    interessante!

    Myriamel

    Il punto focale di The Ballad Singer è proprio la massima libertà concessa al giocatore: la storia è tutta da scrivere, perché il mondo reagisce e cambia in base alle sue azioni. Sarà infatti possibile dare vita a ben 1700 storie e 40 finali diversi.

    disincentivante!

    Argenti

    Visivamente non mi piace per niente , direzione artistica stereotipata.
    Cattiva realizzazione dei disegni con difetti prospettici.
    Non mi convince affatto

    sei forse un pochino troppo crudo ma certamente non hai tutti i torti…
    a me, in certi giochi, non frega niente della graficona (ho adorato perfino distraint!), ma con queste premesse un minimo di direzione artistica ci vorrebbe

  7. Ermes85 8 dicembre 2017, 0:22

    Ciao ragazzi, stavo cercando un po' di informazioni sul gioco e mi sono imbattuto in questa discussione.

    Argenti

    Visivamente non mi piace per niente , direzione artistica stereotipata.
    Cattiva realizzazione dei disegni con difetti prospettici.
    Non mi convince affatto

    Non sono un artista, quindi non saprei darti un giudizio tecnico. Però mi sembra un giudizio fin troppo lapidario. A me personalmente piacciono. Sicuramente lo stile va a gusto personale, ma oggettivamente dire che siano brutte o piene di difetti mi sembra un po' strano.

    Da appassionato di libri game e avventure fantasy sono contento del progetto, poi chiaramente un giudizio completo lo potrò dare una volta provato il gioco, adesso sono solo impressioni, comunque tutte positive.

  8. Sifodias90 8 dicembre 2017, 10:43

    Seguo la loro pagina FB da parecchio tempo e hanno già il mio pledge su KS. È un peccato che l'Italia non riesca a sviluppare dei propri videogiochi come si deve! Io spero ricevano i fondi necessari, se lo meritano!

  9. Argenti 9 dicembre 2017, 16:11

    Dai ragazzi non è cattiveria ma non è che vi voglia poi molto

  10. Ermes85 9 dicembre 2017, 16:59
    Argenti

    Dai ragazzi non è cattiveria ma non è che vi voglia poi molto

    Sono due giochi completamente diversi non riesco a capire come fai a paragonarli.
    Le prime immagini del video di BS sono un trailer e non hanno nulla a che vedere con il gioco, il gameplay di Banner Saga è di combattimento a turni mentre The Ballad Singer una storia raccontata interattiva.
    Anche lo stile è diverso, se dici che lo stile non ti piace è questione di gusti, ma dire che sono fatte male.. :emoji_joy:

  11. Argenti 10 dicembre 2017, 11:33

    Ermes , parlo di direzione artistica…mica del sistema di gioco.
    Anche darkest dungeon ha una buona direzione artistica escluso lo stile del villaggio che ha dei tratti troppo grossolani e si impasta un pò tutto.

  12. Ermes85 11 dicembre 2017, 14:18

    Mi riferivo al fatto che il trailer di The Banner Saga è appunto un video e nonostante la direzione artistica sia ottima non ha nulla a che vedere con il gioco.

    Per quanto riguarda Darkest Dungeon penso sia una scelta stilistica quella di avere dei tratti più grezzi.

Commenta

This site uses XenWord.
Vai alla barra degli strumenti