EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

  • Mass Effect: Andromeda e il posticipo della nuova IP di BioWare sono collegati?

Mass Effect: Andromeda e il posticipo della nuova IP di BioWare sono collegati?

In questi ultime ore si sono susseguite diverse voci e rumor per quanto riguarda il posticipo della nuova IP di BioWare, e il supposto “congelamento” dello sviluppo di Mass Effect: Andromeda per via dello spostamento di sviluppatori da uno studio all’altro.

Analizzando i fatti il CEO di Electronic Arts, Andrew Wilson, ha annunciato alla recente conferenza per la chiusura dell’anno fiscale 2017 lo spostamento dell’uscita ufficiale della suddetta IP all’anno fiscale 2019: ovvero tra l’aprile del 2018 e il marzo del 2019.

Il precedente rilascio della nuova IP di BioWare, nota come “Project Dylan”, era stato fissato a marzo 2018. E quindi tutto ciò fa supporre che EA abbia posticipato solo di poche settimane o un paio di mesi la release; nulla di strano.

“La scelta di spostare la nuova IP e quello che è accaduto con Mass Effect sono completamente scollegati”, ha dichiarato Wilson, aggiungendo di essere contento dei progressi svolti da BioWare a riguardo.
Tradotti in un design “favoloso” e un gameplay “eccellente”, all’interno di meccaniche di gioco che ruotano intorno a una componente online (secondo quanto ha riportato Polygon).

Passando a un’altra testata giornalistica, Kotaku, questa avrebbe svelato lo spostamento di personale tra gli studi di BioWare.

Lo scorso mese, ovvero quasi al lancio ufficiale di Mass Effect: Andromeda, un numero indefinito di impiegati di BioWare Montreal sarebbe stato trasferito agli studi di EA Motive, presenti nella stessa metropoli, per lavorare a Star Wars Battlefront II.
E coloro che sarebbero rimasti nella prima sede starebbero ora supportando lo sviluppo di altri giochi targati BioWare, come il sopracitato Project Dylan.

“BioWare Montreal continuerà inoltre a pubblicare patch e dare supporto al multigiocatore di Andromeda”, si legge nell’articolo della testata, così come che il numero di dev impiegati in tale ruolo sia troppo esiguo per sviluppare nuovi contenuti.

Una manovra di tale genere è abbastanza consueta: gli sviluppatori richiesti per creare un gioco da zero sono un tot, molti di più di quelli adatti per mantenerlo e supportarlo con patch e aggiornamenti.

“I nostri team di BioWare attraverso EA hanno fatto tremendi sforzi per portare Mass Effect: Andromeda ai giocatori nel mondo”, ha dichiarato il team rispondendo alle insinuazioni di Kotaku.

Proseguendo: “anche se BioWare continua a focalizzarsi sui servizi ‘live’ e la community di Andromeda, stiamo costantemente rivolti verso quello che verrà nel futuro” e, in poche parole, è normale che vi sia un movimento di persone tra gli stessi studi in modo da supportarsi; “ci sarà molti più contenuti targati BioWare nei prossimi anni a venire”.

Più recentemente dalla risposta di BioWare alla testata giornalista e come abbiamo accennato poco sopra, lo stesso CEO di Electronic Arts Andrew Wilson si è ritenuto felice “di quello che BioWare sta facendo e come sta trattando Mass Effect. Le nostre aspettative verso quest’ultimo rimangono forti per il futuro e per il franchise in generale”.

I complotti sono solamente di quelli che vogliono vederli? L’ardua sentenza a voi.

Commentate nel forum

2017-05-11T18:54:47+02:00

Autore:

Matteum Primo

Nutro sin dall'infanzia una smodata passione per l'universo dei videogame. In passato ho giocato alle vecchie glorie dei JRPG, come Legend of Dragoon e Final Fantasy IX.


Di recente invece mi sono dilettato tra vari ARPG come The Witcher 3: Wild Hunt (epico!), rimanendo tuttavia sempre alla ricerca di un titolo che colmi la mia inesauribile fame di fantascienza, RPG e azione. Mass Effect ci era riuscito a suo tempo, ma attendo con ansia Cyberpunk 2077!


[ATTACH]11907.IPB[/ATTACH]

This site uses XenWord.
Vai alla barra degli strumenti