EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Recensione Warbanners 2017-12-22T19:05:40+00:00
  • 156153
    Warbanners

    Recensione Warbanners

Warbanners è un gioco di strategia tattica a turni, con elementi di role-play. Gestendo una squadra di mercenari, il giocatore impersonerà Rodrick, il capo della compagnia, e vivrà le 42 missioni della campagna, con l’obiettivo principale di consolidare la propria posizione nelle antiche leggende.

Gameplay

Warbanners è un titolo incentrato sulla strategia e pertanto la colonna portante del gioco è proprio quella relativa alle tattiche di combattimento. Il gioco si presenterà come una serie di livelli da completare, ognuno con un grado di sfida diverso dal precedente.

È proprio questo grado di sfida a rappresentare uno dei punti forti di Warbanners, con ben 4 diverse difficoltà tra cui scegliere: facile, normale, difficile ed incubo. La cosa che lascia più sorprendere tra l’altro è che, anche selezionando il livello di difficoltà più basso, ci saranno comunque alcune missioni piuttosto ostiche e che, appunto, necessiteranno di una strategia degna dei migliori strateghi per poterle superare.

anche selezionando il livello di difficoltà più basso, ci saranno comunque alcune missioni piuttosto ostiche

Durante la campagna guideremo una compagnia di mercenari attraverso le varie missioni, ognuna con un’ambientazione ben precisa e, alle volte, anche di un punto prestabilito da cui partire. Difatti, i campi di battaglia si presenteranno sotto forma di esagoni in cui poter posizionare le nostre unità e in quasi tutti i livelli, potremo scegliere quelli da cui far partire le nostre unità, tra i tanti selezionabili.

Ogni unità avrà una determinata quantità di punti azione, grazie ai quali potremo decidere di quanti esagoni far muovere un’unità. Se invece, decideremo di attaccare anziché muoverci allora la quantità di punti azione spesi sarà maggiore.

Ad approfondire maggiormente la componente strategica c’è il sistema di illuminazione degli esagoni. Infatti, nel gioco potremo ritrovarci ad affrontare le battaglie nei vari archi della giornata, dall’alba al tramonto fino ad arrivare alla notte.

Le unità in questo caso, dispongono ognuna di un proprio grado visivo grazie alla differenziazione delle razze (saranno presenti infatti gli Umani, gli Elfi, i Nani, i Non Morti e i Mostri). Se quindi, un’unità capace di vedere solo di giorno si ritroverà ad affrontare una battaglia di notte, questa subirà degli effetti passivi negativi dovuti alla scarsa visibilità.

Per fortuna però, esistono anche delle unità con un grado di vista “Universale”, ciò significa che indipendentemente dall’arco della giornata in cui ci troviamo, esse vedranno sempre bene e non subiranno mai degli effetti negativi.

Ma non è tutto, in Warbanners infatti ogni unità godrà di abilità uniche, grazie all’esperienza accumulata durante la campagna e che permetterà di far salire di livello i membri della compagnia. Più sarà esperta un’unità e maggiori saranno le sue abilità e la potenza.

In generale quindi, in Warbanners potremo vantare di diverse strategie, grazie alle quali sarà possibile dare una svolta positiva alle battaglie.

“In Warbanners potremo vantare di diverse strategie, grazie alle quali sarà possibile dare una svolta positiva alle battaglie”

Arrivati a questo punto, andiamo ad analizzare più da vicino le statistiche delle unità, che ricordo sono di varia tipologia, tanto è vero che potremo assoldare Spadaccini, Arcieri, Maghi, Cavalieri e tanti altri.

Ogni unità vanta di 6 attributi:

  • Forza: la quantità di danni che andremo ad infliggere quando attaccheremo;
  • Precisione: la probabilità di mettere a segno un colpo;
  • Schivata: la probabilità di evitare un attacco nemico;
  • Portata: la distanza con cui potremo attaccare (valida soprattutto per Maghi e Arcieri);
  • Corazza: ogni punto ridurrà i danni fisici subiti dai nemici;
  • Resistenza magica: ogni punto ridurrà i danni magici subiti dai nemici;

In più, oltre agli attributi, le unità potranno far uso di pozioni di vario tipo per aumentare le loro abilità e addirittura potranno equipaggiare degli oggetti unici capaci di fornire loro dei talenti unici.

Tra le tanti componenti del gioco, non possiamo non citare la presenza degli aiutanti, ossia delle persone che potremo reclutare con l’oro guadagnato durante la nostra campagna e grazie alle quali potremo vantare di vari bonus sia attivi che passivi.

Tra i tanti bonus attivi troviamo persino la possibilità di poter posizionare una catapulta sul campo di battaglia, che potremo attivare grazie ad un’unità con punti azione sufficienti. Mentre nei bonus passivi, abbiamo pure la possibilità di uccidere un nemico casuale all’inizio della battaglia.

Ma ora veniamo al punto fondamentale del gioco, la probabilità di colpire. Infatti, è solo grazie a questa percentuale, situata accanto alle unità nemiche, che riusciremo ad infliggere dei danni ai nemici. Durante il corso della mia partita, mi è capitato spesso di avere tra il 70% e il 90% di probabilità di colpire, ma per via di “forze misconosciute” questi colpi non sono andati a segno ben il 50% delle volte.

Che sia un bug… oppure molto semplicemente sfortuna? A tal proposito, uno degli aspetti che mi ha sorpreso di più di questo titolo è praticamente l’assenza di bug. Non ne ho incontrato nemmeno uno durante tutta la campagna.

In base a queste scelte, la reputazione della nostra compagnia cambierà

Campagna tra l’altro, caratterizzata anche da varie scelte del giocatore, grazie alle quali potremo scegliere modi diversi per approcciarci alle situazioni. In base a queste scelte, la reputazione della nostra compagnia cambierà: infatti potremo decidere se essere dei predoni senza cuore oppure degli eroi acclamati in tutto il reame. Sta a noi scegliere.

Grafica e sonoro

Dal punto di vista grafico, Warbanners si presenta grosso modo bene, grazie ad una qualità visiva piuttosto curata e a delle ambientazioni ben realizzate. A differenziare i vari luoghi delle battaglie, ci saranno dei fiumi, delle foreste e anche delle vere e proprie cittadelle con tanto di mura (un punto fondamentale in cui poter posizionare i proprio arcieri).

Warbanners

Il comparto sonoro invece, a differenza di quello grafico, non presenta caratteristiche degne di nota. Difatti le musiche di gioco non lasciano una traccia fondamentale, tale da poter rendere l’atmosfera di gioco unica nel suo genere e rimandare il giocatore all’interno delle battaglie. Tuttavia, non è nemmeno da bocciare, è solo un aspetto del gioco che potrebbe essere migliorato in quanto non è ben sviluppato.

Conclusione e valutazione finale

Warbanners si presenta sotto la maggior parte degli aspetti un titolo fortemente curato, tuttavia non possiamo non fare menzione della mancata localizzazione italiana, per cui gran parte dei giocatori non anglofoni non potranno godersi il titolo. Ciò nonostante il gameplay risulta piuttosto intuitivo anche semplicemente utilizzando i pulsanti dell’interfaccia grafica.

Considerando tra l’altro l’estrema difficoltà del titolo, componente di gran lunga apprezzata nei titoli di questo genere, ci troviamo davanti a noi un videogioco sicuramente da provare e pertanto non posso che consigliarvelo e dargli un voto pari a 8.

Altre immagini

Warbanners
Warbanners
Warbanners
Warbanners

IL VERDETTO

8
A CHI POTREBBE PIACERE?
A chi ama i titoli strategici e cerca un elevato livello di sfida, grazie al quale potrà divertisti per varie ore di gioco.
PRO
  • Livello di sfida elevato
  • Ambientazioni curate
  • Pozioni e bonus ben diversificati
  • Nessun bug
CONTRO
  • Lingua italiana assente
  • Le probabilità di colpire non saranno dalla vostra parte...

DATI DEL GIOCO

Piattaforme: Windows, Linux

Sviluppatore: Crasleen Games

Distributore: Crasleen Games

Data di uscita: 18/10/2017

Sito Ufficiale

PEGI: ND

GIUDIZIO LETTORI

ND 0 voti
{{ reviewsOverall }} / 10 Utenti (0 voti)
Voto
Recensioni degli utenti Devi fare il log-in per votare
Ordina per

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}

Autore:

La paura porta alla rabbia, la rabbia porta all'odio, l'odio porta alla sofferenza. La paura è la via per il Lato Oscuro... quello degli RPG. Da buon amante dei giochi di ruolo ricerco in essi una forma d'arte e, ovviamente, anche una forma d'intrattenimento. Passate al Lato Oscuro, abbiamo il Level Up!

This site uses XenWord.
Vai alla barra degli strumenti