Benvenuto!

Registrati per poter accedere a tutte le funzioni del forum. Una volta iscritto ed effettuato il login, potrai aprire nuove discussioni, rispondere a discussioni già create, inserire aggiornamenti di status, seguire amici, inviare messaggi privati e molto altro ancora.

Chiudi
RPG Italia è sbarcata su LiberaPay!

Ospite, se vuoi sostenerci donando anche 1€ al mese, questa è l'occasione giusta! RPG Italia non ha pubblicità e l'unica fonte di finanziamento deriva dalle donazioni.
Siate generosi!

Per aderire, diventa un donatore su LiberaPay! È una piattaforma italiana che consente grande flessibilità di pagamento!

Saturazione

Discussione in 'Lo scannatoio' iniziata da f5f9, 22 Giugno 2020.

Condividi questa Pagina

  1. f5f9

    f5f9 si sta stirando Ex staff

    Messaggi:
    16.325
    Mi piace:
    5.687
    un post di @kara.bina, questo:
    mi ha stimolato un brain storming
    quello dei videogiochi è l'hobby principale di chi frequenta questo sito, ma chi di noi prova ancora certi entusiasmi iniziali? chi è ancora capace di emozionarsi, sussultare, rimanere incollato al video fino a ore antelucane senza provare noia e sfidare la sveglia? abbiamo già visto tutto?
    ovviamente l'influenza dell'anagrafe gioca un ruolo prioritario e, ancor di più, contano gli anni che abbiamo passato a videogiocare
    malgrado gli incredibili balzi in avanti tecnici dell'ultimo lustro, creare vere novità è ormai quasi impossibile, soprattutto nel campo dei tripla A, chi ci prova, come Kojima con Death stranding, riscuote un successo commerciale inspiegabilmente inferiore ai meriti
    io ricordo ancora l'emozione più grande mai vissuta davanti a un monitor
    era il lontano 2003 ed ero a sole (!) 20 ore di Morrowind quando arrivai a Wolverine Hall
    [​IMG]
    oggi potrebbe sembrare un posto qualunque, ma all'epoca non avevo mai visto niente di più grandioso e suggestivo: un enorme maniero medioevaleggiante posto su una penisola (tipo Mont Saint Michel), avvolto tra le nebbie e circondato da enormi funghi con fattezze aliene
    e già avevo capito che avrei potuto girarlo tutto, che non ci sarebbero state porte finte o punti irraggiungibili, che nelle stanze mi sarei trovato ad interagire con oggetti e npc che avrebbero scatenato altre avventure
    nella mia ingenuità non sapevo che poco distante avrei trovato un luogo ancor più inconcepibilmente colossale: Vivec, città composta da enormi ziggurat densamente popolate e piene di incredibili sorprese
    [​IMG]
    nè avrei mai immaginato che la città disponesse di uno sviluppo sotterraneo superiore a quello delle parti emerse, che stavo addirittura per visitare quel piccolo "satellite" che galleggiava nell'aria a qualche decina di metri dal suolo, che mi sarei misurato con un vero dio nel suo tempio...
    negli anni successivi non ho mai provato tanto stupore davanti a un monitor, ma ciò non toglie che anche oggi non mancano giochi capaci a incollarmi e provocarmi emozioni forti
    in una eventuale prossima punta magari farò un elenco....
     
    A alaris e Norimberto piace questo messaggio.
  2. Elfen Lied

    Elfen Lied Livello 1

    Messaggi:
    431
    Mi piace:
    209
    A me succede ancora che scatti quel "click", certo non con la frequenza di un tempo ma devo dire che tutto sommato mi capita ancora con una certa regolarità. Il fatto curioso però è che ormai mi succede quasi solamente con giochi indie, probabilmente per il fatto che spesso e volentieri nei giochi non ad alto budget è ancora possibile ritrovare quell'entusiasmo, quella genuinità e soprattutto quella voglia di "osare" un po' di più rispetto magari a tanti giochi AAA che devono pensare più che altro a rispettare i gusti del mainstream e confezionare prodotti che vadano incontro ai gusti di quanta più gente possibile.
     
  3. Norimberto

    Norimberto Livello 1 LiberaPay Supporter

    Messaggi:
    942
    Mi piace:
    249
    Eh guarda secondo me l'età, e tutto ciò che ne consegue, incide tantissimo. Innanzitutto cambia anche l'approccio con determinati giochi, perchè magari si ha meno tempo e si utilizza gran parte della "sanità mentale"(cit.) a lavoro o in famiglia. Ora spesso le meccaniche sono più complesse e giustamente a volte le interfacce vengono stravolte e bisogna tornare a capirle!
    Personalmente ancora riesco a gestirmi perchè se a lavoro sono full, in famiglia siamo ancora in 2 e mia moglie ama guardarmi giocare agli Horror tipo Resident Evil 7 che in effetti, nella moria di titoli eccellenti del genere, ha fatto scattare quella scintilla....
    Poi vabbè di che parliamo, io ho 34 anni e oltre ad amare gli Rpg sono sempre stato un grande sportivo e se devo dire con che gioco sono rimasto piacevolmente shockato non posso non menzionare le giornate, anzi gli anni, passati a giocare a Championship Manager 2000/2001 con i miei cugini e amici, fisicamente nello stesso posto, così' come The Manager.
    Civilization 3 che mi ha tenuto per anni e anni compagnia e lo sceglierei ancora tra tutti quelli della saga.
    I giochi della super nintendo con i miei fratelli, i titoli di allora hanno sempre cercato di replicarli perchè erano veramente il top.
    Poi il primo survival Horror SERIO al Pc è stato Alone In The Dark 4, chiaramente un capolavoro...... Sensazioni che ho ritrovato con Amnesia.
    Morrowind come quasi per tutti è stata una cosa incredibile e unica che ha aperto una strada nuova oppure il primo Neverwinter Nights che è mi entrò nel cuore...
    Dragon Age Origins probabilmente ha segnato una via di mezzo nel tempo soffermandosi un capolavoro assoluto.
    Poi nel suo genere Max Payne(ovviamente il primo in particolare) sarà sempre senza rivali per me!
    Ora li ho detti un pò al volo, ma come si nota è difficile battere questi titoli elencati ormai, anche perchè il mercato attuale esige altro, in particolare una fortissima componente Online.
    Chiaramente giochi come Divinity Original Sin o un pò meno Pillars Of Eternity sono riusciti a ricucire quel solco, ma sono una goccia nell'oceano.
    Poi ecco io parlo da ormai Old Generation appunto, anche se 34 anni non sono tanti, ma per il mondo videoludico lo sono eccome.
    Ora appunto non riesco ad essere dettagliato e sicuramente mi sta passando di mente di tutto e di più ma il tempo è quello che è!!!
     
  4. alaris

    alaris Supporter

    Messaggi:
    3.178
    Mi piace:
    790
    Il primo gioco che mi fece innamorare dei crpg fu Phantasy Star su Master System, da allora passando per i vari Amiga con le prime avventure grafiche in italiano e i vari dungeon crawler vedi Dungeon Master,ecc. per arrivare ai primi crpg per pc e questi si mi presero in una maniera indefinibile e parlo di M&M ( i gdr) dal VI capitolo all'ottavo e al grande e mai troppo glorificato Baldur's Gate.
    Poi iniziò l'era dei Tes prima con Obli che ebbe lo stesso impatto emotivo- positivo-sbalorditivo dei BG e dei M&M. Morro lo giocai dopo Obli per via della mancata traduzione ufficiale ed è uno dei pochi giochi che ho reiniziato un sacco di volte.
    Bei ricordi
     
  5. Shaun

    Shaun Livello 1

    Messaggi:
    426
    Mi piace:
    189
    Mah, io vado un po' controcorrente: nonostante non credo che proverò mai più l'eccitazione e l'emozione della mia prima run su Mass Effect, riconosco che oggi come oggi come titolo è invecchiato maluccio.
    Diciamo che almeno in ambito videoludico sono un convinto progressista: guardo con nostalgia e affetto ai vecchi titoli, ma non mi mancano. Tantè vero che non riesco a rigiocare titoli che abbiano più di10 anni (a parte rarissime eccezioni).
    Manca forse il gioco perfetto (e originale) a 360 gradi e nel frattempo sono diventato sicuramente più selettivo nella scelta, ma ci sono ancora titoli che per le loro peculiarità riescono ancora a sorprendermi.
     
    Ultima modifica: 23 Giugno 2020
  6. f5f9

    f5f9 si sta stirando Ex staff

    Messaggi:
    16.325
    Mi piace:
    5.687
    qualche anno fa avevo sofferto di una crisetta di noia nei confronti dei vg, penso di poterla datare al 2012, quando "esaurii" skyrim
    di cui avevo apprezzato molti aspetti ma che, nel complesso, mi aveva stregato meno dei TES precedenti
    la rinascita del mio interesse è partita da una nuova passione per i giochi horror: in particolare i due evil within e tutti i resident evil finalmente rimasterizzati o rifatti ex novo
    poi, dopo qualche tentativo infruttuoso di trovare qualcos'altro che mi incollasse veramente allo schermo, mi sono accattato una PS4, attratto da tante esclusive che mi sembravano sfiziose
    e l'esito è stato superiore alle aspettative, mi è precipitato un (magnifico) mondo addosso:
    ho cominciato con Heavy rain che è schizzato immediatamente nella top ten dei vg più avvincenti della mia vita e così (anche se in misura minore) è stato con gli altri giochi di Cage
    poi una sequenza di meraviglie: l'eccessivamente epico God of War IV, l'adorabile Horizon Zero Down, Days Gone (capolavorissimo stranamente meno osannato di quanto meriterebbe), Death Stranding (mai visto niente del genere), il divertimento allo stato nascente degli Uncharted e tanti altri
    ovviamente le mie preferenze sono principalmente orientate sul comparto narrativo, meglio se reso con vesti tecniche e grafiche sontuose
    adesso soffro di astinenza da rpg veramente cazzuti: non mi illudo di ritrovare le emozioni che mi scatenò Morrowind e purtroppo Fallout 4 è già il passato
    vorrei tanto un titolo mi avvincesse quanto i tanti action meravigliosi che ho potuto godermi negli ultimi anni, chiedo troppo?
    (chissà se con BG3 sarà la volta buona....:emoji_smirk:)
     
  7. alaris

    alaris Supporter

    Messaggi:
    3.178
    Mi piace:
    790
    Vale anche per me molto meglio... Obli e Morro.