Con “Citadel” gli sviluppatori di Bioware Edmonton, prima di congedarsi definitivamente dalla saga di Mass Effect, hanno voluto tributare un ultimo grande omaggio a Shepard e alla sua squadra. Quello che hanno voluto realizzare è un DLC che fosse in grado di entusiasmare lo zoccolo duro della fanbase, coloro che in questi mesi non hanno risparmiato aspre critiche al capitolo finale della trilogia.
A scanso equivoci, chiariamo subito che i Bioware sono riusciti a confezionare un prodotto ricco di contenuti , curato ed emozionante. “Citadel” è probabilmente il miglior DLC della saga, ma contemporaneamente, anche alla luce del favore di pubblico che sta ricevendo, testimonia il fallimento di tutta l’impostazione narrativa di Mass Effect 3.
“Citadel” rappresenta una parentesi ironica e spensierata, lontana dalla tragicità della guerra contro i Razziatori. Vengono abbandonati i toni drammatici di uno Shepard solo dinanzi al proprio fardello, per riaffermare una verità evidente sin dai primi due capitoli della saga: l’unicità di Shepard non è mai dipesa dall’abilità in battaglia, ma dalla capacità di ispirare coloro che hanno combattuto al suo fianco. Questo DLC fa riacquistare, all’equipaggio della Normandy, quella rilevanza e quella dignità che in Mass Effect 3 si erano un po’ perse. Il messaggio che i Bioware lanciano è esplicito: Shepard senza i suoi amici sarebbe stato solo un ottimo soldato, destinato però a fallire dinanzi alle prove poste lungo il suo cammino.

2

 Gli eventi narrati nel DLC prendono il via da una licenza, che l’equipaggio della Normandy si concede a bordo della Cittadella. Neanche il tempo di godersi il nuovo appartamento, che il nostro Shepard si troverà braccato da un gruppo di mercenari, con a capo un misterioso personaggio. Lungi da me rivelare di più sulla trama, dal momento che “Citadel” si basa su colpi di scena ed espedienti narrativi, che potremo tranquillamente definire “da film di serie B”, ma che descrivono l’atmosfera da classica space opera, tipica di Mass Effect, molto meglio di qualsiasi deriva metafisica.
Le ambientazioni che fanno da sfondo alle vicende, situate tutte nella Cittadella, sono molto curate e dettagliate. Avremo modo di vistare un quartiere inedito, la “Silversun Strip”, sede di diversi locali nei quali, tra una missione e l’altra, potremo passare un po’ di tempo con gli amici, o a cimentarci in alcuni dei numerosi mini giochi introdotti. La Strip risulta veramente suggestiva e ricca di contenuti, distaccandosi nettamente dalle altre zone della Cittadella, non altrettanto rifinite.
Con il dipanarsi della trama, ci vengono proposte una serie di soluzioni di gameplay atipiche, ma  già sperimentate in passato, che, pur non stravolgendo le classiche dinamiche della saga, permettono di diversificare maggiormente l’esperienza di gioco.
Una menzione speciale la merita la colonna sonora, composta da Sam Hulick, Cris Velasco, e Sascha Dikiciyan, che riconferma l’altissima qualità del comparto sonoro di Mass Effect 3, probabilmente, uno dei migliori degli ultimi anni in ambito videoludico.

3

È giusto puntualizzare che, in questo DLC, non è tanto lo scontro con il misterioso avversario a fare la parte del leone, quanto piuttosto tutta una serie di contenuti, di chiara matrice ruolistica, che a mio avviso sarebbero dovuti essere già presenti in Mass Effect 3.
Dialoghi articolati, situazioni divertenti, ambientazioni dettagliate e ricche di cose da fare, vicende coerenti con l’atmosfera della saga: ecco cosa si aspettavano gli “incontentabili” fan; e vedere che tutto questo era a portata di mano non fa che aumentare il rammarico per l’incredibile occasione persa con Mass Effect 3, un ottimo gioco ma incompleto al momento dell’uscita.
In conclusione, “Citadel” è un DLC da non perdersi assolutamente, sia per la qualità intrinseca del prodotto, sia per la possibilità di vestire, un’ultima volta, i panni di un personaggio che è già entrato di diritto nella storia dei videogames.

IL VERDETTO

9
A CHI POTREBBE PIACERE?
Ad ogni fan di Mass Effect, specialmente a chi è rimasto deluso dal terzo capitolo della saga.
PRO
  • L'equipaggio della Normandy torna protagonista
  • Una nuova zona della Cittadella ricca di contenuti
  • Molte situazioni ironiche e divertenti
CONTRO
  • Costo elevato

DATI DEL GIOCO

Piattaforme: Windows, PlayStation 3, Xbox 360, Nintendo WiiU

Sviluppatore: BioWare

Distributore: Electronic Arts

Data di uscita: 05/03/2013

Sito Ufficiale

Spazio dedicato nel forum

PEGI: 18+

GIUDIZIO LETTORI

ND 0 voti
Recensione Mass Effect 3 – Citadel
0 Utenti (0 voti)
Voto
Recensioni degli utenti 0 Devi fare il log-in per votare

Sii il primo a lasciare un voto.