Benvenuto!

Registrati per poter accedere a tutte le funzioni del forum. Una volta iscritto ed effettuato il login, potrai aprire nuove discussioni, rispondere a discussioni già create, inserire aggiornamenti di status, seguire amici, inviare messaggi privati e molto altro ancora.

Chiudi
RPG Italia è sbarcata su LiberaPay!

Ospite, se vuoi sostenerci donando anche 1€ al mese, questa è l'occasione giusta! RPG Italia non ha pubblicità e l'unica fonte di finanziamento deriva dalle donazioni.
Siate generosi!

Per aderire, diventa un donatore su LiberaPay! È una piattaforma italiana che consente grande flessibilità di pagamento!

Bioware renderà Dragon Age su console come su PC

Discussione in 'Dragon Age Origins' iniziata da fede67, 21 Ottobre 2008.

Condividi questa Pagina

  1. fede67

    fede67 Ex staff Ex staff

    Messaggi:
    3.000
    Mi piace:
    15
    Il grande interrogativo che accompagna l'uscita del gioco su console è la possibilità di riuscire ad avere un esperienza equivalente a quella su PC.

    In una recente intervista il lead game designer Brent Knowles di BioWare ha affermato che gli sviluppatori stanno impegnandosi per colmare il gap tra PC e console per quanto riguarda l'interfaccia, e la possibilità di gestire i contenuti.

    "Voglio assicurarvi che su console, Dragon Age contiene tutte le possibilità che caratterizzano l'esperienza di gioco su PC, trattandosi di un RPG occidentale classico ", anzi aggiungr "le mie prime esperienze con i prototipi per console mi hanno fatto capire che dobbiamo profondere un gran lavoro sull'interfaccia, ma tutte le caratteristiche principali funzionano bene", ha affermato ancora Knowles, tanto è vero che il designer a volte si ritrova a "giocare alla versione PC utilizzando il controller di Xbox 360, ed è molto divertente".

    [thumbnail]http://www.rpgitalia.net/main/download/file.php?id=1765[/thumbnail]
     
  2. Emelos

    Emelos Editore Editore

    Messaggi:
    20.459
    Mi piace:
    1.552
    Ahia prevedo guai... con Oblivion non era venuto fuori un bel lavoro. Potrei sbagliarmi ma non credo sia un bene per chi gioca sul pc.
     
  3. andrea72

    andrea72 Livello 1

    Messaggi:
    17
    Mi piace:
    0
    Secondo me prima di fare certe discussioni su qualunque gioco che esca in multiversione bisognerebbe innanzitutto entrare nel contesto giusto.

    Ovvero:

    possiediamo solo il Pc? in quel caso siamo costretti a comprare (se ci piace) il gioco in questione per il PC anche se magari abbiamo scoperto che è meglio per console.

    dando per scontato che non ci sognamo minimamente di comprare una console per poter giocare "meglio" solo un gioco

    possediamo solo la console? in quel caso basta invertire il discorso fatto sopra

    possediamo entrambe? in questo caso (che è anche il mio) se la differenza non è abissale penso che incida molto il fatto che un gioco per Pc costa minimo 30/40 euro meno che l'equivalente per console.

    GG, andrea
     
  4. Emelos

    Emelos Editore Editore

    Messaggi:
    20.459
    Mi piace:
    1.552
    Questo è vero però, i prezzi sono senz'altro a favore delle versioni PC ma di solito portare un gioco o un genere di giochi pensati in origine su PC, su una console, di solito obbliga gli sviluppatori a fare rinunce o semplificazioni a causa di hardware inferiore( per la grafica) e controlli differenti e più limitati ( pad vari...).QUeste rinunce poi vengono inserite anche nella versione PC perchè di solito lo sviluppo va di pari passo.
     
  5. Saint_Sevin

    Saint_Sevin Livello 2

    Messaggi:
    2.874
    Mi piace:
    0
    A dire il vero, lo sviluppo in simultanea ha fatto solo bene al pc gaming in quanto a tecnologia. Da quando il mercato console è diventato quello di riferimento i giochi pc hanno cominciato a sfruttare molto più a fondo gli hardware non proprio nuovissimi, con benefici per tutti i giocatori, non solo per quelli console.

    Diverso il discorso interfaccia/sistema di controllo: là bisogna che gli sviluppatori si mettono in testa che serve uno sviluppo DIFFERENZIATO, di modo che vengano sfruttate le peculiarità dei due sistemi senza cercare compromessi che non accontentano nessuno.