Benvenuto!

Registrati per poter accedere a tutte le funzioni del forum. Una volta iscritto ed effettuato il login, potrai aprire nuove discussioni, rispondere a discussioni già create, inserire aggiornamenti di status, seguire amici, inviare messaggi privati e molto altro ancora.

TOPIC UFFICIALE Pillars of Eternity II: Deadfire

Discussione in 'RPG World' iniziata da Phant, 27 Gennaio 2017.

Condividi questa Pagina

  1. Aedan

    Aedan Gli Allegri Buffoni

    Messaggi:
    2.451
    Mi piace:
    1.031
    @D

    Mi sembra un giudizio piuttosto drastico e non oggettivo - POE ha molti pregi e qualità, da ambientazioni e scenari mozzafiato e curati a un writing di alto livello. Ma forse tu preferisci le tette in 3D di Miranda e una ruota di frasette standard e ripetitive in stile Mass Effect [​IMG]
     
    Ultima modifica da parte di un moderatore: 15 Febbraio 2017
    A alym e baarzo piace questo messaggio.
  2. D

    D Ronin Ex staff

    Messaggi:
    5.363
    Mi piace:
    1.736
    Assolutamente, anche se non colgo il riferimento alla magia del sangue [​IMG]

    Le tette di Miranda sbilanciano non poco il giudizio ovviamente [​IMG] Ma per il resto è solo che sono un giocatore più che smaliziato che ha vissuto I VERI anni d'oro degli RPG isometrici, ed è stanco di tutto questo fumo e poco arrosto che proviene da sviluppatori che tanto parlano contro gli altri (anche a ragione) ma poi dimostrano che sono solo ancorati a vecchi stili e più interessanti a presentare menate di attualità, che poco hanno a che fare col mondo fantasy.

    Amo gli RPG e le ambientazioni fantasy, ma mai nella mia storia di videogiocatore mi era capitato di annoiarmi nel seguire la storia principale e di voler arrivare alla fine solo per completarlo.

    Poi sto writing di alto livello dove sarebbe? Nel numero di parole? O nel fatto che in un paio di dialoghi c'è un [Vecchia Valia] o [Nobile] che a conti fatti non aggiunge niente alle conversazioni apparte una qualche battuta (che francamente è solo uno sfizio, ma non cambia nulla o quasi).

    O forse il fatto che durante il secondo atto (o terzo?), dal nulla spunta qualcuna che dice "gli dei non esistono!" e dovrebbe avere un senso perché...sì? O magari parliamo della qualità del villain che se paragonato a un Sarevok o un Irenicus (visto che ad essi si ispirano) impallidisce per carattere e motivazioni? Senza contare l'antefatto della guerra del Santo e il totale nonsense delle azioni di Eothas

    O che dire dei companion più insulsi che abbia mai avuto in party (forse si salva solo Durance per via del legame con la storia anche se poco), che reagiscono come piadine pressate alle nostre azioni (e background)?

    Per non parlare delle quest secondarie (piene di quest fattorino mascherate dal testo abnorme).

    Poi sarà che giocando con un chierico di Eothas (sperando appunto in risvolti interessanti visto il legame con la main) ho tenuto le mie aspettative troppo alte e sono rimasto deluso da:

    *davanti alle candele del tempio di Eothas* 

    PG chierico Eothas: "blablabla Eothas blabla"

    Edér "giusto".

    WOW che spessore, un personaggio la cui quest ruota attorno alla crisi di fede e con un chierico quello è il massimo del dialogo....

    Che writing di spessore.

    Immagino comunque che se mi sparaflashassi con il neutralizzatore dei Men in Black, dimenticando 20 anni di Rpg potrebbe sembrare anche a me un capolavoro.

    Sugli artwork ti do ragione, concordo che i fondali sono molto belli...peccato sia tutto il resto a stonare.
     
    Ultima modifica da parte di un moderatore: 15 Febbraio 2017
  3. Morte

    Morte Ex Redattore Avelloniano Ex staff

    Messaggi:
    4.377
    Mi piace:
    1.963
    [​IMG]

    [​IMG]

    [​IMG] [​IMG] [​IMG]

     
    A alym, DavidePer, Matteum Primo e 1 altro utente piace questo messaggio.
  4. Cem

    Cem Bambola di pezza Ex staff

    Messaggi:
    4.105
    Mi piace:
    524
    In Pillar's chiedevi chi fosse la divinità di cui eri seguace come in DAO potevi imparare e utilizzare tranquillamente la magia del sangue senza nessuna ripercussione, come se nulla fosse. E in contemporanea potevi affermare che era sbagliata.
     
    A D e Morte piace questo messaggio.
  5. Ahriman

    Ahriman Livello 1

    Messaggi:
    154
    Mi piace:
    61
    Oddio, Nessuna ripercussione... Dovevi sacrificare l'anima di un bambino... 
     
    A D piace questo elemento.
  6. kargan71

    kargan71 Livello 1

    Messaggi:
    440
    Mi piace:
    206
    Mi sembra un giudizio un pò drastico e ingeneroso "D". Anch'io ho vissuto i tempi d'oro, avendo 45 cocuzze, e mi sono giocato e rigiocato tutti gli RPG dell'epoca (e capolavori tattici, come JA2), soprattutto in Isometrica. Purtroppo è cambiato il mondo e il modo di vedere gli RPG. Oggi basta un The Division qualsiasi, ed è etichettato RPG. Il livello raggiunto da Torment/Arcanum/BG2/Morrowind/Vampire/Fallout/Gothic al momento è impensabile, e ci metto anche Fallout New Vegas (magari ci cascano a farne uno così) ed il massimo che si possa aspirare al momento, a livello RPG, è un Wasteland2 e Divinity, oppure possiamo metterci la serie di TW (bello, ma il fatto che non si interagisce con nessun oggetto, i combat troppo consolari e un Gameplay poco strutturato non me lo fanno amare come i titoli di cui sopra), ecco che lo stesso PoE risalta, tanto che io ho 200 ore di gioco,  raggiunte con 3 Run (alla 1° beccai un Bug e mi fermai dopo 38 ore).

    PoE ha la migliore grafica in isometrico che si possa trovare, un gameplay davvero notevole (finalmente 6 Caratteristiche che SERVONO TUTTE e a tutte le Classi, ecco questo lo scambierei del tutto con le stupide regole di D&D di BG/BG2) ed un comparto narrativo enorme, anche se poco ispirato, questo è vero, la parte delle vignette mi paice molto e nel complesso un'atmosfera che mi piace molto, ma qui forse parlo da nostalgico. 

    Di contro i combattimenti sono una palla completa, io li avrei fatti a Turni, tattici, più mortali e molto meno numerosi; le quest non sono proprio il massimo, la fortezza, che doveva essere un punto di forza, è la copia fatta male di quella di NW2 e l'interazione con i compagni praticamente assente.

    Calcolando che ci sarà un seguito, molto più grande e con più features, aspettiamo e vediamo, però non me la sento di bocciarlo in questo modo.
     
    Ultima modifica da parte di un moderatore: 16 Febbraio 2017
    A Aedan, baarzo e D piace questo messaggio.
  7. LucaK04

    LucaK04 Livello 1

    Messaggi:
    1
    Mi piace:
    1
    E' sicuramente un giudizio un po' drastico... gli "obbrobri" sono ben altro. PoE non se lo merita.

    Le motivazioni date da D però sono condivisibili, anch'io ho notato tutte quelle mancanze, incongruenze e aspetti fastidiosi. 

    A me è parso fin da subito un Icewind dale scritto molto bene in cui determinate scelte ruolistiche avevano un certo peso. E' così è stato per me.

    Mi ci sono divertito, la storia e l'ambientazione mi son piaciuti, ma è chiaro che questo gioco ha grossi difetti e mancanze in ogni suo aspetto...non sono state sfruttate a dovere le potenzialità che aveva e per questo mi aspetto che in PoE2 facciano un bel salto di qualità.
     
    Ultima modifica da parte di un moderatore: 16 Febbraio 2017
    A D piace questo elemento.
  8. D

    D Ronin Ex staff

    Messaggi:
    5.363
    Mi piace:
    1.736
    Beh in questo caso più che DAO per incongruenza ruolistica indicherei DA2 (e tutta la main incentrata su quanto si diventa pazzi con la magia del sangue mentre Hawke si tagliuzza come un emo, senza problemi). In fondo la trama di DAO è incentrata sui custodi che "fanno tutto il necessario" per sconfiggere la prole oscura (a cominciare da bere il sangue di quella feccia). Tuttavia scusate se lo dico, non è che se gli altri fanno peggio allora è una scusante per Pillars, se no sembriamo i politici italiani che invece di dire "si abbiamo fatto una cazzata scusate", dicono "eh vabbè ma nel [inserire partito a caso] hanno fatto di peggio".

    Che senso ha? Io giudico in base alle aspettative che dai. Più alte sono le aspettative (e sono loro che hanno sborronato alla grande) più alto è il grado di giudizio (in positivo o negativo).

    Oddio che le caratteristiche servano tutte non saprei, visto che i dialoghi sono ridondanti (o usi risolutezza, o acume, o vigore sempre là siamo) e in più c'è la tendenza marcata al min/max per chi vuole giocare a livelli più elevati di difficoltà cosa che rende molte stat dei dump (senza grosse limitazioni). Le vignette anche a me sono piaciute però, apparte gli artwork di prima categoria e la capacità di descrivere testualmente le azioni, mi sembrano solo un qualcosa di artistico ma con poco impatto, un esempio:

    Il mercante all'inizio del gioco, arrivato ad un certo punto con le vignette puoi usare un'arma a distanza (o lanciare la tua arma da mischia) e liberarlo, puoi usare un sasso con [destrezza] o puoi lasciare che se la cavi da solo. Risultato? Sempre e comunque il tizio si libera. Scusate ma dove è il ruolo in tutto questo? 3 risultati uguali di una sequenza scriptata e devo essere contento solo perché ho un [destrezza]? Wow ho i brividi.

    Io credo che l'effetto nostalgia prevale sul giudizio critico in merito a questo gioco, anche perché dimmi tu stesso ammetti che "i combattimenti sono una palla", "le quest non sono il massimo", "la fortezza è una copia fatta male di NW2", "l'interazione con i compagni praticamente assente".

    E che rimane? Dei bei disegnini e il fatto che abbiamo tanto testo? Anche i libri di Bruno Vespa sono dei mattoni da migliaia di parole, eppure fanno cagare comunque...

    Vero, ma come ho detto sopra il punto è il grado di aspettativa: più alto è, maggiore è il giudizio (positivo o negativo).

    PoE prometteva una trama di alto livello e un sistema di scelte/conseguenze tangibile, e poi ti trovi una minestrina riscaldata e devo anche essere contento che mi danno delle slide diverse alla fine?

    E per favore non mi dite ancora "si ma c'è di peggio" perché al peggio non c'è mai fine, ma questo non è un alibi per dare a prodotti solo passabili il grado di "capolavoro".

    Ovviamente liberi di pensarla diversamente ma, in base alla mia esperienza, PoE è stato una profonda delusione. Spero in Torment, ma ho già i sudori freddi.

    My 2 cent [​IMG]

    @Morte Ci manchi [​IMG]
     
    Ultima modifica da parte di un moderatore: 16 Febbraio 2017
  9. baarzo

    baarzo Livello 2

    Messaggi:
    2.156
    Mi piace:
    633
    infatti la seconda run l'ho fatta a livello storia perchè volevo concentrarmi solo sulla parte dei dlc che non avevo ancora fatto e mi sono goduto di più il gioco
     
  10. Berto-San

    Berto-San Livello 1

    Messaggi:
    40
    Mi piace:
    6

    1478906_639770746082880_2078311685_n.jpg
     
  11. kargan71

    kargan71 Livello 1

    Messaggi:
    440
    Mi piace:
    206
    L'aspettativa è importantissima. Probabilmente me lo sono goduto perché sinceramente non mi aspettavo niente di più su questo gioco. Ad esempio, con Divinity Original Sin, avevo più aspettative e non mi ha convinto appieno, tanto che non l'ho mai finito (tra l'altro troppo fumettoso in tutti i suoi aspetti per i miei gusti, pur riconoscendo che è un bel titolo).

    Poi dopo quegli obbrobri di DAI e F4, meglio non avere aspettative su nessun titolo, si campa meglio.

    Tra l'altro, ho brutte sensazioni anche per Torment (che intanto non giocherò perché non tradotto). 
     
    Ultima modifica da parte di un moderatore: 16 Febbraio 2017
    A alym piace questo elemento.
  12. Morte

    Morte Ex Redattore Avelloniano Ex staff

    Messaggi:
    4.377
    Mi piace:
    1.963
    Dico la stessa cosa anche io quando qualcuno mi chiede perché critico i due monopolisti decennali del mercato RPG (Bethesda e Bioware, le due più ricche e quelle che potenzialmente possono fare i maggiori investimenti lato sviluppo e marketing).
    Eppure noto che qui nessuno ti sta urlando contro "BERKONNIATI HATER!!!", nonostante il concetto di fondo sia lo stesso.

    Devo seriamente cominciare a pensare che sia tutto un GOMBLODDOH.  [​IMG]
     
    A alym piace questo elemento.
  13. D

    D Ronin Ex staff

    Messaggi:
    5.363
    Mi piace:
    1.736
    GOMBLODDOH!

    Ma infatti ben venga la critica basta che sia nel merito e non per partito preso. O perché fa "figo" (?) fare l'estremista ruolista (qualcuno ha detto RPG codex?).

    Tanto per dire, se uno trova mille difetti e plot hole nella trama di DAI, poi per coerenza dovrebbe fare lo stesso per un PoE.

    Se mi dici (uso un tu generico) che il gameplay di Fallout 4 (pur essendo totalmente altro campo rispetto ad un isometrico quindi già vedo pochi nessi) è pessimo per questo e quello (giustamente e tanto di cappello) non puoi diventare di botto "soft", perdonando le "sviste" di programmazione di PoE solo perché quest'ultimo è del partito dei programmatori dissidenti del mainstream ( XD ).

    Altrimenti si finisce come un certo partito (o movimento) italiano che quando sono gli altri a fare cose poco chiare sono "scandali" e quando sono loro è solo "gossip" [​IMG][​IMG][​IMG]

    Aggiungo e concludo che poi è bello dare addosso ai "big" perché fa molto "avanti popolo alla riscossa bandiera rossa bandiera rossa", ma dimentichiamo che la big non ti chiede i soldi per lo sviluppo prima che il gioco esista o sia in cantiere, ma fa un investimento che è un salto nel buio specie quando parliamo di titoli che hanno investimenti (per tecnologie, motori grafici, ricerca, uso di attori professionisti, quantità di personale e risorse impiegate) di milioni di $ (50milioni è un budget medio per un tripla AAA oggi giorno tra marketing, diritti e sviluppo), e un planning a lungo termine nel caso delle serie (Mass Effect, Dragon Age etc.)  e che se va male hanno buchi di bilancio belli sostanziosi (e chiudono o vengono chiusi dalla SH madre, vedi certe case che non hanno azzeccato i giusti titoli e sono andate a gambe all'aria) o hanno delle compagnie dietro col fiato sul collo (vedi BioWare ed EA). Pertanto, per quanto sia facile dire che sono "cattivoni" (e lo sono), devono sottostare alle regole di mercato (e purtroppo essendo un mercato sempre più casual quello dei videogiochi vediamo la diluzione del nostro passatempo preferito).

    Il programmatore dissidente di kickstarter ti chiede i soldi prima, con investimento che viene da TE, lui mette solo la "faccia", produce il gioco e tutto quello che vende è guadagno netto che non va a coprire le spese (o comunque non completamente) e in ogni caso ha già in tasca i soldi del backing che gli permettono di pagare le spese di sviluppo (o addirittura aggiungere visti i vari step aggiuntivi e i superamenti dei goal).  Ed essendo appunto indipendente, non ha la scusante nel caso di titoli affetti pesantemente da bug o mediocri nei contenuti. Inoltre tu già lo paghi in anticipo per sviluppare un prodotto di nicchia quindi non mi puoi  avere scusanti come  "mi voglio avvicinare al casual o a quel tipo di giocatore" o utilizzare gameplay e tecnologie scadenti, andando magari a togliere contenuti o diluendo altri.

    Questione di coerenza a mio avviso.
     
    Ultima modifica da parte di un moderatore: 16 Febbraio 2017
    A -R- e Ahriman piace questo messaggio.
  14. Matteum Primo

    Matteum Primo ... Ex staff

    Messaggi:
    8.006
    Mi piace:
    1.957
    [​IMG]
     
    A D piace questo elemento.
  15. -R-

    -R- Livello 1

    Messaggi:
    98
    Mi piace:
    49
    In giochi passati ci sono state delle “trovate” che mi aspettavo che venissero sviluppate , evolute o di ritrovare  in un gioco come POE.

    Cerco di spiegarmi meglio con degli esempi:

    -         Nel primo Mass Effect su Virmire ci siamo ritrovati a fare una scelta drammatica , scegliere quale tra 2 membri del party salvare e quale sacrificare; in PoE nn esiste una scelta del genere ,mi immagino se avessimo potuto   salvare il ranger o il ladro incontrati all’inizio invece che farli morire cosi alla cazzo.

    -        Nel  secondo Witcher la trama non è lineare e in base alle nostre scelte ci troviamo a giocare scene diverse e in luoghi diversi;   ricollegandosi anche all’esempio di prima ,in Wasteland2  ci hanno provato con la quest  nella quale dovevamo  salvare Higpool o il Centro agricolo (la scelta più bella del gioco a mio avviso) 2 quest antitetiche ,  A o B; in Pillars una quest può essere risolta in modi diversi ma non produce una diversa linea narrativa e non ci sono reali quest antitetiche ma solo diverse sfumature di una stessa quest, un occasione sprecata.

    -    In DAO nell’atto finale si usavano 2 party, uno senza protagonista per difendere la porta della città e un secondo party con il protagonista per uccidere l’arcidemone; quanto ci sarebbe stata  in POE una quest con questa opzione, 2 party divisi per risolvere 2 obbiettivi di una stessa quest, invece niente di tutto questo.

    -         In Mask of the Betrayer  la maledizione del personaggio era palpabile sia nel gameplay che nella trama, per non morire o divoravi ogni anima per placare la tua fame o sacrificavi la tua esperienza e cercavi di combattere la fame; quando in POE nella fortezza ho incontrato l’osservatore impazzito mi sono immaginato di dover gestire un personaggio che anziché affrontare una fame di anime come in MOTB dovesse affrontare la pazzia , voci nella testa,  dialoghi interiori con  personalità passate , deliri , allucinazioni , perdita della realtà ,e invece ……… niente di tutto questo ..............  è vero c'è la storiella di noi che eravamo servi di Talos ma non ha mordente è distaccata , non siamo in conflitto con questa personalità è solo un ricordo che riaffora in qualche occasione, non è un tormento  come per il vecchio osservatore, non è paragonabile con la maledizione del divoratore di spiriti.

           Mi aspettavo qualcosa di più, di molto di più, invece di un brutto clone di Ice wind dale.  Ecco perchè sono deluso.
     
    Ultima modifica da parte di un moderatore: 16 Febbraio 2017
    A D piace questo elemento.
  16. Aedan

    Aedan Gli Allegri Buffoni

    Messaggi:
    2.451
    Mi piace:
    1.031
    BEH... Da come scrivi, sembra che per te il vero problema con il writing di POE sia nella sua ricchezza e lunghezza. Cosa proponi allora? Battute a monosillabi?

    Io sto leggendo con attenzione i vari dialoghi e sono molto evocativi e chiari nel descrivere situazioni e stati d'animo. Molto gustose anche le scene illustrate a vignetta.

    Dovremmo chiedere agli sviluppatori di lasciare a te la penna per il secondo capitolo [​IMG]

    Di certo, non etichetterei questo gioco come "obbrobrio" - giudizio davvero drastico e per nulla oggettivo. Credo che i devs abbiano ben compreso gli aspetti da perfezionare e sicuramente ci lavoreranno a dovere. Io per primo vedo margini di miglioramento su alcuni versanti (come succede sempre per qualsiasi titolo), ma vedo anche molta qualità, molta cura nei dettagli, un prodotto ben confezionato.

    PS: Possiamo evitare spoiler sulla trama, per favore? Io ci sto giocando adesso e ho dovuto forzatamente rimuovere dalla mia mente certe tue anticipazioni. GRAZIE [​IMG]
     
    Ultima modifica da parte di un moderatore: 16 Febbraio 2017
    A baarzo piace questo elemento.
  17. Morte

    Morte Ex Redattore Avelloniano Ex staff

    Messaggi:
    4.377
    Mi piace:
    1.963
    ATTENZIONE WOT NOIOSO IN ARRIVO: si astengano quelli abituati ai 140 caratteri di Twitter.

    D il problema è che per qualcuno non c'è alcuna differenza tra chi scrive 8000 caratteri in cui argomenta tutto nel dettaglio/merito e chi si limita a 140 caratteri in cui non dice un bel niente ma comunque spara un giudizio su qualcosa.
    Alla fine ti rompono lo stesso le palle con la storia del "hater cattifi! Al lupo al lupo!!!", che tu scenda nel merito o meno.

    E comunque, visto che li citi, le cose che hai scritto sono più o meno identiche a quelle scritte dal redattore di RPG Codex quando fece la recensione in cui massacrò senza pietà Pillars of Eternity:

    http://www.rpgcodex.net/content.php?id=9867

    Stando alla logica di chi appiccica etichette di comodo su chi non la pensa allo stesso modo, tu ora passeresti per "estremista". [​IMG]

    Stesso discorso che faccio io con alcuni "crociati bethesdari": quando un difetto è nel gioco altrui tutti a tirare sassi, quando è nel proprio gioco del cuore tutti a trovare una spiegazione logica per fare damage control.

    Di bug sono strapieni anche i loro giochi del cuore, sin dai tempi di TES Arena, eppure vedi il ribaltamento della realtà quando provi a farlo notare in risposta a critiche verso altri giochi buggati.

    Skyrim è pieno di bug?
    "EHEHEHEH GUARDA CHE LO FANNO APPOSTA PERCHÈ SONO DEI BURLONI CHE CI SKERZANOH E SANNO CHE POI I YOUTUBBER FAMOSI CI FANNO I VIDEO LOLLOSI SOPRA E FANNO MARKETING AGGRATIS! GENIALI!!! SONO AVANTI!!!"

    New Vegas è pieno di bug?
    "SOLITA OBSIDIAN DIMMERDA CHE NON SA PROGRAMMARE E FA LE COSE CON IL CULO! KESKIFOH! BUUUUH! SKANDALOSO CHE NEL 20XX ANCORA FANNO STE COSE!!! BOIKOTTIAMOLI!!!" (detto dagli stessi che vedevano come "genialata" i bug lolli in Skyrim)

    Gothic 3 è pieno di bug?
    "STI CRUCCHI SI SONO PERMESSI DI SFIDARE MAMMA BETHESDA! COME OSANO??? NON SONO CAPACI E DEVONO STARE AL LORO POSTOH!!!"

    Assassin's Creed è buggato?
    "SOLITA UBILOL CHE VUOLE SOLO FREGARCI I SOLDI! BERGONNIA! SKANTALOHHHH!!!"

    Ecc ecc...questo è solo uno dei tantissimi esempi che potrei citare (anche linkando a topic specifici con prove concrete e documentabili).

    Sui forum di videogiochi era (uso il passato perché ormai non li seguo più, esclusi un paio, tra cui questo) pieno di gente così, pronta ad accusarti subito di "hateraggio" se osavi far notare l'incoerenza di fondo, guardando sempre la pagliuzza nel tuo occhio e ignorando la trave nel proprio.

    Che sia rischioso penso che nessuno lo neghi.
    Però magari se poni la questione da una prospettiva diversa il discorso assume tutt'altra piega. Posto così sembrano dei "martiri/eroi della patria", ma la si può porre anche così:

    "sono monopolisti di mercato => hanno soldi e potere mediatico che altri si sognano => le aspettative alte sono frutto di quella posizione dominante => la posizione dominante gli permette di fare gli sboroni => fare gli sboroni attira nemici e antipatie => se sbagli poi ti becchi la shitstorm mediatica" (vedi Pietro Mulinello o Sean Murray)

    Lungi da me giustificare qualcuno, ma voglio solo dire che non è che ora chiunque osi criticare un big debba beccarsi automaticamente l'etichetta di "comunista della notte di natale". [​IMG]

    Noooooo, questo tuo lato da ultra conservatore un po' alt-right (che mo' va di moda) non lo ricordavo...[​IMG]

    Il crowdfunding da come lo descrivi tu sembra una truffa legalizzata però.

    Il suo funzionamento non è così semplice, lo sai bene, e non è che chi chiede i soldi ci mette "solo la faccia" (quello lo hanno fatto solo alcuni, tipo Inafune con Myghty N9). Ci sono un sacco di altre spese che molti ignorano e non conteggiano nei calcoli finali.

    Larian stava fallendo proprio per colpa di quei costi extra non coperti da Kickstarter (e Larian era partita con quasi mezzo gioco già sviluppato praticamente).

    Non è proprio così e, di nuovo, tu lo sai bene. [​IMG]

    Sul fatto che si sia usata molta retorica un po' populista riguardo al "publisher cattivi vs indie coraggiosi" sono pienamente d'accordo con te.
    Fargo in primis ne ha approfittato, facendoci su anche 2 video "provocatori" (quelli in cui il figlio fa la parte del publisher idiota e lui lo prende per il culo), ma ormai se ne stanno accorgendo in parecchi di questa cosa e lo stanno giustamente criticando (poi se qualcuno lo vuole appeso in piazza è un altro discorso [​IMG] ).

    Però, di nuovo, da come descrivi tu i vari processi di sviluppo di un videogioco tramite crowdfunding sembra una cosa che pure mio cugino con 5 euro può riuscire a fare usando Kickstarter. E ripeto che sono straconvinto che tu sappia meglio di me che non è così, ma per qualche strano motivo ora lo stai facendo sembrare processo semplice semplice.

    COSA NASKONDI??? EH?? EH??? KI TI PAKA???

    Eh magari spiegalo anche a chi pensa che un bug sia una cosa messa APPOSTA per far fare views su YouTube a PewdiPie e Favij. [​IMG]
     
    A alym e D piace questo messaggio.
  18. D

    D Ronin Ex staff

    Messaggi:
    5.363
    Mi piace:
    1.736
    No, ma sai sono uno che se va al ristorante non guarda alla QUANTITA' di cibo, ma alla QUALITA'. E non importa che tutti insistano che il pesce è fresco solo perché c'è buttata sopra un po' di acqua di mare, il tanfo di stantio si sente.

    Metafora culinaria apparte, la qualità di una sceneggiatura non è data dal numero di parole, ma dai contenuti e dal grado di interesse che riesce a suscitare. Per quanto mi riguarda la trama di PoE è stata piuttosto forzata (e adattata ad una tematica che ha poco a che vedere con il fantasy e con un setting con magia e altro), poco coinvolgente nella "condizione particolare" del personaggio principale (ti rimando all'ottimo post di @-R- dove fa dei paragoni azzeccati con la "malattia" del personaggio di MotB), e ancora meno nella caratterizzazione e nelle motivazioni del villain (visto che hai iniziato solo ora il gioco, mi astengo da scendere nel dettaglio, ma ti consiglio dopo il dialogo con il Villain di PoE di andare a guardare su YouTube il dialogo finale con un tizio di nome Kerghan di un giochillo chiamato Arcanum, giusto per ricordare cosa è qualità di writing).

    Beh se ci vuole così poco per impressionare le persone perché no [​IMG]

    Fatto bene a linkarlo perché sinceramente ormai frequento anche io pochi siti (incluso questo) e leggo ancora meno recensioni. Ma credo che questo pezzo preso dalla recensione riassuma perfettamente perché lo ritengo un "obbrobrio" (o se non vi piace il termine semplicemente "mediocre"):

    Let’s get one thing straight. When Obsidian were touting how this was their “ultimate” game, over which they’d finally have “full creative jurisdiction” that wouldn’t be “blocked by publishers”, I had many things in mind. I had a vision of another Mask of the Betrayer, I thought of a throwback to Icewind Dale, I also hoped for something completely new. What I got instead was a very badly done cargo-cult clone of Baldur’s Gate 1 that mindlessly copies all its flaws while actually dropping the things that made it work, and completely disregarding the 17 years of cRPG history that happened in the meantime...

    Totalmente d'accordo [​IMG] 

    Beh qua sono stato volutamente provocatorio, mi hai beccato. [​IMG]

    Tuttavia, e qui lo sai bene anche tu, è grazie a certe monopoliste se oggi gli standard di determinati titoli comprendono cose che in passato erano solo accennati o ignorati. Ad esempio, per citarne una che credo sia ormai un must per ogni rpg, la profondità e caratterizzazione dei companion raggiunta da BioWare che sinceramente ha alzato l'asticina di un aspetto che era trascurato (e in Pillars addirittura ignorato). Ma anche il concetto di Open World negli RPG che finalmente li ha sdoganati (anche se non sempre per il meglio), cosa che ci ha regalato un immenso The Witcher 3.

    [​IMG] sarà anche questo parte dell'effetto Trump! [​IMG] 

    Beccato un altra volta, si magari ho voluto mettere un po' di pepe, però così rovini subito il gioco. [​IMG] 

    Tuttavia concordi con me che le cifre richieste non sono buttate a casaccio e chi sfora e va in perdita è perché ha una pessima organizzazione (o più candidamente prova a fare un passo più lungo della gamba per fare quello scatto in più che rende un buon titolo un ottimo titolo).

    Hai centrato in pieno compreso il personaggio. [​IMG] E' che in questo periodo, sarà perché sento sempre determinate persone che applicano il concetto anche alla politica, sto cominciando a diventare piuttosto intollerante ai finti paladini di virtù.

    Ho voluto esagerare, ma è vero che come per altri sistemi (vedi Greenlight), c'è un mucchio di gente che inizia ad abusare dell'occasione e la vetrina solo per incassare facilmente. Lungi da me paragonare "Shower with your dad" (giuro esiste, sono morto dalle risate XD) con un titolo kickstarter, tuttavia è anche vero che tutti questi sviluppatori che escono e si riciclano su kickstarter per riproporre l'ennesimo clone di Baldur's Gate urlando ai 4 venti "le Big soffocano il processo creativo! Morte al potere bianco!", sanno molto di furbastri che provano a vivere di "effetto nostalgia" (un po' come un gruppo musicale che ha fatto successo una volta, ma non ha saputo innovare o rinnovare, e ripropone sempre lo stesso brano perché rimasto nel cuore). Ora kickstarter è sicuramente un ottimo mezzo per sviluppatori nuovi e indipendenti di proporre qualcosa di "fresco" (vedi Banner Saga) o anche un classico remasterizzato, ma il rischio è di vedere finte indie come Obsidian (che invece nel giro ha i suoi agganci) arrotondare sfruttando il cavallo di battaglia (infinity engine e rpg isometrici) per proporre qualcosa che sarebbe stato nella mia top ten acquisti 10-15 anni fa, ma che dopo tutta l'acqua passata sotto ai ponti mostra soltanto limiti e lascia perplessi.

    [​IMG] *lancia una sfera* @f5f9 scelgo teeeeeeee
     
    Ultima modifica da parte di un moderatore: 17 Febbraio 2017
    A Morte piace questo elemento.
  19. Morte

    Morte Ex Redattore Avelloniano Ex staff

    Messaggi:
    4.377
    Mi piace:
    1.963
    Qua però si apre un'altra parentesi, quella del "chi ha fatto per primo cosa e chi ha convinto per primo il mercato" (perché fare per primo qualcosa non sempre riesce a rendere quel qualcosa popolare, purtroppo) e sarebbe interessante affrontarla in futuro in un topic apposito (ma richiede un macello di tempo in ricerche e documentazioni).

    Comunque sì, certe cose sono senza dubbio frutto dei miliardi delle big che investono (quando investivano veramente in "ricerca" eh, perché oggi è tutto molto più rischioso e "riciclato" proprio perché sanno che per rientrare nelle spese devi vendere almeno da 2 a 5 milioni di copie o oltre - vedi il caso Tomb Raider recente e tanti altri giochi che vendono apparentemente bene e comunque non rientrano nell'investimento). Non nego la loro utilità, ne critico più che altro lo spreco che a volte fanno quando investono più nel marketing e nella quantità che nella qualità o originalità del prodotto, da cui nasce il discorso "perché ormai solo gli indie rischiano formule originali?" (e lo sappiamo il motivo).

    Io però cercavo solo di spiegare le motivazioni che portano a criticare maggiormente chi, forte di una posizione di dominio nel mercato, fa lo sborone e si atteggia a fenomeno come se avesse inventato la ruota (vedi Hines quando dice che solo nei loro giochi si possono fare certe cose o Howard quando pubblicizzava la Radiant AI come chissà quale rivoluzione o Murray quando per mesi ha sparato cagate su NMS sapendo che la metà di quello che prometteva non era ancora stato sviluppato oppure il mitico Mulinello che ormai è passato alla storia).

    Concordo in parte, perché le cifre non saranno magari buttate a casaccio ma è ormai palese che i goal fissati all'inizio siano solo una minima parte di quello che serve per fare tutto a dovere. Larian lo ha ammesso pubblicamente che per fare DOS è servito più del triplo di quello che avevano raccolto su Kickstarter e in varie interviste anche InXile e Obsidian hanno ammesso che i calcoli fatti in fase di lancio poi non sono mai coincidenti con le spese che realmente servono. Il problema di fondo è che se metti la cifra esatta (esempio: 6-7 ipotetici milioni per coprire 2 anni di sviluppo + marketing + distribuzione + 1 anno di supporto post-release), è altamente probabile che non riuscirai a raggiungere il goal (vista la tendenza del crowdfunding, che raramente ha sfiorato quelle cifre). Per ovviare mettono un 900k nella speranza che poi il tutto lieviti e arrivi ad una cifra sufficiente a coprire fase di sviluppo, fase di marketing, fase di distribuzione e fase di post-release.

    In pratica sanno già a priori che non riusciranno mai a sviluppare il progetto "completo" se la cifra non lievita a sufficienza. Ovviamente ci sono pure le eccezioni, vedi Harebrained o Stoic (che però non hanno gli stessi costi di gestione di Obsidian, Larian o InXile).

    Guarda io sono stato il primo ad appoggiare le sue crociate contro alcuni publisher e alcune polemiche di fondo le trovo ancora valide (criticare l'ottusità con cui certi publisher approcciano a certi generi, per esempio), ma con il senno del poi lui e Schafer (praticamente i primi due che hanno boostato Kickstarter in ambito videoludico) sono stati molto populisti nel come hanno comunicato questa "rivoluzione dal basso".

    Quando poi ho visto queste foto qui, un po' mi sono sentito preso per il culo e mi è salito il crimine:

    [​IMG]

    Quella è la "casa" di Brian Fargo, per capirci. (qui le altre foto, giusto per farvi incazzare ancora di più)
    Limortacci sua. [​IMG]

    Ora però non vorrei cadere anche io nel tranello del populismo salviniamo ("FARGO NEGLI HOTEL PAGATI DA NOI E AVELLONE SOTTO UN PONTE! SKANTALO!!!"), ma un po' ti girano le palle quando vedi cose del genere.
    Non dico che uno "ricco" non possa usare Kickstarter a priori, capiamoci. Dico solo che se lo fai almeno non ci venire a raccontare la storiella che non hai soldi, che nessuno ti vuole finanziare e che ti serve il nostro aiuto, ecco. Se nessuno ti finanzia forse è perché i soldi per farlo ce li hai già e nessuno te li vuole prestare sapendo che sei un cazzo di miliardario con una villa che manco Bruce Wayne. [​IMG]
    E lo stesso discorso vale per Garriott.
    Discorso un po' diverso per Obsidian, non per "difenderli" eh, ma perché veramente non ci sono "personaggi miliardari" nel team e hanno pure ammesso pubblicamente di essere disposti a farsi comprare da un publisher (così risolvono il problema del rischio di bancarotta ad ogni chiusura annuale del bilancio). Il loro problema è che nessuno vuole comprarli. [​IMG]

    Sì si sta rischiando proprio questo adesso, un implosione di una retorica che ha puntato su aspetti che fanno molta presa su una nicchia ma che poi devono essere coerenti con il contesto in cui agisci: se sei un cazzo di miliardario come Fargo non ti puoi presentare su Kickstarter con la storiella del "non ho soldi, nessuno mi finanzia i progetti, aiutatemi voi! Insieme possiamo farcela!!!111one111!!!" [​IMG]

    Può magari funzionare la prima volta, quando la gente è disposta a darti una possibilità e a chiudere un occhio su questa palese "anomalia", nella speranza che questa cosa serva per riallacciare i rapporti con i publisher tradizionali (questa speranza l'ho espressa in vari editoriali che scrissi proprio nel 2012 qui su RPG Italia). Ma se la cosa diventa "prassi" allora cominciano i problemi e viene fuori l'incoerenza di fondo.

    Con il senno del poi oggi posso dire che quella speranza di riconciliazione tra "semi-indie" e "big" è abbastanza naufragata e non vedo molte prospettive future per chi oggi sta puntando tutto sul crowdfunding.
     
    Ultima modifica da parte di un moderatore: 17 Febbraio 2017
  20. Aedan

    Aedan Gli Allegri Buffoni

    Messaggi:
    2.451
    Mi piace:
    1.031
    Lungi da me proporre l'equazione quantità = qualità. Dico solo che POE ha un testo ricco, con descrizioni accurate, con un approccio al dialogo che ricorda molto quello della narrazione. E' una scelta: a me è piaciuta molto. L'ho trovata atipica, originale e sviluppata bene.

    Sulla trama ci confronteremo quando avrò finito la mia avventura [​IMG]