EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Umanoidi 2016-11-27T11:24:21+00:00

 Hanno una testa e alcuni arti simili a quelli umani. Sono spesso dotati di grande intelligenza ma nella maggior parte dei casi sono ostili e aggressivi. Presenti fin dal primo capitolo della Saga, oltre all’universo fantasy sono ispirati dalle antiche mitologie o sono del tutto originali.

Al terzo posto tra I nemici più potenti in “TES: Arena” (dopo Lich e Vampiri) trovavamo la MEDUSA, bizzarro essere mezzo donna-mezzo serpente. Forti, intelligenti e resistenti erano in grado di paralizzare l’avversario con uno sguardo. Purtroppo non si è più vista negli episodi successivi della Saga.

Una Medusa in “TES: Arena”

La LAMIA vista in “TES II: Daggerfall” somiglia alla Medusa ma vive prevalentemente sott’acqua. E’ un’altra delle “bestie” ispirate dalla Mitologia greca nella quale rapivano bambini e adescavano uomini per bere il loro sangue.

Una Lamia in “TES II: Daggerfall”

Le NINFE malgrado il loro piacevole aspetto di bellissime donne nude, sono alquanto pericolose perché risucchiano vita e stamina agli avversari.

Una Ninfa in “TES II: Daggerfall”

Anche i CENTAURI, mezzi uomini, mezzi cavalli, si sono visti solo nel secondo capitolo della Saga. Non particolarmente aggressivi era possibile evitare il combattimento con loro se si disponeva di sufficiente abilità oratoria.

Un Centauro in “TES II: Daggerfall”

Il MINOTAURO è un umanoide dotato di testa taurina. Visto per la prima volta in “TES: Arena” è resistente agli incantesimi e poco intelligente ma può seguire con l’olfatto la pista lasciata da un uomo.

Un Minotauro in “TES: Arena”

In “TES IV: Oblivion” ne incontreremo ben quattro varietà che si differenziano però solo per l’aspetto fisico.

Un Minotauro in “TES IV: Oblivion”

Sempre di ispirazione mitologica sono le ARPIE, feroci uccelli con la testa di donna rintracciabili esclusivamente nei dungeons di “TES II: Daggerfall”.

Un’Arpia in “TES II: Daggerfall”

Altri “uccellacci” molesti e svolazzanti sono gli IMPS (“diavoletti”) molto simili all’Homunculus di cui vi abbiamo parlato qui.

Un Imp in “TES II: Daggerfall”

Su un corpo più o meno umanoide sfoggiano ali da pipistrello. Sono alquanto intelligenti e in grado di lanciare una buona gamma di incantesimi.

Un Imp in “TES IV: Oblivion”

Tra le creature più pericolose in “TES: Arena” troviamo I DEMONI DEL FUOCO, bipedi incendiari capaci di vedere anche le creature invisibili. Sono abbattibili solo con armi a distanza vista la loro forza nel combattimento corpo a corpo.

Un Demone del Fuoco in “TES: Arena”

Chi ha avuto la fortuna di giocare a “TES III: Morrowind” ha incontrato le ASH CREATURES (Creature delle Ceneri). Si tratta di orrendi mostri creati da Dagoth Ur (ve ne abbiamo parlato qui e qui) che ha usato i poteri del Cuore di Lorkhan per diffondere la terribile malattia detta Corprus con la quale ha corrotto il corpo e la mente delle vittime che hanno perso la loro umanità. Essi si trovano soprattutto in prossimità della Montagna Rossa ma se ne incontrano alcuni esemplari anche in altre aree del gioco.

Gli ASCENDED SLEEPERS sono Dunmers corrotti dalla malattia che li ha trasformato in abomini. Sono intelligenti, aggressivi e pericolosi. Per contrastarli è conveniente lanciare incantesimi di Distruzione. Stranamente dai loro cadaveri è recuperabile solo il cranio.

Un Ascended Sleeper in “TES III: Morrowind”

Anche l’ASH GHOUL è un Dunmer corrotto dalla malattia ma, al differenza dell’Ascended Sleeper, ha una proboscide in luogo della faccia mentre l’altro presenta dei tentacoli vermiformi. Stranamente funziona contro di loro l’incantesimo “Scaccia Non Morti” anche se in realtà sono ancora vivi pur se in una condizione peggiore della morte.

Un Ash Ghoul in “TES III: Morrowind”

Un Ash Ghoul in “TES III: Morrowind”

Anche nelle prime fasi la tremenda malattia deforma orribilmente il corpo e mina profondamente le capacità intellettive del contagiato. E’ il caso del CORPRUS STALKER.

Un Corprus Stalker in “TES III: Morrowind”

L’ASH SLAVE è aggressivo e pericoloso. E’ un malato di Corprus in una fase intermedia.

Un Ash Slave in “TES III: Morrowind”

Nelle fasi più avanzate, il contagiato diventa un LAME CORPRUS, la degenerazione del suo corpo è ancora più spaventosa ma la sua forza fisica aumenta enormemente.

Un Lame Corprus in “TES III: Morrowind”

L’ASH ZOMBIE attacca a vista ma su di loro si può usare l’incantesimo Calma come sugli animali. Non sono veri Zombies ma Dunmers trasformati dal Corprus.

Un Ash Zombie in “TES III: Morrowind”

L’ ASH VAMPIRE infine è la creatura più potente creata da Dagoth Ur. Il loro aspetto e le loro mani artigliate li fanno somigliare al loro stesso creatore. Anche se chiamati “Vampiri” non sono affatto tali e non possono essere curati dal vampirismo. Per affrontarli è necessario un personaggio di alto livello.

Un Ash Vampire in “TES III: Morrowind”

I GHOULS sono divoratori di cadaveri e abitano soprattutto in cripte e in alcuni dungeons. Non sono molto intelligenti ma i loro morso è altamente infettivo. Li abbiamo incontrati solo in “TES: Arena.

Un Ghoul in “TES: Arena”

I GOBLINS sono ominidi presenti in tutta Tamriel. Sono di dimensioni assai variabili, da tre piedi a oltre otto metri di altezza.

Un Goblin in “TES: Arena”

Hanno di solito occhi gialli da gatto, un’evidente gobba e orecchie appuntite che li fanno somigliare vagamente agli Orchi. Pur non essendo molto abili nel combattimento e nella magia possono costituire un problema quando attaccano in grandi gruppi. In “An Elder Scrolls Adventure: Redguard” si poteva incontrare anche l’enorme Goblin King in pratica indistinguibile da un Orco, lento ma micidiale e carico d’oro.

Un Goblin King in “An Elder Scrolls Adventure: Redguard”

In “TES III: Tribunal” sono di piccole dimensioni, ce ne sono di vari tipi organizzati gerarchicamente e la loro presenza è denunciata dal diffondersi di odori sgradevoli. Come vi abbiamo anticipato in questo articolo allevano i Durzogs.

Un Goblin Signore della Guerra in “TES III: Tribunal”

Anche in “TES IV: Oblivion” sono di molti tipi: Goblin Chef, Goblin Rat Farmer, Savage Goblin, Goblin Skirmishers, Goblin Berserker, Goblin Ambusher, Goblin Shaman, Goblin Witch, Goblin Warlord, Goblin War Chief, Goblin Netherboss. Ogni tipo prevede ulteriori sottoclassi con caratteristiche diverse.

 

Un Goblin in “TES IV: Oblivion”

Si conoscono otto grandi tribù di Goblins organizzate gerarchicamente e ostili tra loro. Ogni tribù vive nel suo dungeon, ha uno sciamano, un capo guerriero e uno specifico totem che viene conservato nella parte più profonda del dungeon. Lo sciamano è il leader spirituale e custodisce il sacro totem. Se lo sciamano viene ucciso e il totem trafugato la tribù non sarà più in grado di recuperarlo. C’è una quest specifica nella quale sarà necessario rubare un totem.

L’ingresso dei dungeons dei Goblins è individuabile da una pila di teschi e all’interno non è frequente trovare celle in cui sono rinchiusi ostaggi, il più delle volte morti di stenti.

Un Goblin Guerriero in “TES IV: Oblivion”

Altri locali specifici sono le aree adibite al pranzo, i centri religiosi, le aree di stoccaggio, i punti di aggregazione sociale, le sale del trono, le armerie, le cucine. La loro cultura parrebbe abbastanza avanzata tanto da poter parlare di “civiltà Goblin”. Inoltre conoscono la moneta e conservano gelosamente l’oro.

Nonostante la loro intelligenza, i Goblins sono estremamente ostili e generalmente rispondono con la violenza a qualsiasi contatto con le altre razze di Tamriel. Raramente però si avventurano lontano dalle loro tane salvo che per qualche incursione contro altri Goblins o sfortunati viaggiatori. Lo fanno per procurarsi cibo e ricchezze in quanto non praticano l’agricoltura né l’artigianato. L’unica loro attività nota è quella dell’allevamento dei ratti che essi usano come cibo.

Un Goblin coi suoi ratti in TES: IV: Oblivion”

In battaglia sono in grado di usare archi e scudi. Una curiosità: è possibile trovare cadaveri di Goblins che si sono ubriacati a morte.

Un essere assai simile è il GREMLIN visto solo in “An Elder Scrolls Adventure: Redguard”. Si tratta di piccole e innocue creature che gli Altmers usano come schiavi. Cyrus, il protagonista del gioco, a un certo momento viene trasformato in Gremlin da un potente Mago.

Un Gremlin in “An Elder Scrolls Adventure: Redguard”

Da “TES III: Morrowind” in poi gli ORCHI sono una delle razze intelligenti e interpretabili ma nei primi due capitoli della Saga erano dei semplici bruti che potevano essere considerati temibili solo da un personaggio di basso livello o se apparivano in numero rilevante.

Un Orco in “TES: Arena”

In “TES II: Daggerfall” ne erano presenti vari tipi, il più potente dei quali era l’OrcWarlord.

Un OrcWarlord in “TES II: Daggerfall”

In “TES IV: Oblivion” troviamo l’OGRE. Si tratta di un impressionante ammasso di grasso e muscoli che si muove con sorprendente agilità e i cui colpi possono facilmente stordire. Sono anche livellati per essere sempre ben più forti del personaggio giocante e l’approccio migliore è quello di sfruttare la loro debolezza ai veleni.

Un Ogre in “TES IV: Oblivion”

Analoga evoluzione hanno avuto i LIZARD MEN (Uomini Lucertola) visti in “TES: Arena” ma poi scomparsi perché sostituiti dai ben più interessanti ed evoluti Argoniani. Si trattava di rettiloidi carnivori e primitivi che comunicavano tra loro solo tramite pochi suoni.

Un Lizard Man in “TES: Arena”

In “TES II: Daggerfall” erano presenti i GARGOYLES purtroppo mai più visti nei giochi successivi. Erano una sorta di demoni cornuti con ali di pipistrello molto forti nel corpo a corpo.

Un Gargoyle in “TES II: Daggerfall”

Nello stesso gioco abbiamo trovato per la prima volta i GIGANTI, l’eliminazione di uno dei quali era l’obiettivo di una quest a tempo per la Gilda dei Guerrieri.

Un Gigante in “TES II: Daggerfall”

Un Gigante in “TES II: Daggerfall”

Il KARSTAAG è un esemplare unico di Gigante che troviamo in “TES III: Bloodmoon”. E’ il Re dei Rieklings e si incontra nel corso della main quest nella Glacier Mortrag. Per abbatterlo il modo migliore è esercitare su di lui l’incantesimo Calma per potersi avvicinare e tentare un critico.

Il Karstaag in “TES III: Bloodmoon”

In “TES V: Skyrin” i Giganti sono enormi umanoidi abbastanza passivi ma che diventano aggressivi se provocati o per difendere le loro mandrie di mammoths su cui esercitano la pastorizia. Sono armati di enormi clave con cui fanno letteralmente volare le loro vittime come un palla da baseball (un simpatico easter egg che alcuni non hanno capito): a questo punto parte una kill cam che consente di vedere un ampio panorama. Per merito della loro altezza possono spostarsi molto velocemente ma si fermano in prossimità dei corsi d’acqua, è quindi conveniente affrontarli con magie del gelo per rallentarne i movimenti. Hanno un livello fisso compreso tra 20 e 30 quindi è possibile vederli abbattere draghi in quanto questi ultimi sono livellati con il giocatore.

Un Gigante in “TES V: Skyrim”

In “TES III: Bloodmoon” appariva la strana razza dei RIEKLINGS, piccole creature che risiedono nella regione più fredda di Solstheim e che si muovono in gruppi di almeno cinque elementi: In questo caso sconfiggerli è abbastanza arduo. Sono in grado di comunicare ma in maniera alquanto primitiva. Alcuni li chiamano “Falmers” e sostengono che derivano da razze elfiche: chi scrive reputa questa ipotesi abbastanza improbabile in quanto i Falmers (o Elfi delle Nevi) sono stati visti in “TES V: Skyrim” e non hanno ben poco in comune coi Rieklings salvo l’aggressività.

Un Riekling in “TES III: Bloodmoon”

I FALMERS di “TES V: Skyrim” sono gli eredi corrotti dei mitici Elfi delle Nevi che si dice siano stati quasi annientati dai Nords in epoche lontanissime e ora vivono in dungeons dove si sono involuti in forme quasi bestiali ed estremamente violente.

Una tenda Falmer in “TES V: Skyrim”

Assai primitivi dispongono di armi e armature che essi stessi producono con la scorza chitinosa di Chaurus. Le loro armi sono spesso intrise nel veleno ricavato da Chaurus e Frostbite Spider. Spesso le loro tane sono in prossimità di rovine Dwemers. Si dice siano ormai completamente ciechi ma che abbiano sviluppato un udito incredibile che per loro funziona come un radar.

Un Falemr in “TES V: Skyrim”

Un’altra creatura umanoide introdotta per la prima volta in “TES V: Skyrim” è l’ HAGRAVEN, ossia un orrido incrocio tra una laida vecchia e un uccello. Sono estremamente ostili e pericolose sia da vicino che quando lanciano incantesimi di distruzione da lontano. Esse si trovano spesso in compagnia dei Rinnegati o in boschi segreti o tane nel deserto con altre streghe e megere. Pare che le Hagravens siano state esseri umani trasformati da un oscuro rituale. Secondo l’”Herbalist’s Guide to Skyrim” esse hanno rinunciato alla loro umanità per guadagnare enormi poteri magici e il processo ha deformato anche i loro corpi rendendole assai più potenti. Nel combattimento da lontano è opportuno dotarsi di adeguate protezioni al fuoco mentre in quello ravvicinato si può cercare di approfittare della lentezza con cui le Hagravens sferrano i loro colpi con gli artigli infuocati.

Un’Hagraven in “TES V: Skyrim”

In una quest secondaria sarà sorprendentemente possibile comunicare con delle Hagravens che non saranno ostili se si scelgono le opportune linee di dialogo.

L’ Hagraven Melka in “TES V: Skyrim”

I TROLLS somigliano a enormi e stupide scimmie irsute, pericolose e dotate di grande forza. Hanno tre occhi e un’incredibile capacità di rigenerare la salute. Secondo certe leggende per ucciderli definitivamente è necessario bruciarne i cadaveri, ma nella maggior parte dei giochi della saga abbiamo visto che non è sempre così. Il fuoco è molto efficace contro i troll ma ne necessita una grande quantità per ucciderli.

In “TES: Arena” avevano la pelle verde e funzionavano soprattutto come protettori della sede dei maghi di alto livello. Per la loro capacità di auto rigenerarsi era necessario utilizzare particolari magie tipo quelle paralizzanti.

Un Troll il “TES: Arena”

In “An Elder Scrolls Adventure: Readguard” era effettivamente necessario bruciare il corpo dei Trolls per impedir loro di rialzarsi.

Il corpo di un Troll in fiamme in “An Elder Scrolls Adventure: Readguard”

Nelle grotte gelate di “TES III: Bloodmoon” erano presenti i Trolls del Ghiaccio detti GRAHL, zannuti bestioni particolarmente pericolosi.

Un Grahl in “TES III: Bloodmoon”

Nello stesso gioco era presente il temibile UDYRFRYKTE, un altro tipo di Troll che molti credono una leggenda per spaventare i bambini. Coerente con la sua feroce natura, usa come clava la gamba mozzata di un Nord.

Un Udyrfrykte in “TES III: Bloodmoon”

Anche I Trolls di “TES IV: Oblivion” sono particolarmente aggressivi e vulnerabili al fuoco.

Un Troll in “TES IV: Oblivion”

Meno nota è la UDERFRYKTE MATRON ossia la “madre dell’Udyrfrykte”. Già apparsa in “TES III: Tribunal” è praticamente un easter egg della cui esistenza si può venire a conoscenza leggendo un determinato libro, l’” Agnar’s journal”. Si tratta di un’enorme femmina di troll in grado di rendersi invisibile.

L’ Uderfrykte Matron in “TES IV: Oblivion”

Nello stesso gioco c’era la sorprendente variante del TROLL DIPINTO sensibile alla trementina (!). Si tratta dell’incredibile quest in cui il nostro Eroe deve recuperare il grande pittore Rythe Lythandas da un quadro che egli stesso aveva dipinto con un pennello magico.

Un Troll Dipinto in “TES IV: Oblivion”

Anche i Trolls in “TES V: Skyrim” sono particolarmente potenti nel corpo a corpo e conviene combatterli con attacchi a distanza e/o disporre di un buon set di armatura.

Un Troll in “TES V: Skyrim”

Ancora più pericoloso e capace di autorigenerarsi è il FROST TROLL facilmente incontrabile nelle zone più alte e nevose.

Un Frost Troll in TES V: Skyrim”

Nello stesso gioco possiamo incontrare un esemplare unico di Udyrfrykte nel Santuario di Dawnstar durante una quest per la Confraternita Oscura. Si tratta di un mostro di livello fisso (22) che bisogna cercare di abbattere nel minor tempo possibile sempre per la sua prodigiosa capacità di autorigenerarsi.

L’Udyrfrykte in “TES V: Skyrim”

In questo articolo vi abbiamo già parlato delle SPRIGGANS ossia delle misteriose creature femminili di origine vegetale.

Una Spiggan in “TES V: Skyrim”

Anche dei LICANTROPI vi abbiamo già parlato in uno specifico articolo dedicato.

Un Licantropo in “TES V: Skyrim”

This site uses XenWord.
Vai alla barra degli strumenti