Benvenuto!

Registrati per poter accedere a tutte le funzioni del forum. Una volta iscritto ed effettuato il login, potrai aprire nuove discussioni, rispondere a discussioni già create, inserire aggiornamenti di status, seguire amici, inviare messaggi privati e molto altro ancora.

Chiudi
RPG Italia è sbarcata su LiberaPay!

Ospite, se vuoi sostenerci donando anche 1€ al mese, questa è l'occasione giusta! RPG Italia non ha pubblicità e l'unica fonte di finanziamento deriva dalle donazioni.
Siate generosi!

Per aderire, diventa un donatore su LiberaPay! È una piattaforma italiana che consente grande flessibilità di pagamento!

TOPIC UFFICIALE Dark Souls 3

Discussione in 'RPG World' iniziata da Matteum Primo, 15 Giugno 2015.

Condividi questa Pagina

  1. Varil

    Varil Galactic Guy

    Messaggi:
    1.370
    Mi piace:
    759
    Si si ci sono tornato, avevo capito il collegamento tra i due dlc anche se ancora non ho idea di quale fosse lo scopo del mondo di Ariandel nè del nuovo dipinto. In effetti Ariandel è il "capitolo" che ho capito di meno in tutta l'esperienza di gioco.

    Mah, il punto è che quando vidi la serie l'Anima Oscura di Sabaku per la prima volta (circa 5 anni fa, e solo di recente di nuovo mentre giocavo DS3) ero convinto che non avrei mai e poi mai toccato Dark Souls perchè me lo avevano descritto come pieno di difetti (e quelli tecnici sono veri, e all'epoca non esisteva la Remastered che ha risolto poi le piaghe vere e proprie: framerate, ottimizzazione), come un gioco artificiosamente difficile, tedioso e con i falò messi lontani per cui ogni volta bisogna ricominciare tutto da capo ecc ecc.
    Ora, non so se queste cose siano vere per il primo DS, dopotutto sono convinto anch'io che sia meno bilanciato e in generale meno "perfetto" di Dark Souls 3, però su DS3 e BB personalmente non li ho avuti questi problemi. Nel primo ci sono forse anche troppi falò e nel secondo c'è un sistema di shortcut eccellente e geniale che taglia le mappe in maniera fantastica evitando qualsiasi tedio nel dover rifarti 5 min di camminata ad ogni morte.
    Insomma, non credevo che avrei apprezzato questi titoli, e invece :D
    Beh, essendo in astinenza di souls, io Dark Souls Remastered l'ho comprato :p Rigorosamente versione play station 4. Più che altro perchè il mio PC ultimamente è troppo rumoroso con le ventole (sarà perchè estate, ma lo è davvero tanto da quando ho sostituito l'hard disk con l'ssd, boh...) e poi non ho il gamepad su PC. Inoltre ho letto che gira a 1080p a 60 fps anche su PS4 standard, per cui top! (Spero sia vero u.u) xD
    Per tutto il resto, sarebbe bello avere un'amnesia selettiva per dimenticare la serie di Sabaku :emoji_laughing:
     
    A Lupercalex piace questo elemento.
  2. Metallo

    Metallo Saprofago LiberaPay Supporter

    Messaggi:
    1.973
    Mi piace:
    756
    I quadri racchiudono dei mondi isolati.
    In DS1 il mondo dipinto di Ariamis veniva utilizzato per esiliare individui o nascondere oggetti che potevano rappresentare un pericolo per il dominio del dei.
    Per esempio al suo interno si può rinvenire il tizzone occulto, che serve ad infondere le armi con il potere dell'oscurità di cui gli dei sono vulnerabili. Il boss del livello è Priscilla, una creatura figlia di una divinità e di un drago. Si pensa sia la figlia di una relazione tra Seath e Gwynevere ma non ricordo se fosse una teoria della community o se ci fossero delle prove tangenti nelle descrizioni degli oggetti.

    Il mondo dipinto di Ariandel dovrebbe svolgere la stessa funzione di quello presente in DS1, ma la sua natura precisa è sconosciuta, dato che non si sa dove sia collocato realmente il dipinto e chi ne abbia sfruttato le potenzialità.
    Il giocatore ha accesso a quel mondo grazie a Gael che ne possiede un frammento di tela.

    All'interno, rispetto ad Ariamis, si era creata una vera e propria società guidata da Ariandel che era riconosciuto come un buon sovrano e venne soprannominato Padre. Rispetto ad Ariamis, qui si apprende che la lotta tra luce e abisso non risparmia neanche i mondi dipinti e che una specie di corruzione, simile a quella legata a Manus, sta iniziando ad infestare il dipinto e i suoi abitanti.
    Ariandel capisce che l'unico modo per fermarla è bruciare il dipinto e anche gli abitanti lo accettano.
    Ad un certo punto Friede, che è una brace come il giocatore, e quindi ha cercato di ravvivare la fiamma in un'altra era senza riuscirci, entra nel dipinto e conquista la fiducia di Ariandel. Inizia quindi a dissuaderlo dal bruciare il dipinto e fa in modo che la corruzione si propaghi lentamente.
    Il perché di questa scelta non è propriamente spiegato, ma pare che Friede fosse legata a Londor, regno ambiguo situato a Lordran, dove ci sono evidenti legami con l'oscurità.
    In quel mondo ha avuto più o meno lo stesso scopo di quelle che erano le figlie di Manus in DS2. Venivano da terre lontane ed ignote per conquistare l'amore ed il favore dei regnanti in modo di diffondere l'oscurità nel regno.

    Nel mondo dipinto in DS3 ci sono i resti di due popoli, i seguaci di Farron e i guerrieri giganti di Milwood. Dei primi si sa che vagavano erranti dopo la perdita dei loro signori. Degli altri non ricordo molto ma mi pare che avessero avuto una sorte simile. Non si sa se siano stati portati a forza nel dipinto o se ci siano arrivati da soli.
    Inoltre si sa che Sulyvhan fosse legato strettamente a questo luogo, se non sbaglio dovrebbe essere il suo luogo di nascita addirittura. Ed essendo l'unica vera e propria autorità ai tempi di DS3 potrebbe essere proprio lui ad aver utilizzato le potenzialità del dipinto a proprio vantaggio. Sbarazzandosi delle due fazioni rimaste senza un leader.

    Riguardo al dipinto nel dipinto, quello in fase di realizzazione dalla bambina di cui non ricordo il nome, secondo alcune teorie potrebbe essere il mondo di Bloodborne. Un mondo tenebroso generato dal sangue e dall'anima oscura.
    Gael infatti aveva il preciso scopo di assorbire dentro di se ogni frammento di oscurità legato all'anima oscura degli uomini. Infatti possiamo portarlo alla bambina pittrice dopo averlo sconfitto e averne raccolto il sangue nero.
    Lei inizierà a dipingere quel mondo di cui non si sa nulla.
    Io non so nulla di Bloodborne ma mi pare che il sangue fosse un tema centrale all'interno della lore. Nei Souls invece non ha mai assunto questo ruolo e solo nei dlc dell'ultimo titolo se ne parla. Credo sia possibile che Miyazaki avesse in mente di terminare la trilogia regalandoci un finale epico e che addirittura a sorpresa legasse le sue due IP più importanti.


    Ho letto che hai iniziato DS1 e non ti sei trovato molto bene. Immaginavo che partire dall'ultimo avesse avesse potuto darti un impatto negativo.
    Ti assicuro che il titolo è molto valido nonostante l'età ed è quello con lore, level design e componente esplorativa più riusciti della serie. Forse faresti bene a metterlo da parte per un po' e magari riprenderlo appena ti tornerà un po' di nostalgia dei Souls.
    Il gioco è più lento nel procedere e soprattutto nei combattimenti. Ha un ritmo differeneti agli ultimi titoli di From e bisogna farci l'abitudine.
     
    A Varil e Lupercalex piace questo messaggio.
  3. Varil

    Varil Galactic Guy

    Messaggi:
    1.370
    Mi piace:
    759
    In DS1 l'impossibilità di viaggiare tra i vari falò mi mette addosso un'ansia e un senso di smarrimento pazzeschi xD Però è anche questo il bello. Praticamente è un open world, e il numero infinito di possibili strade, porte chiuse e passaggi vari è destabilizzante, soprattutto per un come me che sono un completista. Forse dovrei munirmi di penna e appunti xD
    Cmq sono arrivato alla Città Infame xD