Benvenuto!

Registrati per poter accedere a tutte le funzioni del forum. Una volta iscritto ed effettuato il login, potrai aprire nuove discussioni, rispondere a discussioni già create, inserire aggiornamenti di status, seguire amici, inviare messaggi privati e molto altro ancora.

TOPIC UFFICIALE Wildermyth

Discussione in 'RPG World' iniziata da Mesenzio, 3 Dicembre 2019 alle 18:32.

Condividi questa Pagina

  1. Mesenzio

    Mesenzio Contemptor Deum Editore

    Messaggi:
    9.660
    Mi piace:
    1.753
    Wildermyth è un RPG a turni sviluppato da Woldwalker Games tutt'ora in accesso anticipato su Steam e itch.io, ma che offre già una notevole quantità di contenuti.



    Le particolarità di Wildermyth sono da ritrovarsi nel suo stile grafico, che mescola personaggi 2D ed ambientazioni tridimensionali, ma sopratutto nella creazione procedurale di personaggi e storie. I personaggi si evolveranno in base a storie personali plasmate da eventi casuali, dove il giocatore potrà scegliere lo svilupparsi della storia. Come tradizione in questo genere di giochi, potranno anche morire, in Wildermyth anche invecchiare, sebbene sia possibile riarruolarli in campagne successive spendendo appositi punti.

    Wildermyth è al momento in versione open beta con continui aggiornamenti, e la versione completa dovrebbe uscire l'anno prossimo con un totale di sei campagne.
     
    A f5f9 piace questo elemento.
  2. f5f9

    f5f9 si sta stirando Ex staff

    Messaggi:
    14.869
    Mi piace:
    5.084
    pare caruccio
     
  3. Argenti

    Argenti Supporter

    Messaggi:
    687
    Mi piace:
    187
    si molto carino devo dire, fico il fatto che si possa invecchiare mi ricorda Massive chalice.
    Peccato per l'assenza di elmi e cappucci che per un rpg esteticamente sono sempre necessari.
     
  4. Harkles

    Harkles Livello 1

    Messaggi:
    51
    Mi piace:
    16
    bello, ma... SH alla sua prima opera, in accesso anticipato, son già dubbioso che completino il gioco, e sono totalmente scettico su una traduzione. La mole di testo è consistente, ma il problema più grande è la casualità dei dialoghi, che non dà problemi con l'inglese ma si rivela una completa nemesi per le lingue latine.