L’USURPATORE CAMORAN

 

La guerra dell’Usurpatore

Il vero nome dell’Usurpatore Camoran è Haymon Camoran, ma è anche noto come il Hart-King, o Haymon Hart-King.

Era discendente della nobile dinastia Camoran di Valenwood (una delle più antiche di Tamriel) ed è ricordato come uno dei signori della guerra più infami e sanguinari della storia. Haymon dapprima entrò in conflitto con Kaltos Camoran, l’altro pretendente al trono, di cui era stato consigliere e stregone di fiducia: i dissapori tra i due iniziarono quando Kaltos stigmatizzò la distruzione della città coloviana di Kvatch e la ferocia esercitata sui civili inermi. Alla fine Kaltos, sconfitto, dovette darsi alla fuga per salvarsi la vita.

Ma la vera parabola bellica inizia nell’anno 249 della Seconda Era quando, durante il regno dell’imperatore Cephorus II, l’usurpatore cominciò a invadere metodicamente la parte occidentale di Tamriel. Il suo esercito era composto inizialmente da Redguards e Bosmers (o Elfi dei boschi), come da tradizione di Valenwood, ma presto ricorse a ben più terribili truppe di non-morti (forse ottenuti resuscitando i nemici uccisi) e, soprattutto, a Daedra: è stata avanzata l’ipotesi di un suo patto con un Principe Daedra (come quello che stipulerà suo figlio Mankar Camoran con Merhunes Dagon, come abbiamo visto in Oblivion). Cephorus non era in grado di fermare l’invasione del suo regno in quanto troppo impegnato in una guerra civile per la successione imperiale e dovette limitarsi a inviare un esercito di mercenari che fu facilmente sbaragliato.

In due anni, un formidabile esercito di mercenari, non morti e Daedra sottomise la maggior parte di  Valenwood e, nei tredici anni successivi, anche Hammerfell dovette cedere (anno 253). Ovunque passava restava solo sangue, morte e devastazione.

 

La caduta e la resistenza di High Rock

Nell’anno 266 della Terza Era, l’Usurpatore rivolse la sua attenzione a High Rock. I popoli della Iliac Bay erano divisi in molti piccoli stati in continuo conflitto tra loro e nella zona serpeggiava un sotterraneo malumore contro l’Impero. Così, all’arrivo dell’Usurpatore, molti lo scambiarono per un liberatore e alcuni piccoli monarchi (detti gli “otto traditori”) stipularono con lui delle alleanze segrete per proteggere le loro terre.

I governanti locali erano praticamente degli inetti (in particolare quelli di Wayrest e Sentinel). Daggerfall era lacerata dai conflitti tra Elena e suo cugino Jilathe. Gradkeep, signore di Reich (ora Anticlere) era gravemente ammalato e morì in quello stesso anno.

Mancando del tutto una leadership di polso, la resistenza iniziale fu molto debole, ma presto fu manifesta la crudeltà dell’Usurpatore nei confronti dei prigionieri e i feroci saccheggi provocarono le prime reazioni.

Così, nei primi mesi dell’anno 267 della Terza era, le baronie di Ykalon, Phrygias e Kambria si allearono con quella di Dwynnen sotto la  guida del mitico Barone Othrok. La parabola del’Ururpatore terminò poco tempo dopo, quando fu sconfitto e ucciso dalle forze combinate di High Rock e del redivivo Kaltos Camoran nell’epica battaglia di Firewaves in cui si vide il più grande schieramento di tutti i tempi di forze navali e terrestri.

La vittoria sull’Usurpatore, raggiunta senza aiuti da parte dell’Imperatore, aumentò il prestigio dei governanti locali e alimentò il patriottismo e il separatismo. Othrok è ancora ricordato e festeggiato a Dwynnen in occasione della “Otohrkide, la ricorrenza in onore del giorno in cui egli, secondo la leggenda, emerse dal deserto di High Rock e sconfisse i non morti del lich che all’epoca governava la città, per poi diventare il primo barone di Dwynnen. Da allora quella terra godette di pace e prosperità fino all’arrivo dell’Usurpatore.

 

Linea di Sangue

Ma la tragica vicenda dell’Usurpatore (che mi sembra vagamente ispirata al Macbeth shakespeariano) lascia uno strascico: il suo altrettanto crudele figlio, Mankar Camoran, un altro temibile stregone avuto da una donna Bosmer. Ricordiamo che Mankar Cormoran, che incontriamo nel suo ambiguo “Paradiso” in Oblivion, era il creatore e leader della “Mitica Alba”, il culto dedicato a Mehrunes Dagon responsabile dell’uccisione di Uriel Septim VII e della conseguente “crisi di Oblivion”.

Ma questa è una vicenda che, in questa sede, non vi racconteremo: chi ha fatto TES IV già la conosce, gli altri è bene che si affrettino ad acquistare il gioco (XD – n.d.r.).

Un’ultima annotazione: non mi è stato possibile trovare immagini del personaggio.

 

Commenta la notizia sul forum

Autore:

Dopo la metà del cammin di sua vita si è reso conto di avere più passato che futuro, per cui si è messo a videogiocare come se non ci fosse un domani. Fan sfegatato di Black Isle e Bethesda, adora gli RPG di ogni tempo e tipo, le Avventure Grafiche e indulge anche in qualche Action e/o Survival. Ha studiato forsennatamente il Lore dei TES fino ad autoconvincersi, da perfetto incosciente, di saperne qualcosa. Detesta i chackponts, i giochi in prima persona e i simulatori di ogni tipo.