EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Recensione The Elder Scrolls: Legends – Guerra delle Alleanze 2019-05-02T12:03:31+02:00
  • 159489
    TES Legends

    Recensione The Elder Scrolls: Legends – Guerra delle Alleanze

Il piccolo mondo di The Elder Scrolls: Legends sembra non avere intenzione di rallentare la sua costante crescita, il che ovviamente non può che fare solo piacere ai suoi vari fan.
Sebbene in fin dei conti alcuni lo possano considerare come l’ennesimo titolo che propone il classico gioco di carte strategico a tema fantasy, un occhio più attento può certamente notare che non è proprio così, ma è molto di più…

Dopo il rilascio della precedente espansione, Isola della Follia (a cui abbiamo dedicato una recensione), non è passato molto tempo prima che Bethesda e il team di Sparkypants Studios abbiano nuovamente deciso di rinnovare il loro titolo strategico con un’aggiunta fresca fresca, Guerra delle Alleanze.

Chi conquisterà il Trono di Rubino?

Per chi ha già avuto familiarità con TES Online avrà senz’altro notato che questa espansione di Legends è incentrata sulla famosa guerra che si è combattuta durante l’Era degli Eroi e che vedeva schierate diverse fazioni in lotta tra loro per la conquista del trono di Cyrodiil, e quindi per la conquista del potere su Tamriel.
Grazie all’introduzione di queste fazioni, gli sviluppatori hanno potuto arricchire ancor di più le già variegate meccaniche del gioco. Tanto per essere più chiari, se con Casate di Morrowind era stata presentata la novità dei mazzi tricolore, in Guerra delle Alleanze questa caratteristica viene ancor di più sfruttata, dando ai giocatori per la prima volta la possibilità di creare il loro Deck personale combinando gli attributi delle carte a proprio piacimento, sempre tuttavia per un limite di tre attributi per mazzo, escludendo ovviamente le carte neutrali.

Ebbene, eccovi le Alleanze in lotta tra loro:

  • Patto di Ebonheart, costituito dagli attributi Forza, Agilità e Resistenza. Questa fazione è formata dall’unione dei Nord coi Dunmer e con gli Argoniani. Controllano le provincie di Skyrim, Morrowind e Black-Marsh e sono guidati da Re Jorunn.
  • Dominio Aldmeri, i cui attributi dominanti sono Intelligenza, Volontà e Agilità. Governati dalla Regina Ayrenn, questa possente Alleanza vede uniti gli ambiziosi Altmer con i selvaggi Bosmer e gli agili Khajiiti. Il loro Dominio controlla le provincie di Valenwood ed Elsweyr e le Isole Summerset.
  • Alleanza di Daggerfall, avente come attributi Forza, Intelligenza e Resistenza. Tale fazione è costituita da Bretoni, Redguard e Orchi, controllano le provincie di High-Rock e Hammerfell e seguono gli ordini del saggio Re Emeric.
  • Impero di Cyrodiil, con gli attributi di Volontà, Agilità e Resistenza. Vogliono a tutti i costi mantenere il controllo del Trono di Rubino. L’Impero è formato appunto dagli Imperiali, popolazione molto civilizzata famosa per le sue mire espansionistiche. Al comando di quest’Alleanza vi è l’Imperatrice Reggente Clivia Tharn.
  • Le Gilde Unite, gli attributi di questa fazione sono Forza, Intelligenza e Volontà. Tale Alleanza si è costituita con un accordo di collaborazione tra la Gilda dei Guerrieri e quella dei Maghi i cui vari membri seguono le leggi del leggendario Vanus Galerion.

Oltre a ciò, un’altra importante novità riguarda particolari abilità che possono avere alcune carte e sono:

  • Mobilità, questa caratteristica consente a molti oggetti, che precedentemente a questa espansione veniva difficile utilizzare se non avevamo creature schierate a cui assegnarli, di giocarli ugualmente anche a campo di battaglia vuoto, evocando nello stesso istante una “Recluta” che se lo equipaggerà.
  • Veterano, questa particolare aggiunta consente ad alcune creature di ricevere un determinato bonus, ma solo dopo il loro primo attacco, dopodiché non sarà più sfruttabile.
  • Specialità, questa meccanica si attiverà alla fine del proprio turno se in precedenza abbiamo giocato un’azione, un oggetto o una carta supporto.
  • Potenziamento, è una caratteristica esclusiva di alcune carte “Azione” e si può sfruttare ogni qualvolta si infliggono danni diretti all’avversario.

Carte strabilianti, musiche epiche e molto altro

Così come in Isola della Follia anche in quest’ultimo contenuto aggiuntivo non poteva certamente mancare un aggiornamento alla caratteristica chiave del gioco, le carte.
Se con l’espansione dedicata al buon Sheogorath erano state introdotte però solamente 55 nuove carte, questa volta si parla addirittura di più di 100, di cui almeno la metà di esse daranno certamente una ventata di aria fresca nello strategico di Legends.

Tra le più famose aggiunte non possiamo fare a meno di evidenziare personaggi iconici del lore dei TES tra cui spiccano figure leggendarie quali il mistico Vanus Galerion e il suo acerrimo nemico, il temuto e potente negromante Mannimarco, il Re dei Vermi.

Altro aspetto da non trascurare è l’aggiunta di nuove tracce musicali che accompagneranno i giocatori durante le varie battaglie coi loro temi incalzanti.
Per quanto riguarda i dorsi dei mazzi da gioco e i titoli da esibire sul proprio profilo, ebbene sappiate che ne sono stati introdotti parecchi in modo da garantire una più ampia personalizzazione ai vari utenti che si cimenteranno in questo titolo.

Persino il tavolo da gioco ha visto l’introduzione di un nuovo aspetto che farà da cornice durante le sfide più avvincenti. Il tavolo in questione mostrerà una mappa strategica del continente di Tamriel e tale mappa sarà pure interattiva, evidenziando le zone e i territori sotto controllo delle varie Alleanze.

Nonostante la presentazione di tutti questi aspetti atti a migliorare l’esperienza e il coinvolgimento in TES Legends, vi sono anche delle note dolenti, principalmente due. Esse riguardano la mancata introduzione di una nuova storia da poter seguire e di cui fare parte come in Isola della Follia e la non poca confusione iniziale che può verificarsi nelle partite competitive con l’introduzione di inedite meccaniche e abilità che posso avere alcune carte. Nel complesso tuttavia Guerra delle Alleanze si è dimostrato certamente all’altezza delle aspettative che molti giocatori si erano fatti a riguardo di quest’ultimo contenuto aggiuntivo.

IL VERDETTO

8
A CHI POTREBBE PIACERE?
A coloro che hanno avuto modo di provare TES Online, ma anche a coloro che hanno giocato le precedenti espansioni e attendevano il momento giusto per testare nel gioco nuove e intriganti meccaniche.
PRO
  • Comparto strategico finalmente ampliato
  • Tante nuove e potenti carte
  • Nuove musiche, dorsi e titoli da esibire
  • Disegni sempre molto ben realizzati
CONTRO
  • Mancanza di una nuova trama di gioco
  • Un po' di confusione con le nuove meccaniche e abilità

DATI DEL GIOCO

Piattaforme: Windows, Mac OS, Tablet, Smartphone

Sviluppatore: Sparkypants Studios, Bethesda Softworks

Distributore: Bethesda Softworks

Data di uscita: 15/04/2019

Sito Ufficiale

PEGI: 12+

GIUDIZIO LETTORI

ND 0 voti
{{ reviewsOverall }} / 10 Utenti (0 voti)
Voto
Recensioni degli utenti Devi fare il log-in per votare
Ordina per

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}

Autore:

Avatar

Grande stimatore degli RPG fin dal primo approccio avuto col mondo videoludico, oltre che fedele seguace dell’epic fantasy, adoro vivere avventure leggendarie in mondi sempre più vasti e sempre più emozionanti, in compagnia della mia più fedele ed inseparabile amica, l’immaginazione. Tra videogiochi di vario genere e libri cerco sempre di trovare del tempo libero per un’altra mia grande passione, la scrittura.

This site uses XenWord.
Vai alla barra degli strumenti