EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Recensione The Incredible Adventures of Van Helsing 2016-11-27T11:24:40+00:00
  • 41828

    Recensione The Incredible Adventures of Van Helsing

Il termine Hack & Slash è praticamente intraducibile (potremmo provare con “Taglia e Squarta”) e si riferisce a un genere di gioco in cui si passa la quasi totalità del tempo in scontri frenetici e caotici. O lo si ama o lo si odia. C’è chi lo trova formidabilmente rilassante in quanto sublima le naturali tendenze aggressive e  riduce le frustrazioni quotidiane. Inoltre induce a creare un personaggio che diventa sempre più potente e invincibile, offre una sfida continua e gravida di soddisfazioni, consente l’immersione in mondi virtuali a cervello spento. Gli aappassionati lo reputano la perfezione e l’essenza del gameplay. Troviamo videogiochi votati al solo combattimento fin dai primordi, negli anni ‘80 dello scorso secolo  erano in voga i “Roguelike” che consistevano nell’esplorare dungeons, raccogliere tesori e, soprattutto, uccidere mostri. La differenza fondamentale è che all’epoca, sia per problemi tecnici che per deferenza nei confronti di D&D, il combattimento era a turni e il più delle volte la morte del personaggio coincideva col “Game Over”.

Ma nel 1996 Blizzard Enterteinment pubblicò “Diablo” (che definiva Action-RPG): fu un fenomeno mediatico che scatenò orde fanatiche anche in virtù del successo della modalità multiplayer. Il nostro Eroe doveva scendere in pericolosissimi dungeons fino a raggiungere l’Inferno stesso dove risiedeva Diablo, i terribile signore dell’Oscurità. Nel 2000 uscì il secondo capitolo con una struttura assai affinata tanto da diventare l’archetipo del genere. In seguito i tentativi di imitazione sono stati frequentissimi, talvolta anche con risultati più che degni. Tra i molti esempi qui ci limiteremo a citare Dungeon Siege (Microsoft 2003), Sacred (Ascaron 2004),  Titan Quest (Iron Lore 2006) e Torchlight (2009). Tutti giochi che hanno avuto un buon successo tanto da far mettere in cantiere seguiti ed espansioni.

Oggi, nell’anno di grazia 2013 si affaccia all’orizzonte la “Neocore Games”, una piccola SH ungherese fondata a Budapest nel 2005 e per ora nota solo per i due giochi su “King Arthur” (rispettivamente 2009 e 2012) che erano War Games con elementi RPG. Questa volta si sono cimentati in un progetto più ambizioso in quanto legato a un genere come l’H&S assai più popolare, tanto che si parla già di una “Trilogia”. La cosa è avvallata anche dal fatto che il gioco si interrompe improvvisamente senza nessun finale plausibile, il ché che ha già suscitato molti malumori in rete. A questo riguardo si parlava di una patch correttiva (EA ha fatto scuola) ma mentre scriviamo non ce n’è ancora traccia.

The Incredible Adventures of Van Helsing  viene presentato pomposamente come “Action-Rpg” ma è il classico Hack & Slash con visuale isometrica in cui si passa la quasi totalità del tempo premendo furiosamente i pulsanti del mouse. Il nostro Eroe è figlio del mitico Abraham Van Helsing , il Cacciatore di Vampiri uscito dalla penna di Bram Stoker nel 1897 come coprotagonista di “Dracula”. Il nome di default resta Abraham ma  il nostro Eroe ricorda più pericolosamente il “Gabriel Van Helsing” protagonista del gustoso film-pastiche del 2004 in cui era presente ogni possibile tipo di mostro che veniva affrontato con pistoloni e spadoni. Gli autori, invece, dichiarano di essersi ispirati a fonti più nobili (“I Misteri di Sleepy Hollow di Tim Burton, il “Frankenstein” di Mary Shelley, “Il Dottor Jekyll e Miste Hide” di Stevenson ecc.). Il gioco è ambientato in una fantastica Europa Nord Orientale del secolo scorso brulicante delle creature più improbabili. La Magia si fonde con una Tecnologia arcaica che strizza l’occhio allo Steam Punk. Molti sono gli elementi anacronistici introdotti per sottolineare l’aspetto giocoso.

Un indubbio punto a favore del gioco sono proprio le ambientazioni particolarmente fantasiose, visionarie e alquanto variate:  all’inizio troviamo ameni boschetti e cupe brughiere, nella seconda parte ci dovremo muovere in scenari urbani fantastici e spesso inquietanti.

van helsing 1

 Gli Sviluppatori hanno dichiarato di essersi largamente ispirati a bizzarri motivi architettonici della loro stupenda città contaminando il tutto con elementi vittoriani. La cattiva notizia è che il più delle volte si è troppo impegnati a macellare nemici e non c’è tempo per godere dei panorami.

Il nostro tenebroso Eroe è, giustamente, alquanto laconico e cerca di trarre carisma dalle abilità guerresche e dal vistoso abbigliamento. Non è possibile alcuna personalizzazione a parte il colore del mantello. Più interessante è il personaggio di Lady Katarina, un’avvenente donna-fantasma che è stata in qualche modo recuperata e salvata dal vecchio Abraham in qualche parte di Borgovia e che è rimasta al servizio della famiglia. La storia di questo personaggio potrebbe comportare divertenti sviluppi e speriamo che nei capitoli successivi ne venga chiarita un po’ di più la storia. La fanciulla è incantevole e dotata di un puntuto senso dell’umorismo ma si trasforma in creatura demoniaca durante i combattimenti dove è guidata da una discreta AI. Anche lei è ampiamente personalizzabile ed è possibile impartirle vari comandi.

 van helsing 2

 L’assunto narrativo, come di prammatica, è abbastanza esile: il nostro Eroe deve raggiungere la un tempo “ridente” Borgovia, patria dei Mostri, sulla quale ora incombono oscuri pericoli. Il nostro Van Helsing, a differenza del padre, tratterà amichevolmente certi Vampiri e Licantropi visto che quelle terre rischiano di diventare preda di un nemico talmente folle da voler scatenare il caos.

Il combat si attiene agli schemi più classici del genere e in quest’ambito si comporta al meglio. Ovunque andremo saremo assaliti da orde assatanate costituite da un campionario assai variegato di creature fuori di testa: si va dai canonici gargoyle, a enormi bestioni corredati di cannone portatile,  a sciami di fastidiose piccole trottole volanti che rilanciano scariche elettriche ecc.. Con la semplice pressione su apposite icone si passa agevolmente dalle armi da mischia a quelle a distanza agli incantesimi. Non è possibile usare strategie sofisticate, si premono furiosamente i pulsanti del mouse cercando di non essere accerchiati in maniera troppo stringente. Quando si sta per morire si può ricorrere a una particolare abilità di rigenerazione che impiega però un certo tempo a ricaricarsi, quindi la soluzione migliore è spesso la fuga in attesa di del ripristino dei punti vita. La frustrazione è allontanata dalla possibilità di rinascere in quello stesso punto pagando ingenti somme di denaro.

van helsing 3

Questa possibilità è un ovvio tributo alla natura anche multiplayer del gioco e induce a esercitare il commercio. Il quale è comunque necessario in quanto l’inventario dell’Eroe e della Compagna si riempiono rapidamente. E’ anche possibile recuperare tutta la Vita senza spese viaggiando velocemente alla volta del Covo ma poi si dovrà effettuare un tedioso ritorno che ci costringerà ad attraversare un numero di schermate piuttosto cospicuo. Una scelta non classica è quella di non prevedere il respawn dei nemici. Questa “eresia” ha scandalizzato i vecchi giocatori più Duri&Puri e che più tengono a elaborare personaggi super potenti.

Campionature sonore e musiche nella norma, corrette ma un po’ monotone. Del tutto inadeguata la traduzione dei sottotitoli italiani: in numerosi punti il testo è addirittura in francese! Generalmente buone le animazioni. Un punto a favore del gioco è l’interfaccia estremamente elegante e funzionale pur se di stampo classico. Tutto è attivabile tramite i due pulsanti del mouse anche se esistono le scorciatoie da tastiera. La crescita del personaggio e della sua partner sono molto variegate e  articolate. Niente di particolarmente innovativo e giocando in single player non si arriverà  a sbloccare molte utili funzioni.

van helsing 4

Potremo specializzare il nostro Personaggio nel corpo-a-corpo, nell’uso delle armi da fuoco e in alcune Abilità magiche e lo faremo nel corso della partita in quanto non è prevista una Classe di partenza. In compenso, presso alcuni personaggi, è possibile azzerare i punti Attributi e Abilità e redistribuirli senza penalità. Le Abilità possono essere apprese presso gli Alchimisti che sono anche in possesso di un Laboratorio in grado di potenziare armi e armature con le “Essenze” che avremo trovato nel nostro girovagare nonché combinare le stesse per ottenerne campioni potenziati. Anche gli Incantatori possono potenziare in maniera casuale i nostri oggetti applicando altre funzioni casuali ma in maniera sempre assai immediata.

Buone notizie anche dal comparto multiplayer: in qualsiasi momento sarà possibile generare una nuova partita scegliendo la difficoltà (o unirsi ad altre incorso) e utilizzare il nostro Eroe opportunamente pompato nel corso del gioco in singolo scegliendo le modalità “Cooperazione” o “Scenario”. Anche qui però troviamo fastidiosi fenomeni di lag e il motore di gioco, già pesante in singolo, può creare qualche problema.

van helsing 5

Per gli appassionati di H&S “The Incredible Adventures of Van Helsing” svolge la sua funzione in maniera più che degna. Per gli altri può essere una ventata d’aria  fresca e simpaticamente “ignorante”, offrendo una decina di ore di svago senza pensieri. Stante che la longevità del gioco è ampiamente aumentata dalla modalità multiplayer una bella sorpresa è il prezzo di lancio veramente “popolare”.

IL VERDETTO

7.5
A CHI POTREBBE PIACERE?
Agli orfani di Diablo & Co.
PRO
  • Solo combattimenti furibondi e caotici
  • Ambientazioni varie e suggestive
  • Interfaccia elegante e funzionale
CONTRO
  • Solo combattimenti furibondi e caotici
  • Motore grafico pesante
  • Nessuna innovazione nel suo genere

DATI DEL GIOCO

Piattaforme: Windows, Mac OS

Sviluppatore: Neocore

Distributore: Steam

Data di uscita: 22/05/2013

Sito Ufficiale

Spazio dedicato nel forum

PEGI: 12+

GIUDIZIO LETTORI

ND 0 voti
Recensione The Incredible Adventures of Van Helsing
{{ reviewsOverall }} / 10 Utenti (0 voti)
Voto
Recensioni degli utenti Devi fare il log-in per votare
Ordina per

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
This site uses XenWord.
Vai alla barra degli strumenti