EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Daedra 2016-11-27T11:24:21+00:00

I Daedra sono esseri divini che non ha preso parte alla creazione del Mundus e quindi non hanno consumato in nessun modo il loro potere durante quel processo. La parola è di origine Aldmer e significa “i nostri non antenati” in contrapposizione agli Aedra che sono considerati gli “antenati” dei mortali.

Gli Umani spesso li considerano Demoni ma questa definizione è errata: i Daedra sono esseri estremi e quindi in grado di eseguire interventi devastanti ma solo Boethiah , Molag Bal , Mephala , Namira , Mehrunes Dagon e Peryite sembrano trovare autentico piacere in queste attività. In realtà i Daedra sono al di là della comprensione dei mortali, incapaci di essere veramente “buoni” o “malvagi” nel senso che attribuiamo noi a questi termini.

I Daedra si presentano in molte forme e sono molto vari come forza e intelligenza. Ai vertici troviamo i “Principi Daedra” (di cui vi abbiamo parlato qui) e i Dremora . Gli altri sono loro subordinati e non si sa se esistono dalla notte dei tempi o se sono stati creati successivamente dai Principi. Il termine Daedra viene ora comunemente associato solo a quest’ultima categoria.

Dei Daedra si può uccidere il corpo fisico ma la loro anima torna nel Piano d’Oblivion originario in attesa di rimaterializzarsi, infatti non si parla di “morte” ma di “esilio”. I Daedra sono fabbri straordinari e le loro armi e armature sono quasi indistruttibili. Per forgiarle usano l‘ebano, un rarissimo vetro di origine vulcanica che si trova in Vvardenfell, presso la Montagna Rossa, in Solstheim e, in minore quantità, in Skyrim .

Il DAEDROTH è il Daedra per eccellenza. In origine la parola “Daedroth” era il singolare di Daedra ma nel tempo è stata associata solo a una determinata specie e il termine plurale è stato adottato anche come singolare. Come vi avevamo anticipato qui e qui sono solitamente associati a Molag Bal ma talvolta anche a Mehrunes Dagon. Sono dei bipedi con la testa da coccodrillo che incontriamo per la prima volta in “TES II: Daggerfall” in cui vengono chiamati “Lesser Daedra” e portano un’armatura.

Un Daedroth in “TES II: Daggerfall”

In “TES III: Morrowind” sono molto forti nel corpo a corpo, sanno lanciare incantesimi e sono affrontabili da personaggi di livello elevato. I loro cuori sono molto ricercati per le loro proprietà magiche.

Un Daedroth in “TES III: Morrowind”

In “TES IV: Oblivion” perdono ogni parvenza umanoide e sono particolarmente resistenti al fuoco ma soffrono i fulmini. All’inizio del combattimento si sanno dotare di uno scudo magico.

Un Daedroth in “TES VI: Oblivion”

I CLANNFEARS sono rettili con una grande testa crestata in qualche modo simile a quella dei dinosauri Triceratopos e con due corna rivolte in avanti.

Un Clannfear in “An Elder Scrolls Legend: Redguard”

Cammina su due zampe e lacera con quelle anteriori artigliate come facevano i rettili preistorici. Sono bestie abbastanza intelligenti e capaci di comunicare con i loro simili.

Un Clannfear in “TES III: Morrowind”

Non usano la magia ma alcuni hanno la capacità di crearsi uno scudo magico. Sono di solito associati con Mehrunes Dagon ma probabilmente sono comuni in tutti i Piani di Oblivion.

Un Clannfear in “TES IV: Oblivion”

Anche gli SCRAMPS sono servitori di Mehrunes Dagon. Non molto intelligenti non costituiscono problemi se non in branchi numerosi. In “An Elder Scrolls Legend: Redguard” era possibile comunicare con alcuni di loro.

Uno Scramp in “An Elder Scrolls Legend: Redguard”

In “TES III: Morrowind” erano particolarmente resistenti alle armi metalliche non incantate.

Uno Scramp in “TES III: Morrowind”

In “TES IV: Oblivion” già dal primo livello è possibile incontrare gli “Stunted Scamps” ma per i più potenti “Regular Scamps” è necessario il settimo. Questi ultimi sono in grado di lanciare palle di fuoco. La pelle degli Scramps è un importante elemento alchemico con effetti equivalenti a quelli della pelle umana.

Uno Scramp in “TES IV: Oblivion”

l’” HUNGER” (famelico) è senza dubbio uno dei mostri più ripugnanti della Saga. Con i loro artigli possono agevolmente distruggere armi e armature degli avversari.

Un Hunger in “TES III: Morrowind”

Sono i servitori di Bohetia ma Sheogorath, con i suoi gusti eccentrici, li considera animali da compagnia e li lascia scorrazzare liberamente nel suo Piano di Oblivion.

Un Hunger in “TES IV: Shivering Isles”

Associati a Mehrunes Dagon e Hircine sono i MORPHOID DAEDRA visti solo in “An Elder Scrolls Legend: Battlespire”.

Un Morphoid Daedra in “An Elder Scrolls Legend: Battlespire”

Nello stesso gioco facevano la loro apparizione dei Daedra molto simili ai Morphoid Daedra: gli HERNES.

Un Herne in “An Elder Scrolls Legend: Battlespire”

Altri Daedra visti solo in “An Elder Scrolls Legend: Battlespire” e “An Elder Scrolls Legend: Redguard” sono I VERMAI, orride creature cieche che attaccano a vista chiunque. Sono servitori di Mehrunes Dagon.

Un Vermai in “An Elder Scrolls Legend: Battlespire”

Sempre associate a Mehrunes Dagon sono gli XIVILAI, di imponente forma umana ma con una carnagione grigiastra e un paio di corna.

Uno Xivilai in “An Elder Scrolls Legend: Battlespire”

Molto abili nel maneggiare armi possono evocare anche i Clannfears.

Uno Xivilai in “TES IV: Oblivion”

 

L’OGRIM visto solo in “TES III: Morrowind” è un servitore di Malacath. E’ un bestione fortissimo e ottuso che viene usato dai Principi Daedra per minacciare gli umani: essi trovano la cosa molto divertente. E’ immune alle armi normali e può rigenerare la sua salute.

Un Ogrim in “TES III: Morrowind”

Sempre in “TES III: Morrowind” abbiamo fatto la conoscenza con le WINGED TWILIGHT, simili ad arpie e con ampie ali da pipistrello. Sono al servizio di Azura, resistenti al fuoco, al gelo, al veleno e ai fulmini. Sono anche in grado di riflettere gli incantesimi.

Una Winged Twilight in “TES III: Morrowind”

Degli SPIDER DAEDRA vi abbiamo già parlato qui a proposito di Mephala.

Una Spider Daedra in “TES IV: Oblivion”

I DAEDRA ELEMENTALI sono molto simili agli Atronachs che prendono questo nome quando vengono evocati. Ma in “TES II: Daggerfall” e “An Elder Scrolls Legend: Battlespire” era presente il FIRE DAEDRA che è ben distinto dal Flame Atronach in quanto non evocabile.

Un Fire Daedra in “TES II: Daggerfall”

In “TES IV: Knights of the Nine” abbiamo fatto la conoscienza con gli AURORANS di cui vi abbiamo già parlato in questo articolo e in questo. Seguaci di Meridia e comandati da Umaril l’Implume condividono il suo desiderio di distruggere i Nove Divini. Sono sempre muniti di una “Ayleid Battle Axe” e le loro splendide armature auree non possono purtroppo essere raccolte.

Un Auroran in “TES IV: Knights of the Nine”

Le DAEDRA SEDUCERS si sono viste in “TES II: Daggerfall”. Sono Daedra di alto rango, inferiori solo ai Dremora. Appaiono nella forma di avvenenti fanciulle discinte ma con verdi ali membranose. Sono divise in varie caste la più potente delle quali è quella delle Dark Seducers . Possono subire danni solo da armi di mithril o più forti. Sono al servizio di vari Principi Daedra, in particolare Azura , Meridia , Nocturnal, Sanguine , Sheogorath e Mehrunes Dagon.

Una Daedra Seducer in “TES II: Daggerfall”

In alcuni giochi successivi troviamo solo le DARK SEDUCERS e non più le analoghe creature di più basso rango. Sono intelligenti e altezzose, tanto da comunicare malvolentieri con i mortali. Sono molto forti sia nelle arti magiche che nei combattenti corpo a corpo. Quelle legate a Sheogorath sono anche chiamate “Mazken”. Come vi abbiamo già anticipato qui ne esiste anche una variante maschile.

Dark Seducers (Mazken) in “TES IV: Shivering Isles”

Altrettanto altezzose sono le GOLDEN SAINTS che si presentano assai seduttive con la loro pelle dorata e la loro corazza aurea con l’elmo alato. In “TES III: Morrowind” sono sempre ostili e possono essere incontrate in tombe, santuari o vaganti nelle Grazelands . Alcuni potenti stregoni sono in grado di evocarle.

Una Golden Saint in “TES III: Morrowind”

In “TES IV: Shivering Isles” sono conosciute anche come “Aureals”. Discendono anch’esse da Sheogorath e sono temibili guerriere.

Una Golden Saint in “TES IV: Shivering Isles”

Sempre in in “TES IV: Shivering Isles” abbiamo conosciuto I CAVALIERI DELL’ORDINE. Come vi abbiamo già raccontato qui le Forze dell’Ordine appaiono ogni mille anni alla fine di ogni epoca nelle Shivering Isles. Inizia la Greymarch e Jyggalag cresce in potenza. Con l’avanzata della Greymarch spuntano bizzarri obelischi che generano Cavalieri dell’Ordine sempre più numerosi.

Un Cavaliere dell’Ordine in “TES IV: Shivering Isles”

Il processo continua fino alla venuta di Jyggalag. Oltre che da Jyggalag stesso e dai Cavalieri le Forze dell’Ordine sono costituite dai Sacerdoti.

Un Sacerdote dell’Ordine in in “TES IV: Shivering Isles”

In cima alla scala gerarchica dei Daedra troviamo i DREMORA, i più forti e quelli di maggiore intelligenza. Anch’essi sono servitori di Mehrunes Dagon e sono i Daedra più potenti sia come guerrieri che come maghi. Non sono automaticamente aggressivi ma si distinguono sempre per l’arroganza. Già in “An Elder Scrolls Legend: Battlespire” erano gli avversari più ostici tanto che la tecnica migliore era di farsi scudo con un altro Daedra per schivare i loro colpi micidiali.

Un Dremora in “An Elder Scrolls Legend: Battlespire”

In “TES III: Morrowind”, se sconfitti, fornivano straordinarie armi e armature e il loro cuore molto apprezzato dagli alchimisti.

Un Dremora in “TES III: Morrowind”

In “TES IV: Oblivion” sono grandi umanoidi dalla pelle rossastra e godono di una naturale resistenza alla magia . Sono quasi sempre di sesso maschile ma si ha notizia anche di femmine che depongono le uova. Per intrappolare le loro anime è necessaria una rara Gemma dell’Anima nera. Di solito le loro speciali armature non possono essere raccolte salvo alcuni casi in cui indossano capi daedrici.

I Dremora sono organizzati in classi e i loro comportamenti sono improntati a orgoglio, onore e lealtà sia nei confronti del loro clan che del loro Signore, Mehrunes Dagon, che venerano come un Dio. Si conoscono sette ranghi diversi di Dremora che si considerano al di sopra di tutti gli altri Daedra.

Nel “Paradiso” di Mankar Camoran conosciamo quattro Dremora (Kathutet , Amkaos , Ola e Ranyu ) con cui potremo interagire.

I DREMORA CHURL sono quelli di più basso rango e possono essere incontrati anche da un Personaggio al primo livello.

Un Dremora Churl arciere in TES IV: Oblivion”

Anche i DREMORA CAITIFFS sono di basso rango e vengono usati da Mehrunes Dagon come berserker e truppe d’assalto. Cominciano a comparire quando il giocatore ha raggiunto l’ottavo livello. Alcuni Evocatori sono in grado di richiamarli .

Un Dremora Caitiff mago in “TES IV: Oblivion”

I DREMORA KYNVALS sono i soldati migliori dell’esercito di Mehrunes Dagon. Cominciano a comparire quando il personaggio ha raggiunto il livello 11. Purtroppo anche le loro armature non sono saccheggiabili.

Un Dremora Kynval guerriero in “TES IV: Oblivion”

I DREMORA KYNREEVES sono gli Ufficiali di basso rango nell’esercito di Mehrunes Dagon.Iniziano ad apparire a giocatori di livello 14. Questi Dremora indossano la Dremora Kynreeve Armor, che non può essere saccheggiata, e spesso uno scudo.

Un Dremora Kynreeve guerriero in “TES IV: Oblivion”

I DREMORA KYNMARCHERS sono gli alti ufficiali degli eserciti di Mehrunes Dagon e comandano i Dremora di rango inferiore. Iniziano ad apparire quando i giocatori raggiungono il livello 17.

Un Dremora Kynmarcher arciere in “TES IV:Oblivion”

I DREMORA MARKYNAZ sono i Granduchi del Piano di Mehrunes Dagon e i Membri del suo Consiglio.I Dremora Markynaz inizieranno ad apparire a giocatori di livello 21.

Un Dremora Markynaz Mago in “TES IV:Oblivion”

I DREMORA VALKYNAZ sono quelli di più alto grado. Comandano l’esercito e fungono da Guardia personale di Mehrunes Dagon. A differenza degli altri indossano un’Armatura Daedrica e si trovano dopo aver raggiunto il ventiquattresimo livello.

Un Dremora Valkynaz guerriero in “TES IV:Oblivion”

In “TES V: Skyrim” i Dremora sono assai più rari, si trovano in pochissime locazioni (il Santuario di Mehrunes Dagon , Maze Shalidor, l’interno della Stella di Azura) ma c’è modo di evocarli.

Le loro armature in genere non possono essere raccolte al contrario delle armi. Il loro cuore è anche qui un ingrediente raro e prezioso.

E’ possibile evocarne uno per sessanta secondi quando si entra in possesso della “Rosa di Sanguine” che è la ricompensa della divertentissima quest “ A Night To Remember”. Ad alti livelli di evocazione c’è anche un incantesimo apposito. Il Dremora evocato è un gerriero vestito con un’armatura Daedrica e brandisce uno Spadone Daedrico. Ha il vezzo di urlare durante i combattimenti. Dai Dremora evocati non è possibile recuperare nulla, neanche il cuore.

Un Dremora Caitiff in “TES V: Skyrim”

 

This site uses XenWord.
Vai alla barra degli strumenti