EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Recensione Icewind Dale: Enhanced Edition 2016-11-27T11:24:25+00:00
  • 52259

    Recensione Icewind Dale: Enhanced Edition

La Storia di Icewind Dale

La prima edizione di Icewind Dale sviluppata da Black Isle Studios uscì nel lontano 2000. Le vicende del gioco sono ambientate anni prima dei romanzi scritti da Robert A. Salvatore che descrivono e rendono famosi i luoghi della Trilogia delle Terre Perdute.
Lo stile di gioco si basa sul precedente Baldur’s Gate e consiste in un combattimento a turni in tempo reale in puro stile Dungeons & Dragons, in cui si dovranno guidare sei compagni precedentemente creati. Il titolo è mosso dall’Infinty Engine di BioWare che rappresenta il mondo di Icewind Dale con una visuale isometrica. Il motore grafico fu utilizzato largamente dal team di Black Isle Studios per creare anche il famosissimo Planescape: Torment.
Nel corso degli anni il titolo ha venduto numerose copie e adesso nel 2014 si presenta con un’edizione remaster sviluppata dal team di Beamdog. Tramite questa riedizione il team ha intenzione di avvicinare questo grande titolo anche ai giocatori di ruolo dei giorni nostri. Grazie al duro lavoro e alla tanta passione ci sono riusciti.

Dove inizia l’avventura

L’avventura di Icewind Dale inizia nel villaggio di pescatori di Easthaven, una delle “Dieci città” che punteggiano la Valle del Vento gelido. L’appellativo di villaggio non gli si addice in quanto è costituito da poche capanne e da un misero tempio. Gli eroi dell’avventura si ritrovano nella taverna del borgo a sorseggiare chissà quale bevanda per scacciare il freddo dalle ossa, quando un individuo in armatura si avvicina al gruppo. Il guerriero che interpella gli avventurieri si chiama Hrothgar ed è interessato a discutere con loro di alcuni affari importanti.
Girovagando per le capanne gli eroi vengono a scoprire che un messaggero proveniente dalla lontana Kuldahar ha portato un disperato appello d’aiuto. In quel remoto villaggio si verificano avvenimenti inquietanti, la gente scompare e una presenza malvagia si annida nel sempre più innaturale clima che circonda la città.

Icewind-Dale-Enhanced-Edition-01

Il prologo ci introduce nella vicenda che ci porterà ad attraversare le gelide lande di Icewind Dale.

I primi minuti

I primi minuti di gioco possono spiazzare un neofita del genere perché le molteplici righe di testo, l’interfaccia di gioco che riempie lo schermo del PC e la grafica retrò lasciano all’inizio un po’ spaesati. Tuttavia dopo qualche istante necessario ad ambientarsi, tutto sembra al suo posto e nulla sembra messo lì per caso.
Ogni riga di testo presente nel gioco sarà interessante per scoprire qualcosa in più sulla storia del luogo, per prendere parte alle numerose quest secondarie o per ricevere un oggetto che andrà usato in un secondo momento. La grafica di altri tempi dà carattere a questo titolo, riuscendo a rappresentare in modo soddisfacente ambienti e paesaggi.
Avrebbe dato forse maggior lustro al gioco l’aggiunta di un tutorial che guidi il neofita nei comandi di utilizzo della magia sul campo di battaglia, soprattutto nei primi minuti. Infatti quando si affronta il “vero” primo combattimento se non si è organizzati la sconfitta sarà certa, anche nelle fasi iniziali di gioco.

Un’attenta pianificazione preliminare e la disposizione corretta del team sul campo di battaglia potrebbe fare la differenza tra la vittoria o la sconfitta.

La guida all’interno del gioco sarà un vero aiuto per chi si avvicina per la prima volta ad un RPG a turni con visuale isometrica di questo calibro. Dopo qualche ricerca mirata e aver equipaggiato di tutto punto il team la vittoria sarà assicurata, a patto ovviamente di sviluppare coerentemente i propri personaggi con la classe di appartenenza e affidarsi sempre a strategie un po’ più raffinate del classico “cerca e distruggi”.
La soddisfazione che si prova a sterminare un’ondata di orchi che prima vi avevano sconfitto malamente è indescrivibile. Molti dei giochi moderni sono strutturati in maniera talmente semplice che non si riesce ad apprezzare una simile soddisfazione. In Icewind Dale: Enhanced Edition non è saggio abbassare la guardia neanche per un’istante: aprendo una porta o girando un angolo cieco di uno dei tanti dungeons, potreste trovarvi ad affrontare un orda di mostri agguerriti e spietati pronti a sopraffarvi. Un’attenta pianificazione preliminare e la disposizione corretta del team sul campo di battaglia potrebbe fare la differenza tra la vittoria o la sconfitta.

Icewind-Dale-Enhanced-Edition-03

I personaggi

La caratterizzazione dei personaggi in Icewind Dale è veramente approfondita e dettagliata. Tramite l’Enhanced Edition sono state aggiunte ben trenta nuove classi e sottoclassi, come Guardia Nera e l’Ammazza Stregoni, per rendere ancor più personalizzato il team di avventurieri che dovranno affrontare i pericoli celati nella Valle del Vento Gelido. Si può impiegare anche un quarto d’ora a leggere velocemente le molteplici descrizioni delle classi, razze e attributi che possono personalizzare l’eroe e il suo party. Minuti spesi bene in quanto è essenziale creare un personaggio equilibrato e con un indirizzo specifico per poter vivere l’avventura al massimo delle potenzialità.
Inoltre in Icewind Dale si può scegliere sin da subito il carattere dell’eroe, un’opzione che in molti RPG moderni non è presente. Le scelte sono molteplici dal paladino senza macchia e senza paura all’essere che incarna il male assoluto, senza dimenticare le vie di mezzo. Questa scelta non è superflua, anzi molto importante, perché determinerà il rapporto che avrà il protagonista con i compagni e con il mondo di gioco.
Anche i restanti cinque membri del party sono ben caratterizzati ognuno ha la propria storia personale, campo di specializzazione e punti deboli tutti modificabili a piacimento.

Icewind-Dale-Enhanced-Edition-04

Mondo di gioco

Le località del mondo di gioco sono varie e ben rappresentate grazie ai miglioramenti dell’Enhanced Edition, anche se alcune veramente piccole. I paesaggi variano da lande ricoperte di neve, caverne poco illuminate, dungeons infestati da orde di non morti, templi difesi da giganti a distese erbose. L’interazione con il mondo di gioco è abbastanza completa: passando il cursore del mouse negli ambienti si possono scoprire tante cose, da oggetti nascosti a semplici curiosità riguardanti il luogo. I discorsi degli abitanti che vivono nei luoghi della Valle del Vento Gelido sono coerenti e seri, anche se non mancano i momenti in cui scappa la risata.

Il livello grafico del titolo è stata completamente rivisto insieme all’interfaccia di gioco, che adesso introduce la possibilità di aprire la schermata del “bottino rapido”. Le fonti di luce, l’oscurità e gli effetti grafici sono realizzati in modo ottimo. Anche se l’età si fa sentire, Icewind Dale non manca di spettacolarità visiva, che raggiunge il suo apice quando uno o più maghi lanciano i loro incantesimi. In sostanza però non vi sono veri e propri grandi stravolgimenti estetici ma “solamente” un grande adattamento del gioco rispetto ai moderni sistemi operativi, assicurando quindi una piena compatibilità, ed un generale upgrade di qualità per texture ed interfacce.

Va menzionato e elogiato l’ottimo comparto audio che rende vivo il mondo di gioco.

Va menzionato e elogiato, inoltre, l’ottimo comparto audio che rende vivo il mondo di gioco: lo sciabordio dell’acqua, lo scoppiettare del fuoco o il semplice suono emesso da una tormenta di neve sono realizzati in modo ottimo. Il doppiaggio in italiano dei personaggi principali è altrettanto ben fatto, solo alcuni membri del team parlano in inglese e sino ad adesso tutte le righe di testo lette sono tradotte in un buon italiano.

Il ritmo di gioco è lento come si confà a un gioco di ruolo old school. I personaggi non corrono ma camminano, bisognerà leggere ogni riga di testo in quanto molte notizie e fatti importanti saranno riportati nelle varie conversazioni, inoltre sarà fondamentale impiegare abbastanza tempo per equipaggiare con precisione ogni singolo membro del party.
Per i neofiti i primi momenti di gioco potranno apparire troppo lenti, in verità la cadenza di gioco è equilibrata in modo eccellente alternando momenti di conversazione a lunghe sessioni di combattimento. Ciò permette di riflettere con calma riguardo la mossa o la scelta successiva, di gustarsi ogni momento del mondo di gioco dal paesaggio caratteristico alla conversazione intavolata con un determinato personaggio. Una tale esperienza può essere vissuta solo tramite un gioco di ruolo vecchio stampo, un gioco d’azione non potrà mai regalare tali sensazioni.

Icewind Dale: Enhanced Edition, oltre ad offrire un mondo di gioco completamente ricostruito, introduce molte novità: sono state aggiunte centinaia di nuove magie, oggetti, spade e armature incantate, molteplici missioni che erano state tagliate o mai completate nell’edizione originale, senza contare le innumerevoli correzioni dei bug apportate al gioco e la possibilità di affrontare l’avventura insieme a sei compagni grazie alla nuova modalità multiplayer cross-Platform. In questa modalità il giocatore che crea la sessione di gioco, noto come master, svolgerà il ruolo più importante di tutti. Infatti i giocatori ospiti non potranno iniziare dialoghi, scegliere le relative risposte, effettuare la pausa tattica durante i combattimenti e salvare la partita in corso.

Icewind Dale Enhanced Edition conterrà le espansioni del titolo Heart of Winter e Trials of the Luremaster.

Ogni giocatore potrà guidare solo i suoi personaggi preimpostati, a meno che il master non gliene assegni altri tramite l’apposito comando. Se il personaggio del master dovesse morire in combattimento gli altri giocatori non potrebbero virtualmente proseguire nella sessione di gioco. Il giocatore principale sarà quindi costretto ad “impossessarsi” di un altro viaggiatore per poter proseguire nell’avventura.
Ogni personaggio guidato da un differente giocatore non potrà modificare l’equipaggiamento degli altri compagni ma si potranno scambiare solo gli oggetti presenti negli zaini degli avventurieri. Il gruppo degli eroi dovrà riunirsi per passare da uno scenario all’altro ma durante l’esplorazione dell’area ogni singolo avventuriero potrà muoversi liberamente. Per mantenersi in contatto la sessione di gioco offre una comoda chat integrata che solo in rari casi presenta dei bug che ne impediscono la scrittura nella relativa barra.
Nonostante le limitazioni e i rari bug, questa modalità multiplayer offre la possibilità di giocare l’intera avventura passando molte piacevoli ore di gioco in compagnia dei proprio amici. Inoltre l’Enhanced Edition conterrà le espansioni del titolo Heart of Winter e Trials of the Luremaster.
In questo gioco di ruolo non mancheranno gli innumerevoli easter egg che menzionano i precedenti titoli di Black Isle Studios restaurati poi da Beam Dog. Per esempio: un membro del party dichiara di voler andare a sud verso Baldur’s Gate o potreste trovare una runa che simboleggia il logo di un altro titolo.

Icewind-Dale-Enhanced-Edition-08

Considerazioni finali

Icewind Dale è un gioco attuale sotto molti aspetti e in alcuni casi supera i giochi moderni, regalando un’esperienza profonda e completa che solo pochi titoli possono dare di questi tempi. Tramite l’Enhanced Edition il titolo si riempie di contenuti inediti come l’aggiunta di una modalità multiplayer ben realizzata, che regalerà moltissime ore di gioco agli appassionati e non. Questo è un titolo che ogni giocatore di ruolo dovrebbe possedere nella sua collezione. Chi si avvicina per la prima volta agli RPG old school non deve lasciarsi scoraggiare dal ritmo lento rispetto agli standard moderni o dalla grafica, che seppur aggiornata mostra la sua veneranda età, perché Icewind Dale è un gioco di ruolo in tutti i sensi. Possiede una trama avvincente, costellata di colpi di scena che lasciano pochissime volte con un senso di amaro in bocca; ha alle spalle un lore ben costruito e ricco, che soddisferà anche le persone più curiose e esigenti, senza dimenticare che ogni personaggio è caratterizzato in modo da restituire la sensazione di incontrare sempre NPC differenti, non come alcuni RPG moderni dove sembrano creati in serie. Icewind Dale: Enhanced Edition può benissimo competere con i nuovi titoli che si affacciano nel settore dei giochi di ruolo old school come Pillars of Eternity.

Altre immagini del gioco

IL VERDETTO

7.5
A CHI POTREBBE PIACERE?
A tutti gli appassionati di D&D, a chi si vuole immergere in un'avventura ricca di colpi di scena e atmosfere fiabesche
PRO
  • Ottima traduzione italiana
  • Storia coinvolgente
  • Ha segnato la storia degli RPG
  • Tanti nuovi contenuti con l'EE
  • Buona modalità multiplayer
CONTRO
  • Ritmo di gioco lento per i neofiti
  • Grafica datata

DATI DEL GIOCO

Piattaforme: Windows, Linux, Mac OS, Tablet

Sviluppatore: Beamdog

Distributore: Beamdog

Data di uscita: 30/10/2014

Sito Ufficiale

Spazio dedicato nel forum

PEGI: 12+

GIUDIZIO LETTORI

8 2 voti
Recensione Icewind Dale: Enhanced Edition
{{ reviewsOverall }} / 10 Utenti (2 voti)
Voto
Recensioni degli utenti Devi fare il log-in per votare
Ordina per

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Matteum Primo

Nutro sin dall'infanzia una smodata passione per l'universo dei videogame. In passato ho giocato alle vecchie glorie dei JRPG, come Legend of Dragoon e Final Fantasy IX.


Di recente invece mi sono dilettato tra vari ARPG come The Witcher 3: Wild Hunt (epico!), rimanendo tuttavia sempre alla ricerca di un titolo che colmi la mia inesauribile fame di fantascienza, RPG e azione. Mass Effect ci era riuscito a suo tempo, ma attendo con ansia Cyberpunk 2077!


[ATTACH]11907.IPB[/ATTACH]

This site uses XenWord.
Vai alla barra degli strumenti